Le 10 fermate più interessanti lungo la Transiberiana

Legion Media
Più di 9.000 chilometri fra steppe, città, dacie e boschi. La linea ferroviaria più lunga del mondo tocca alcune importanti città della Russia che meritano di essere visitate. Abbiamo selezionato per voi le tappe più interessanti da fare

Un sogno lungo 9.200 km. Tanta è la distanza che separa Mosca da Vladivostok, collegate da un treno diventato leggenda: la Transiberiana. Dal finestrino dei suoi vagoni si può ammirare buona parte della Russia: molte grandi città degli Urali, la Siberia e l’Estremo oriente. Senza dimentare un altro, non secondario, vantaggio: un biglietto per la Transiberiana permette ai passeggeri di scendere in qualsiasi stazione e proseguire poi il viaggio salendo su qualsiasi altro treno che corre sulla stessa linea, purché ci siano posti liberi, ovviamente. 

Ecco le città che consigliamo di esplorare durante il vostro viaggio.

1. Jaroslavl

A Mosca il treno parte dalla stazione ferroviaria Jaroslavskij, e una delle prime tappe del viaggio può essere la meravigliosa Jaroslavl, un’antica città fondata dal principe Jaroslav il Saggio nel 1010.

Jaroslavl è la capitale non ufficiale del famoso circuito turistico dell'Anello d'Oro, e vanta centinaia di chiese e monasteri. Entrate nel Museo di Jaroslavl, nascosto dietro le massicce mura dell'ex Monastero della Trasfigurazione del Salvatore; esplorate la cattedrale principale e visitate l'orso Masha, l'incarnazione vivente dello stemma di Jaroslavl.

Qui trovate tanti altri suggerimenti su cosa vedere a Jaroslavl.

2. Perm

Il Museo regionale di Perm

Perm è sia una grande città industriale, sia un importante centro culturale degli Urali. Vanta una rinomata compagnia d’opera e balletto, oltre a un grande teatro di prosa dal nome inaspettato: “Teatr”. Ospita inoltre un proprio museo d’arte contemporanea (cosa rara in Russia), il PERMM, inaugurato nel 2009 in un ex edificio del terminal fluviale.

Nella lista delle cose da fare a Perm non possono mancare una gita in barca sul fiume Kama e un selfie sul lungofiume sullo sfondo della grande opera di land-art di Boris Matrosov “Счастье не за горами” (Schast’e ne za gorami, La felicità è dietro l’angolo.

Avete deciso di fermarvi un paio di giorni a Perm? Allora continuate la lettura per scoprire cosa fare e cosa vedere in 48 ore in questa città! Cliccate qui

3. Ekaterinburg

La cosiddetta “Città Chekista”, il quartiere di edifici residenziali e dormitori costruttivisti di Ekaterinburg

Capoluogo degli Urali, città natale del primo presidente della Russia Boris Eltsin, Ekaterinburg è una città industriale con più di un milione di abitanti.

Non perdetevi il monumento architettonico conosciuto come la “Città Chekista”, un quartiere di edifici residenziali e dormitori costruttivisti realizzati negli anni ‘20 e ‘30 del Novecento: era destinato alla leadership della polizia segreta NKVD (da cui prende il suo nome non ufficiale).

In questo articolo vi abbiamo dato alcuni suggerimenti su cosa fare se arrivate a Ekaterinburg in inverno; qui invece trovate gli edifici più belli da visitare in città.

LEGGI ANCHE:La Collina dell’Ascensione di Ekaterinburg, il luogo testimone del tragico destino dei Romanov.

4. Tjumen

Tjumen è il centro dell'industria petrolifera russa; allo stesso tempo, è stata più di una volta in cima alla lista delle città più vivibili del paese. Se passate di qui, mettete in programma una passeggiata lungo l'argine del fiume Tura, un giro sulle giostre del Parco della Cultura e del Tempo Libero, una visita al Monastero della Santa Trinità e alla Cattedrale Znamenskij, costruita nell'insolito stile barocco siberiano. A proposito, Tjumen ha un'università molto progressista, con tanti stranieri sia sui banchi, sia in cattedra (ne abbiamo parlato qui).

A due ore di macchina da Tjumen (sfortunatamente, non sulla rotta transiberiana), c'è l'antica città di Tobolsk, che nei secoli XVII-XVIII servì come roccaforte per l'esplorazione russa della Siberia. Qui troverete persino un Cremlino di pietra!

5. Omsk

La Cattedrale della Dormizione

Omsk è conosciuta in tutto il mondo come il luogo dove lo scrittore Fjodor Dostoevskij trascorse quattro anni in esilio. Il museo letterario della città, che studia l'eredità degli scrittori siberiani, porta il suo nome. Omsk è anche sede di una metropolitana unica: con una sola stazione, è la più corta del mondo. Cliccate qui per saperne di più.

Una volta arrivati fin qui, approfittatene per vedere dal vivo una partita della Continental Hockey League: la squadra locale Avangard è una delle più forti del paese!

6. Novosibirsk

Novosibirsk è considerata la capitale di... indovinate un po'! Proprio così: della Siberia! La città fu fondata nel XIX secolo sul percorso della ferrovia Transiberiana, in costruzione a quel tempo. Ancor prima, nel luogo dove poi sorse la città, fu eretto un ponte ferroviario sul fiume Ob', poi inserito nello stemma cittadino.

Oggi Novosibirsk è una città con più di un milione di abitanti e una grande offerta di attività per il tempo libero, dai musei ai teatri, dallo zoo al circo. Merita una visita anche la Cattedrale di mattoni rossi di Aleksandr Nevskij, il primo edificio in pietra eretto in città.

Se avete un paio di giorni da dedicare a Novosibirsk, vi sarà utile la nostra guida su cosa fare e cosa vedere in 48 ore: eccola qui

7. Krasnojarsk

I pilastri di Krasnojarsk

Con i suoi lunghi viali, i grandi spazi e l’imponente fiume Enisej, Krasnojarsk è un luogo dove si può percepire tutta la potenza della Siberia. Alcuni dei posti più famosi della città sono stati ritratti sulla banconota da 10 rubli, come vi abbiamo raccontato qui.

Non perdetevi il museo di storia locale e il centro museale Ploshchad Mira, dove l'arte contemporanea incontra l'arte sovietica. I due edifici del museo sono separati da una passeggiata lungo l'argine dello Enisej, che offre una bella vista sui ponti che attraversano il fiume.

Non lontano dalla città ci si può concedere una visita alla riserva naturale Krasnojarsk Stolby (I pilastri di Krasnojarsk).

A proposito: lo sapete che a Krasnojarsk è stato trovato il cranio di un leone delle caverne estintosi più di 30.000 anni fa? Ne abbiamo parlato qui.

8. Irkutsk

Eccoci a metà del viaggio: siamo nella città dove i Decabristi scontarono l’esilio dopo la rivolta contro la monarchia organizzata sulla piazza del Senato a San Pietroburgo. A Irkutsk esiste un museo a loro dedicato. 

Ma, naturalmente, l'attrazione principale della città è il lago Bajkal: il punto della costa più vicino si trova a un’ora di macchina da Irkutsk.

Qui abbiamo stilato una guida pratica su come raggiungere il Bajkal e cosa visitare nella zona.

9. Ulan-Ude

Il centro buddista Ivolginskij Datsan

Se non avete abbastanza tempo per raggiungere il Bajkal, non preoccupatevi: lo potrete ammirare dal finestrino del treno, poiché tra Irkutsk e Ulan-Ude la ferrovia corre lungo le rive del lago, con fermate di due minuti lungo il tragitto.

Scendere dal treno nella capitale della Buriazia può rivelarsi un’avventura insolita: questa zona al confine con la Mongolia è nota per le sue antiche tradizioni buddiste. Non lontano dalla città c'è un importante centro buddista, Ivolginskij Datsan. Anche la principale cattedrale ortodossa russa di Ulan-Ude, la Cattedrale Odigitrievskij, merita una visita.

Qui vi imbatterete anche in un insolito monumento a Vladimir Lenin: una testa gigantesca del leader della Rivoluzione.

LEGGI ANCHE:Viaggio in Buriazia, fra spiritualità e incroci di culture

10. Khabarovsk

Ancora 14 ore e sarete a Vladivostok! Nel frattempo, benvenuti nella capitale del territorio di Khabarovsk, nell'Estremo oriente russo! La città si trova sul fiume Amur, vicino al confine con la Cina. C'è un ponte di 3 km che attraversa il fiume, popolarmente conosciuto come il “miracolo dell'Amur”.

È interessante notare che a 75 km da Khabarovsk, in un villaggio del locale popolo indigeno Nanai, è stata trovata una scultura in pietra risalente al 12.000 a.C. Ne abbiamo parlato qui

LEGGI ANCHE: Com’è la vita di chi lavora sui treni della Transiberiana?

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie