Ulan-Ude, un assaggio di Asia

La capitale della Repubblica dei Buriati ha lo stesso fuso orario dell'australiana Perth ed è ricca di monasteri buddisti

Ulan-Ude (Foto: Alamy / Legion Media, Lori / Legion Media)

La mia prima vista del lago Bajkal è avvenuta attraverso due pezzi di stoffa che pretendevano di essere definiti tende sul treno 134 da Penza a Vladivostok. Naturalmente, sono consapevole di quanto sia grande il Lago Bajkal e che si tratta del lago più antico e più profondo del mondo ma, all’epoca, non ero preparata per quello che avrei visto attraverso il finestrino sporco del treno. Il Lago Bajkal è un oceano. Il nostro treno è passato direttamente attorno alla sponda meridionale del lago, così vicino all'acqua che ho potuto vedere la ghiaia sulla spiaggia. La vista da questa parte del lago è una distesa d'acqua a Nord, Est e Ovest. Non è possibile vedere nient’altro.

La mia prima vista di Ulan-Ude, tuttavia, è stata meno emozionante. Pioveva a dirotto, così la mia amica Juliet e io abbiamo ceduto e abbiamo preso un taxi (piuttosto costoso) per raggiungere il nostro ostello che si è poi rivelato essere a circa 10 minuti di distanza. La Casa del Viaggiatore Ulan-Ude è un luogo piccolo e grazioso e si affaccia sulla piazza principale della città dove è esposta, probabilmente, l’attrazione principale: una testa gigante di Lenin. Non lui per intero; solo la sua testa.

Ulan-Ude sembra veramente la prima città della Russia in Asia; geograficamente ha lo stesso fuso orario della città australiana di Perth, così in realtà si trova abbastanza a estremo oriente. Le città russe hanno la tendenza ad apparire tutte uguali dopo un po’ di tempo: hanno una caffetteria chiamata Coffee House, un ristorante sushi, boutique da sposa e un numero imprecisato di piccoli chioschi che vendono torte e sigarette. Tutti i loro abitanti sono sempre bianchi e slavi. Ulan-Ude è diversa, anche se non manca la tradizionale “via Lenin”.

In città si percepisce una sensazione di Asia. È la capitale della Repubblica dei Buriati, che comprende anche parte del lago Bajkal. I popoli etnici buriati sono di origine mongola; alcuni praticano il buddismo o lo sciamanesimo e altri sono più russificati di altri. Ulan-Ude è l'ultima città importante in Russia sulla via per la Mongolia, quindi è etnicamente molto varia ed è influenzata dalla cultura mongola.

È stato, quindi, un posto eccitante da visitare. Ciò che ha reso l’avventura più emozionante è che abbiamo scoperto che era possibile pranzare in una yurt (una tenda abitazione tipica dei popoli nomadi dell’Asia Centrale). Una yurt! Un ristorante che si trova proprio dietro il municipio, dove si recano le spose per convolare a nozze, e che prepara cibo a basso costo per studenti e lavoratori.

Il menu è composto da poche opzioni ma dal prezzo molto ragionevole e, visto che non avevo idea di cosa fossero i piatti indicati nel menù, ho ordinato tutto. Ho fatto così un pranzo a base di dolci di frutta, carne, una zuppa di tagliatelle e qualcosa che sembrava un incrocio tra una pizza e un panino con la carne. Era tutto molto grasso ma comunque commestibile.

Oltre alla testa gigante di Lenin, le altre attrazioni turistiche di Ulan-Ude sono i monasteri buddisti chiamati datsans. Su per una strada fangosa e accidentata a 20 minuti di viaggio su una marshrutka (un taxi minibus) c’è un altro, più piccolo datsan, Rinpoche-Bagsha che si trova a Nord di Ulan-Ude. La vista da qui è mozzafiato. Ulan-Ude è circondata da montagne, da un fiume e da un bosco e, con solo il gong della campana del monastero a disturbare la pace, il luogo è meravigliosamente tranquillo.

Il datsan sulla collina è amichevole verso i visitatori. All'interno del monastero si trova un particolare nuovo Buddha, dipinto in oro e i visitatori sono invitati a sedersi e a osservare il procedimento o a leggere in russo notizie sul luogo. Anche se non si sa nulla di Buddismo il datsan è un bel posto da visitare.

Purtroppo, io e Juliet non abbiamo potuto visitare il famoso Ivolginsky Datsan appena fuori dalla città, che è uno dei datsan più grandi e più particolari della zona. Per noi, infatti, era previsto un viaggio assai meno attraente in un ospedale russo.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta