Sei bellissimi templi buddisti da visitare in Russia

Legion Media
Ci sono circa un milione di seguaci del buddismo tra i cittadini russi, in particolare nelle repubbliche di Calmucchia (nella parte europea del Paese), Buriazia e Tuva (in Siberia) e alcuni complessi architettonici sono splendidi

Anche se il buddismo non è la religione più diffusa tra i molti gruppi etnici della Russia, conta un milione di seguaci e più di 200 organizzazioni buddiste nel Paese.

Per la maggior parte di queste persone, si tratta non di conversione, ma della loro religione tradizionale, perché il buddismo è storicamente diffuso nelle repubbliche di Calmucchia (Russia meridionale), Buriazia (Siberia orientale) e Tuva (Siberia meridionale). Pertanto, queste regioni hanno alcuni templi davvero impressionanti.

1 / Ivolginskij Datsan (Buriazia)

Situato a 38,5 km dalla città di Ulan-Udè, capitale della Buriazia, Ivolginskij Datsan è considerato il fulcro del buddismo russo, sede del Sangha tradizionale buddista della Russia e del lama Pandido Khambo, il leader di tutti i lama russi. Fondato nel 1945 in seguito al permesso ufficiale delle autorità sovietiche, è cresciuto da una piccola casa di legno a un grande complesso comprendente 10 edifici.

Uno dei misteri di Ivolginskij Datsan è il cadavere conservato di Dashi-Dorzho Itigilov, l’ex capo dei buddisti buriati che morì in meditazione nel 1927. Nonostante i decenni trascorsi, il suo corpo è ancora conservato senza alcun segno di decomposizione: un miracolo che attrae pellegrini da tutto il mondo.

2 / La dimora d’oro del Buddha Shakjamuni (Calmucchia)

La Dimora d’oro del Buddha Shakjamuni (o Burkhan Bakshin Altan Sume, come viene chiamata in Calmucchia) si trova nel cuore stesso di Elista, la capitale della Repubblica di Calmucchia. Aperto nel 2005 come simbolo del risveglio culturale e religioso della regione, può essere visto da qualsiasi parte della città.

Ha sette piani che ospitano non solo sale per preghiere e meditazioni, ma anche una biblioteca, un museo e una sala conferenze. La caratteristica più interessante di questo tempio è la statua del Buddha, alta 9 metri, placcata in oro, che si dice sia la più alta in Europa.

3 / Datsan Gunzechoinei (San Pietroburgo)

Il tempio buddista più settentrionale della Russia, il Datsan Gunzechoinei, è anche il primo che fu costruito nella parte europea del Paese. Fondato nel 1909 dopo un accordo tra lo zar Nicola II e Agvan Dorzhiev, inviato del XIII Dalai Lama Thubten Gyatso, è uno dei templi buddisti più ricchi d’Europa. Costruito in granito, è stato arricchito con sontuosi decori e ha finestre in vetro colorato create dal famoso pittore Nikolaj Roerich.

Dopo la rivoluzione del 1917, il tempio fu chiuso e poi nazionalizzato nel 1938 e trasformato in palestra. Solo nel 1990 ha riaperto come centro religioso gestito dal Sangha tradizionale buddista della Russia. Secondo le stime, 300-500 persone visitano il tempio ogni giorno e il numero complessivo stimato di seguaci buddisti a San Pietroburgo è superiore a 15 mila.

4 / Atsagatskij Datsan (Buriazia)

Fondato nel 1825, l’Atsagatskij Datsan (precedentemente noto come Kurbinskij Datsan) si trova nel villaggio di Naryn-Atsagat, nella Repubblica di Buriazia. Ha visto molte figure chiave nel buddismo russo, incluso il summenzionato Agvan Dorzhiev, nato in un villaggio vicino.

Fino al 1930 il posto era uno dei centri della medicina tibetana e un luogo di ritrovo per i buddisti di tutto il Paese. Nel 1936 fu chiuso dalle autorità, ma è stato riaperto dopo la caduta dell’Unione Sovietica.

5 / Sakusn-Sjume Datsan (Calmucchia)

Situato non lontano dalla città di Elista, Sakusn-Sjume è piuttosto nuovo. Il grande complesso, che doveva diventare un centro di educazione spirituale, è stato aperto nel 1996 ed è stato il centro chiave del buddismo in Calmucchia fino alla costruzione della Dimora d’oro del Buddha Shakjamuni.

Sakusn-Sjume è stato progettato sulla base dell’esempio dei templi buddisti tibetani e ha una statua del Buddha placcata in oro alta 3,5 metri. Anche se non è più il centro principale del buddismo nella repubblica, è ancora considerato un importante luogo di culto.

6 / Ustuu-Huree (Tuva)

Uno dei più grandi templi buddisti della Russia è il complesso Ustuu-Huree di Tuva, fondato nel 1905. Costruito con l’aiuto del lama tibetano Kuntana Rimpoche, il tempio funzionò fino al 1930, quando fu chiuso dalle autorità, come molti altri templi.

Nel 1999, il governo ha deciso di rilanciare Ustuu-Huree e di attirare l’attenzione del pubblico e le donazioni lanciando il Festival Internazionale di musica dal vivo e fede “Ustuu-Huree”, che ora si tiene ogni anno.

Il matrimonio in Russia: le tradizioni millenarie ancora vive 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie