Sei errori incredibili da evitare nella metropolitana di Mosca

Anche i moscoviti ogni tanto sbagliano: confondono le fermate (alcune sono davvero complicate!) e tornano indietro, o calcolano male il tempo e perdono le coincidenze. Vi spieghiamo gli sbagli più comuni da non fare

1. Confondere le stazioni che hanno nomi identici

Ci sono diverse stazioni che portano lo stesso nome: per esempio, la Kurskaja sulla linea circolare e la Kurskaja sulla linea radiale. Lo stesso vale per la Komsomolskaja, la Belorusskaja e così via. Ci sono anche altre due stazioni che hanno lo stesso nome, ma non sono collegate: le due Arbatskaja e le sue Smolenskaja. Sono vicine dal punto di vista geografico, ma non collegate. C’è la Arbatskaja sulla linea 3 (è una stazione grande, con collegamento alle linee 1, 4 e 9), e la Arbatskaja sulla linea 4, priva di cambi. Le due Smolenskaja si trovano sulla linea 3 e sulla linea 4. Se qualcuno organizza un incontro con voi in una Arbatskaja o in una Smolenskaja, accertatevi di stare parlando della stessa stazione!

2. Perdersi nelle stazioni in cui le banchine portano in direzioni opposte

A momento ci sono due fermate in cui si si può perdere o, addirittura, finire per imboccare la direzione sbagliata. Le banchine sono organizzate in modo diverso rispetto alla maggioranza delle stazioni della metropolitana di Mosca.

La più importante è Kitaj-Gorod, una delle stazioni di cambio più affollate. Quando vi date appuntamento a Kitaj-Gorod, è meglio non usare il classico punto di ritrovo “in mezzo alla banchina” (ma ora ci sono anche speciali punti d’incontro), perché ci sono due stazioni collegate da un passaggio nel centro e che appaiono del tutto identiche (grazie, architetti della metropolitana di Mosca)! È facile, però, distinguere una banchina di Kitaj-Gorod dall’altra: basta conoscere il trucco. Quella in cui i treni vanno verso sud, nella direzione della Tretjakovskaja sulla linea 6 e sulla Taganskaja sulla linea 7, è soprannominata “kristal”, perché le sue colonne sembrano fatte di cristallo. Quella i cui treni vanno verso nord, alla Turgenevskaja sulla linea sei, e a Kuznetskij Most sulla linea sette, è chiamata “garmoshka” (fisarmonica), anche questo un soprannome basato sulla forma delle colonne. Per fortuna, adesso è più facile da ricordare.

Per trovarsi a Kitaj-Gorod, bisogna pianificare di incontrarsi “vicino al testone”, il monumento a Viktor Nogin, leader bolscevico. Il suo monumento a forma di testa si trova nel lato nord della stazione, dove si esce con i gradini (dal lato opposto c’è un ascensore).

L’altra “banchina doppia” è quella della stazione Tretjakovskaja, che unisce le linee sei e otto. È meno complicata e le due banchine hanno aspetti diversi. Una ha un passaggio chiuso nel centro, ed è quello che conduce a sud: la stazione successiva è la Oktjabrskaja. Nell’altra Tretjakovskaja, i treni sono diretti alla linea 8 (dove c’è la prima fermata) e in direzione nord per la linea 6 a Kitaj-Gorod. Facile!

3. Andare nella direzione sbagliata a Kievskaja

Dalla stazione Kievskaja della linea 4 i treni possono andare in due direzioni: verso la “vecchia” parte della linea, in cui la stazione successiva è la Studencheskaja e l’ultima fermata è Mitino, o alla parte “nuova”, in cui la stazione più vicina è la Vystavochnaja e l’ultima fermata è la Mezhdunarodnaja, dove si trova il quartiere degli affari, la City di Mosca. La parte “nuova” si usa di meno e i treni per Vystavochnaja arrivano con intervalli più lunghi. Per prendere la direzione giusta, bisogna stare attenti al nome della fermata finale: è scritto sulla locomotiva del treno e si vede non appena arriva alla stazione, guardando i segnali luminosi sopra i binari.

4. La stazione Aeroport non ha nessun aeroporto

Un classico errore per i non-moscoviti in vacanza a Mosca per la prima volta è pensare che uno degli aeroporti di Mosca si trovi vicino alla stazione della metropolitana Aeroport, che è a dieci minuti dal centro. Questo errore potrebbe addirittura farvi perdere l’aereo! Tutti gli aeroporti di Mosca sono lontani dal centro della città e sono accessibili con i treni Aeroexpress dalle stazioni Belorusskaja, Kievskaja e Paveletskaja. Il nome Aeroport è dovuto a un vecchio campo aeronautico sperimentale, ora del tutto coperto da edifici vari e case.

5. Fare errori di calcolo quando si usa la Linea circolare di Mosca

Il Moskovskoe tsentralnoe Koltsò, noto anche all’inglese come Moscow Central Circle (MCC), ovvero la Linea circolare centrale, è una componente relativamente nuova della metropolitana di Mosca, inaugurata a settembre 2016, che collega tutte le linee e ha sensibilmente decongestionato il sistema. I moscoviti, soprattutto quelli che vivono ai limiti della città, sono contenti di usarla. Ma un nuovo arrivato potrebbe sbagliare a calcolare la stima dei tempi dei cambi tra la metropolitana e le linee della MCC. La maggior parte dei cambi è breve, e non c’è nemmeno bisogno di uscire in strada. Ma ci sono sette stazioni della MCC dove ci vogliono dai cinque ai dieci minuti per cambiare, e bisogna andare in superficie e camminare parecchio. Le abbiamo selezionate per voi, cominciando dal cambio più lungo (prima ci sono le stazioni MCC, poi le stazioni della metropolitana)

Panfilovskaja - Oktjabrskoe pole, 800 metri 11 minuti
Baltijskaja - Vojkovskaja, 750 metri, 10 minuti
Khoroshevo - Polezhaevskaja, 640 metri, 8 minuti
Avtozavodskaja - Avtozavodskaja, 530 metri, 8 minuti
Dubrovka - Dubrovka, 560 metri, 10 minuti
Bulvar Rokossovskogo - Bulvar Rokossovskogo, 340 metri, 6 minuti
Izmajlovo - Partizanskaja, 310 metri, 6 minuti
Shosse Entuziastov - Shosse Entuziastov, 300 metri, 7 minuti

6. Camminare piano

Mosca è una città sempre in movimento, dove migliaia di persone vanno di corsa in direzioni diverse. È una routine giornaliera che ha luogo in modo quasi automatico. Potrebbero sentirsi un po’ disturbati se, durante le ore di punta, capita loro di inciampare in qualche turista che se la prende comoda e cammina piano, magari per godersi l’architettura affascinante della metropolitana di Mosca. Gli abitanti della città sono, di solito, molto educati (la maleducazione potrebbe costare molto cara in una megalopoli come questa), per cui al massimo si limitano a tenere per sé quello che pensano, e voi sarete calpestati in tutta gentilezza e tolti di mezzo con delicatezza in un battito di ciglia.

Il nostro consiglio, allora, è semplice: per girare con tranquillità nella metropolitana di Mosca e godervi l’architettura senza disturbare gli abitanti sempre di corsa, andateci dopo le 11 del mattino fino alle 3-4 del pomeriggio, e poi ancora dopo le 21, quando ci sono molte meno persone. Se capitate in metropolitana proprio nelle ore di punta, limitatevi ad andare al ritmo della folla e non fermatevi. Tornate a un orario in cui è più facile avere più tempo per godere della bellezza di uno dei più importanti tesori di Mosca. 

Se davvero volete studiare la metropolitana, questi sono i nostri articoli sulle stazioni più belle della Linea Rossa (1), Linea Verde (2), Linea Blu (3), Linea Arancione (6), Linea Viola (7), Linea Gialla (8), Linea Grigia (9), e la Linea Verde chiaro (10). Oppure studiate come comportarvi nel sottosuolo come un vero moscovita

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie