Cinque errori da non fare se siete in visita a Mosca

Intanto, non fa sempre freddo. E poi diffidate dalle leggende metropolitane che circolano da anni, usate il buon senso, e venite con la mente aperta alle novità. Non ve ne pentirete

L’adagio dice “Paese che vai, usanza che trovi”. I russi dicono “Non si va con la propria regola nell’altrui monastero”, ma il senso è lo stesso. Il succo della questione lo conoscete. Allora perché non lo applicate quando siete a Mosca? Ecco gli errori che fanno di solito gli stranieri in visita nella capitale russa, e come evitarli.

1. Seguire pedissequamente le orde di turisti

Disegno di Alena RepkinaDisegno di Alena Repkina

Le trappole per turisti esistono ovunque nel mondo. Ti fanno sprecare tempo, attenzione e soldi. Qual è la peggiore trappola per turisti di Mosca?

“Quasi tutti hanno letto della via Arbat sulla guida o in qualche romanzo russo, così la curiosità è pienamente comprensibile”, racconta l’americano Jacob Gordon. “Ma si tratta essenzialmente di una glorificata trappola turistica, con bar e ristoranti mediocri e dai prezzi esosi e poco di più. Qualche luogo ‘da turisti’ di Mosca, ovviamente, merita di essere visto, ma il mio consiglio è di fare amicizia con qualcuno del posto e farsi mostrare le cose realmente interessanti da un moscovita”.

Tenetevi alla larga dalle aree super turistiche e provate a vedere le cose con gli occhi di uno del posto!

2. Pensare che a Mosca ci sia solo una stagione: il gelido inverno

Disegno di Alena RepkinaDisegno di Alena Repkina

Un mio amico russo una volta mi ha detto che tre stereotipi sulla Russia sono veri: la gente beve vodka, ci sono gli orsi e fa freddo. Ok, ma non è sempre freddo! Anche se molti turisti sembrano ignorarlo.

“Gli italiani pensano che qui sia sempre molto freddo”, dice l’italiana Diletta Ceruti, “e mettono in valigia cappotti e maglioni anche se vengono d’estate”.

Ma c’è anche il caso opposto, stranieri che arrivano del tutto impreparati ai rigori dell’inverno. “I turisti qualche volta fanno l’errore di indossare delle bellissime scarpe, che vengono totalmente rovinate dal sale buttato sulle strade per sciogliere il ghiaccio”, dice la britannica Louise Whitworth.

Guardate le previsioni del tempo prima di partire!

3. Essere imbranati con gli spostamenti

Disegno di Alena RepkinaDisegno di Alena Repkina

Ci sono persone che perdono facilmente l’orientamento nelle grandi città, e lasciatevelo dire, Mosca è enorme! Ma il centro storico è relativamente piccolo.

“Le persone non si rendono conto di quanto alcune uscite della metropolitana siano vicine, in superficie, e perdono tempo a cambiare treni sotto terra, quando farebbero prima a fare due passi”, dice il britannico Alastair Gill.

Quindi, prendete il controllo dei vostri spostamenti, invece di rimanere impalati in qualche fermata.

Con le app mobili e con la segnaletica in inglese del centro di Mosca, uscite serenamente in esplorazione!

4. Non usare il buon senso

Disegno di Alena RepkinaDisegno di Alena Repkina

Le persone a volte dimenticano che le piccole astuzie che funzionano a casa, possono essere utili ovunque.

“Il più grande errore è pensare che ci sia qualcosa di scortese o di sbagliato, di cattivo o di aggressivo nel rispondere no”, spiega Michael Deasy, che viene dal Canada. “In realtà devi imparare a girare i tacchi, ogni tanto”.

Petr Ishkin, che ha fatto da guida a gruppi di stranieri in Russia, offre alcuni consigli pratici, molto utili in loco.

“Non fissate mai i poliziotti, se incontrano il vostro sguardo questo vi condurrà dritto dritto al controllo dei documenti, e forse anche a una multa”,  spiega ancora Ishkin. “È accaduto più di una volta ai miei turisti. E poi un’altra cosa, non mettete il portafoglio nella tasca di dietro dei pantaloni, o alla prima stazione affollata della metropolitana, avrete molte probabilità di non trovarlo più”.

Quando siete a Mosca, fate come i moscoviti!

5. Credere agli stereotipi stantii

Disegno di Alena RepkinaDisegno di Alena Repkina

Nessuno può negare quanto siano cambiate le cose negli ultimi anni a Mosca. Ma la Russia, più di ogni altro posto, patisce i pregiudizi cristallizzatisi nel tempo. Non lasciatevi sopraffare dai preconcetti!

“Credo che il più grande errore sia credere alle cose che ti raccontano su un posto, prima di esserci stato di persona, dice il canadese Joe MacInnes. “Molte delle cose che sentirete sono voci passate di bocca in bocca, vecchie di dieci o quindici anni, quando tutto, in ogni caso, era molto diverso da adesso. La Mosca che ho scoperto non ha niente a che spartire con quella che mi avevano detto di dovermi aspettare”.

Abbiate la mente aperta e farete un viaggio con i fiocchi!

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale