Le cose più russe in assoluto… secondo i nostri lettori

Legion Media
Abbiamo chiesto a lettori, amici, colleghi e collaboratori quali sono, secondo loro, le cose che rappresentano la Russia per eccellenza. Leggete le loro risposte e scoprite se siete d’accordo con loro

Quali sono le cose che sintetizzano al meglio la Russia e lo spirito russo? Lo abbiamo chiesto ai nostri lettori, autori e collaboratori. Le risposte sono curiose, e ci accompagnano in un viaggio virtuale alla scoperta dell’essenza del paese più grande del mondo.

1 / La città più russa

Le opinioni dei nostri colleghi e collaboratori si sono divise tra Mosca e Suzdal. I nostri lettori, invece, hanno indicato univocamente la capitale russa; in effetti Mosca,   con il suo meraviglioso Cremlino dalle cupole a meringa, sembra la sintesi di un paese dove esistono molte altre fortificazioni simili, oggi perlopiù adibite a musei.

Non possiamo però esimerci dal citare altre risposte interessanti, che indicano come la città “più russa di tutte” Yaroslavl, ma anche Nizhnij Novgorod, Sergiev Posad, Kazan, Tyumen; e ancora: Volgograd, Ekaterinburg, Novosibirsk e Vladivostok. 

“Lo spirito russo si riflette soprattutto nei villaggi: Mosca o San Pietroburgo varcano i confini della ‘russità’ per diventare degli ibridi più internazionali”, ha commentato un nostro lettore. 

2 / Il tratto caratteriale più russo

Qual è l’aspetto “più russo” del carattere dei russi? Questa domanda “marzulliana” ha portato i nostri interlocutori a indicare in primis la sincerità e l’ospitalità. In effetti, come vi abbiamo raccontato qui, in Russia non troverete grandi sorrisi e modi di fare melliflui, ma riceverete sempre un’accoglienza sincera e cordiale. A proposito, sapete perché i russi accolgono gli ospiti offrendo loro pane e sale? Ecco dove affonda le sue radici. 

Fra le risposte a questa domanda, alcune persone hanno indicato anche onestà, coraggio e lealtà.

Ma il tratto caratteriale “russo per eccellenza” non sempre è positivo, secondo alcuni: infatti c’è chi ha indicato l’essere estremamente rudi e diretti, la diffidenza e l’ermeticità nel dimostrare le proprie emozioni. Qui abbiamo provato a capire perché i russi sono così rudi e inflessibili, e cosa ha influenzato il carattere di questo popolo. 

3 / L'emozione più russa

In questo caso le risposte sono state piuttosto univoche: tristezza e malinconia. Ma voi sapresti dire precisamente cos’è la “toskà”, quell’afflizione regina di tutti i sentimenti russi? Il concetto è difficilmente traducibile. Il dizionario propone “ansia”, “angoscia”, “noia”, “nostalgia”, “senso di mancanza”, ma nessuna di queste parole è esaustiva. Qui abbiamo cercato di capire il vero significato di una parola che esprime appieno un sentimento al 100% russo.

4 / Il cibo più russo 

In questo nostro sondaggio, i bliny e il borsch si contendono il primo posto del “cibo più russo di tutti”. Anche caviale, pelmeny e insalata Olivier (conosciuta in Italia come “insalata russa”) sono stati citati come i piatti più tipici per eccellenza. 

Ma negli ultimi anni Mosca e San Pietroburgo sono diventate due città estremamente internazionali: hanno assorbito usanze, gusti e piatti importati dall’estero; non stupisce quindi che alcuni lettori e colleghi abbiano indicato la pizza e il sushi tra i piatti più serviti sulle tavole dei ristoranti russi. Come vi abbiamo raccontato qui, i russi sono dei veri fanatici di sushi! Incredibile, vero?

5 / Il gesto più russo

I nostri colleghi non hanno dubbi: il gesto più russo di tutti è quello del dito schioccato sul collo: si chiama “shchelchòk po shee” e indica il bere. 

La leggenda narra che durante la costruzione di San Pietroburgo, uno sconosciuto artigiano russo offrì alcuni consigli di ingegneria riguardanti la costruzione della fortezza di Pietro e Paolo. Pietro il Grande gli chiese che ricompensa volesse, e l’astuto artigiano chiese di essere marchiato a fuoco (proprio come una mucca) sul collo con un segno che gli permettesse di bere gratuitamente in qualsiasi taverna della Russia: non appena fosse entrato, mostrando la sua cicatrice si sarebbe potuto ubriacare gratuitamente. Non sappiamo se la leggenda sia vera, ma il gesto è sopravvissuto fino a oggi.

Per saperne di più sui gesti russi, clicca qui

6 / La parola più russa

Secondo i nostri colleghi e collaboratori, la parola più russa è “davaj”, un termine che i russi usano continuamente e con mille sfumature, come vi abbiamo raccontato qui. Alcuni lettori hanno citato anche "spasibo", "babushka" e "na zdorovye" (ma l'ultima è spesso utilizzata in modo erraro, qui vi spieghiamo perché).

7 / L'abitudine più russa

Qual è l’abitudine più russa di tutte? Secondo molti, l’accumulare cose, in una diffusa mania di non voler buttare via niente. 

Ma c’è anche chi cita l’usanza di bere il tè, sedersi prima di partire per un viaggio e togliersi le scarpe prima di entrare in casa

8 / Il film più russo

La maggior parte degli intervistati ha indicato “L’ironia del destino, oppure Buona sauna!” (in russo, “Ironija sudby, ili S ljogkim parom!”).

Questo film è un simbolo del Capodanno in Russia e viene trasmesso in tv ogni 31 dicembre. Racconta la storia di uno scapolo di 37 anni che vive ancora con sua madre. Come da tradizione, va alla banja con gli amici per l’ultimo dell’anno e bevono un po’ troppo. Così tanto che, per errore, lo mettono su un volo per Leningrado, mentre a partire doveva essere un altro dei membri della comitiva, e lui a Mosca era atteso dalla ragazza per trascorrere il Capodanno insieme…

9 / Il libro più russo

Molti non hanno dubbi: “Guerra e pace!”, ma anche “qualsiasi cosa scritta da Tolstoj”. C’è anche chi cita “Onegin” di Aleksandr Pushkin, “Il Maestro e Margherita” di Mikhail Bulgakov e “I Fratelli Karamazov” e “Delitto e castigo” di Fyodor Dostoevskij.

10 / Il modo di dire più russo

Siamo rimasti davvero di stucco davanti alla quantità di proverbi che conoscono i nostri lettori! Ecco quali sono, secondo loro, i più russi:

Не все то золото, что блестит - Non è tutto oro quel che luccica

Тише едешь, дальше будешь - Chi va piano, va sano e va lontano

Семь пятниц на неделе - Sette venerdì in una settimana (significa che una persona cambia idea molto spesso)

Поживем - увидим - Aspettiamo e vediamo

7 раз отмерь, один раз отрежь - Misurare sette volte, tagliare una volta 

Не имей сто рублей, а имей сто друзей - Non ho 100 rubli, ma ho 100 amici

Хотелось как лучше, а получилось как всегда - Volevamo il meglio, ma è venuto come sempre

Доверяй, но проверяй - Fidati, ma verifica

На Бога надейся, да сам сам не плошай - Spera in Dio, ma non stare a guardare

Работа не волк, в лес не убежит - Il lavoro non è un lupo, non scapperà nella foresta

Le persone che hanno partecipato al sondaggio hanno un’età compresa tra i 17 e gli 85 anni e provengono da tutto il mondo, soprattutto dagli Stati Uniti, ma anche da Sri Lanka, Svezia, Regno Unito, India, Canada, Italia, Paesi Bassi, Croazia, Australia… Circa l'80% di loro ha detto di non avere radici o legami con la Russia, e ci ha sorpreso trovare risposte così ponderate e brillanti.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie