Pereslavl-Zalesskij: cosa visitare nella città in cui ogni edificio è un museo

Legion Media
Venne fondata per essere la capitale dell’antica Rus’, ma poi la storia ha voluto diversamente, ed è finita sotto l’influenza di un piccolo borgo nato solo cinque anni prima… Mosca! Ciononostante, qui sono avvenuti eventi storici di primissimo piano

A quali trucchi sono pronti a ricorrere gli abitanti delle città dell’Anello d’Oro pur di trattenere i turisti più a lungo! A Pereslavl-Zalesskij (140 chilometri a nordest di Mosca; 38.700 residenti) hanno aperto un museo praticamente in ogni casa.

Il Museo del ferro da stiro, il Museo delle teiere, il Museo del tè, il Museo del kvas, il Museo dei balocchi russi “Petrushka”, il Museo dell’inventiva e della prontezza d’ingegno, il Museo… beh, insomma, avete capito. Potremmo prendere in giro gli abitanti della città e supporre che qui si annoino parecchio… Ma non è così. A Pereslavl si sono decise nei secoli le sorti della Russia!

Breve lista delle cose che bisogna assolutamente fare:

  • Apprendere chi è Aleksandr Nevskij e perché un suo monumento si trova sulla Piazza Rossa di Pereslavl
  • Visitare almeno uno dei musei privati aperti in un’isba e comprare un ninnolo come ricordo
  • Imparare a praticare il kitesurfing sul Lago Pleshcheevo (o semplicemente mettere i piedi a mollo)
  • Vedere l’imbarcazione che costruì Pietro il Grande e da cui iniziò la storia gloriosa della Flotta russa
  • Visitare la più antica chiesa in pietre bianche dell’antica Rus’ nordorientale, la Cattedrale della Trasfigurazione
  • Entrare in un monastero ancora in funzione e in uno non più attivo e confrontarli
  • Spostarsi su una draisina ferroviaria al Museo delle locomotive

Pereslavl venne fondata dalla stessa persona che fondò Mosca: il principe Jurij Dolgorukij. Questa città apparve solo cinque anni dopo l’attuale capitale russa, nel 1152. La Cattedrale della Trasfigurazione risale a quello stesso anno.

La casa museo Berendei

Pereslavl inizialmente si chiamava Perejaslavl, in onore di una delle città più antiche della Rus’ di Kiev, Perejaslavl-Russkij (oggi Perejaslavl-Khmelnitskij, nella regione di Kiev, in Ucraina). E l’attributo Zalesskij è dovuto al fatto che si trova nello “zalesje”, ovvero, “al di là della foresta”. Zalesje veniva chiamata nell’antichità tutta la regione compresa tra i fiumi Volga e Okà, ossia la Rus’ nordorientale.

La città sarebbe potuta diventare la capitale russa!

Era il periodo del frazionamento territoriale feudale e Dolgorukij pensò a Pereslavl come alla capitale capace di unire i principati della Rus’ nordorientale, ovvero le più potenti e ricche Vladimir, Murom, Rjazan e altre. Era un piano ambizioso! Per questo, Dolgorukij versò enormi quantità di denaro per far crescere la sua creatura, e costruì una grande città dove un tempo non c’erano che paludi…

Dopo la sua morte, avvenuta nel 1157, la città perse importanza e finì sotto la sfera d’influenza di Mosca, ma fu testimone di talmente tanti avvenimenti storici, che fa paura pensarci. Tanto per iniziare, venne diverse volte saccheggiata dalle armate tataro-mongole dell’Orda d’Oro.

Poi il principe Demetrio di Russia (Dmitrij “Donskoj”; del Don) convocò qui i principi russi per riunirli contro l’Orda e con successo li guidò nella Battaglia di Kulikovo (1380). 

La Piazza Rossa della città con il mezzobusto di Aleksandr Nevskij e la Cattedrale della Trasfigurazione

A una delle devastazioni della città è legata una bella leggenda. Pare che nel 1382, quando il Khan Toktamish mise a ferro e fuoco il centro cittadino e il Monastero Goritskij, dove in quel momento era venuta in pellegrinaggio la moglie di Dmitrij Donskoj, Evdokija, gli abitanti di Pereslavl l’abbiano messa miracolosamente in salvo: diverse persone portarono la principessa su una piccola barca al centro del Lago Pleshcheevo, e la nebbia la nascose agli occhi dei tatari. Più tardi Evdokija restaurò a sue spese il monastero, che potete ancora ammirare a Pereslavl.

Il monastero della Dormizione di Goritsky

Qui è nato Aleksandr Nevskij (1221-1263), eroe della celebre Battaglia del lago ghiacciato, combattuta il 5 aprile 1242 sul Lago dei Ciudi, presso l’attuale confine fra Russia ed Estonia, contro i teutonici e immortalata anche in un celebre film di Sergej Eizenshtejn. In onore di Nevskij, sulla Piazza Rossa di Pereslavl è stato eretto un monumento e nel XVIII secolo è stata costruita la Chiesa che porta il suo nome, ancor oggi attiva.

Il debutto della flotta russa sul Lago Pleshcheevo

Adesso è difficile da immaginare, ma fu proprio qui che Pietro il Grande costruì, a quanto pare lavorandoci lui stesso, la prima nave di quella che poi sarebbe diventata la gloriosa flotta russa, e lui stesso comandò le esercitazioni di un’intera flottiglia. Ed era nel 1692, oltre dieci anni prima della posa della prima pietra di San Pietroburgo!

Il lago Pleshcheyevo

Il “Fortuna” si è conservato fino ai nostri giorni, e potete vedere questa imbarcazione nel Museo del botik di Pietro I.

Un'imbarcazione di Pietro il Grande

Oggi sul Lago Pleshcheevo si praticano kitesurfing e surf. Qui le condizioni atmosferiche, con vento frequente, sono tali da essere ideali tanto per le manovre navali di Pietro il Grande che per gli appassionati di questi sport acquatici.

Le locomotive nella foresta

Il museo delle locomotive

Non lontano dalla città, ma ben distante da qualsiasi linea ferroviaria, nel bel mezzo di un fitto bosco c’è il Museo ferroviario di Pereslavl. Se viaggiate con i bambini, ne saranno sicuramente entusiasti, perché qui ci sono locomotive e vagoni di tutte le epoche e ci si può entrare dentro!

Ma la cosa più divertente è fare un giro su una draisina ferroviaria, un carrello  a propulsione manuale, con il quale potrete percorrere ben tre chilometri, fino alla fine dei binari.

Qual è il momento migliore per visitare le più popolari mete turistiche russe? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie