Monastero Goritskij, il capolavoro barocco di Pereslavl-Zalesskij

Questo pittoresco complesso religioso ha un ruolo centrale nella storia russa. Ecco com’era nelle straordinarie foto a colori di inizio Novecento di Sergej Prokudin-Gorskij e com’è adesso

Pereslavl-Zalesskij. Monastero della Dormizione Goritskij. Cattedrale della Dormizione, vista sud-est. 21 maggio 1996

All’inizio del XX secolo, il chimico e fotografo russo Sergej Prokudin-Gorskij inventò un complesso procedimento per ottenere vivide e dettagliate fotografie a colori (vedi il paragrafo in basso). Intenzionato a usare questo nuovo metodo per documentare la grande varietà architettonica dell’Impero Russo, intraprese diversi viaggi nel periodo compreso tra il 1903 e il 1916.

La sua visione della fotografia come forma di educazione e di comprensione dell’esistente è stata espressa con particolare chiarezza attraverso le sue fotografie dei monumenti architettonici delle città storiche a nordest di Mosca, che formano il cosiddetto Anello d’oro. Tra esse spicca Pereslavl-Zalesskij (che attualmente ha una popolazione di circa 39 mila abitanti), che Prokudin-Gorskij visitò nel 1911. Il mio lavoro a Pereslavl-Zalesskij copre invece un periodo che va dal 1980 al 2012.

Monastero della Dormizione Goritskij. Chiesa di Ognissanti, vista sud-est. Estate 1911

Secondo i resoconti ufficiali, la città fu fondata nel 1152 dal principe Jurij Dolgorukij, che è anche considerato il fondatore di Mosca (nel 1147). I coloni della capitale medievale di Kiev si erano trasferiti nella zona dall’inizio del XII secolo, e il nome della città si pensa derivi dalla città di Perejaslavl (dal 1943: Perejaslav-Chmelnitskij), vicino a Kiev. L’aggiunta di “Zalesskij” (“oltre le foreste”) indica che il nuovo insediamento si trovava all’interno di una fertile zona di campi e boschi della Russia centrale.

Una storia gloriosa

Tra i numerosi monasteri che rimangono in questa antica città, il più pittoresco è il Monastero della Dormizione Goritskij, situato su un promontorio che domina il Lago Pleshcheevo. (“Goritskij” è legato alla parola “gorà”, “montagna”, in realtà una piccola collina). Sebbene relativamente piccolo, il lago ha giocato un ruolo estremamente importante nella storia russa, e venne persino usato per gli esercizi di vela del giovane Pietro il Grande.

Monastero della Dormizione Goritskij. Chiesa di Ognissanti, facciata sud. 12 luglio 2012

Anche se si sa poco sulle origini del monastero, era sicuramente attivo attorno alla metà del XIV secolo. Uno dei monaci più venerati della Russia, San Dmitrij Prilutskij, fu tonsurato qui e si fece rapidamente strada nella gerarchia ecclesiastica. Fece conoscenza con Sergio di Radonezh, grande protagonista del monachesimo moscovita, che incontrò durante la sua visita a Pereslavl nel 1354.

San Sergio ebbe una notevole influenza come consigliere spirituale del Gran principe Dmitrij Ivanovich di Mosca, noto in Italia anche come Demetrio di Russia o Demetrio del Don (1350-89). Il monaco Dmitrij Prilutskij assunse un ruolo simile con i figli del principe. Su consiglio di Sergio, lasciò Pereslavl per la regione di Vologda, dove nel 1371 fondò il Monastero del Salvatore, successivamente conosciuto come Salvatore-Prilutskij in suo onore.

Monastero della Dormizione Goritskij. Porta est, dettaglio facciata est. 12 luglio 2012

Il momento più drammatico della storia del Monastero Goritskij fu nel 1382, quando la città fu saccheggiata dal Khan Tokhtamysh, durante un devastante attacco tataro a Mosca. Anche se uno dei figli di Dmitrij fu preso in ostaggio, sua moglie, Eudocia (Evdokia, 1353-1407), riuscì a fuggire, proprio mentre si trovava in pellegrinaggio al Monastero Goritskij.

A quel tempo, il Monastero Goritskij aveva una struttura che non poteva offrire una resistenza seria. Fortunatamente, la principessa Eudocia riuscì a scendere sulla riva del lago con un po’ del suo seguito. Mentre navigavano su una zattera verso il centro del lago, una fitta nebbia si alzò e li nascose alla vista, finché i predatori tatari non lasciarono il monastero in rovina.

Monastero della Dormizione Goritskij. Porta est, vista est. Estate 1911

In ricordo del suo salvataggio miracoloso, Eudocia fornì il sostegno economico per ricostruire il monastero intorno al 1392. Era diventata di fatto reggente della Moscovia dopo la morte del Gran principe Dmitrij all’età di 38 anni, nel 1389. Eudocia è venerata per la sua saggezza e la guida decisa del Paese durante i primi anni del regno di suo figlio, Basilio I (1371-1425).

Nel XV secolo, il Monastero Goritskij divenne un importante centro spirituale. Il suo abate più notevole (igumeno) verso la fine del secolo fu Daniil, noto per la sua carità verso i poveri e i senzatetto. All’inizio del XVI secolo, Daniil fondò il vicino Monastero della Trinità, patrocinato dagli zar Basilio III e Ivan IV (il Terribile).

Monastero della Dormizione Goritskij. Porta est, vista est. 12 luglio 2012

Nel corso del XVII secolo, il Goritskij e altri monasteri locali furono restaurati dopo le distruzioni causate dalla crisi dinastica nota come “Periodo dei torbidi”. Nel monastero Goritskij, le prime strutture in mattoni sopravvissute includono la Chiesa di Ognissanti, ricostruita nel tardo XVII secolo sul sito di una chiesa più piccola del XVI secolo. Appare a sinistra nella vista di Prokudin-Gorskij dell’insieme centrale.

Monastero della Dormizione Goritskij. Cattedrale della Dormizione, vista sud. A sinistra: Chiesa di Ognissanti. Estate 1911

Una parte caratteristica del monastero Goritskij sono le sue mura, ricostruite in uno stile da fortezza nel tardo XVII secolo. Vicino all’angolo sud-est delle mura ci sono due Porte, fantasiosamente decorate con motivi e figure in mattoni stampati. La principale Porta Santa (a sud) sostiene la piccola chiesa di San Nicola, completata alla fine del XVII secolo.

La Porta Est è coronata da un frontone che contiene un dipinto della Dormizione della Vergine, a cui è dedicato il monastero. Visibile nella fotografia di Prokudin-Gorskij, l’immagine è stata cancellata nel periodo sovietico, ma ora è stata ridipinta, come mostra la mia fotografia del 2012.

Ascesa e declino

La riorganizzazione ecclesiastica durante il regno dell’imperatrice Elisabetta portò alla creazione della ricca diocesi di Pereslavl nel 1744. Il monastero Goritskij, gravemente danneggiato da un incendio nel 1722, fu trasformato nella residenza dell’arcivescovo, uno status elevato che portò risorse per la ricostruzione delle sue chiese.

Monastero della Dormizione Goritskij. Cattedrale della Dormizione. Interno con livelli superiori dell’iconostasi. 12 luglio 2012

La campagna di costruzione fu guidata da Ambrose Zertis-Kamenskij, che fu arcivescovo dal 1753 al 1761. Ecclesiastico ben istruito, volle espandere il monastero Goritskij in un magnifico stile barocco. Il risultato più imponente è la Cattedrale della Dormizione della Vergine, iniziata nei primi anni Cinquanta del Settecento e completata nel 1761, per sostituire una chiesa costruita negli anni Venti di quel secolo. All’esterno, il suo design mostra una miscela semplificata di elementi barocchi e neoclassici.

Monastero della Dormizione Goritskij. Cattedrale della Dormizione. Interni, dettagli decorativi. Estate 1911

All’interno, tuttavia, la cattedrale mostra un sontuoso stile decorativo tardo barocco. La magnifica iconostasi merita una notazione particolare, ma Prokudin-Gorskij ha fotografato solo un dettaglio di questo spazio principale. A causa del meccanismo del suo processo a tre esposizioni, la grande macchina fotografica doveva rimanere su una superficie piana e non poteva essere inclinata per catturare i tratti superiori degli interni delle chiese. Prokudin-Gorskij è stato, tuttavia, in grado di scattare un’ottima fotografia dell’iconostasi nella cappella sud.

Durante il regno di Caterina la Grande, il destino capriccioso fermò i piani per l’espansione del monastero Goritskij. Nel 1788, la diocesi di Pereslavl perse di status, durante un’altra riorganizzazione ecclesiastica, e quello che restò dell’ensemble barocco fu gradualmente spogliato durante il XIX secolo.

Monastero della Dormizione Goritskij. Cattedrale della Dormizione. Cappella Sud (Annunciazione), vista verso l’iconostasi. 12 luglio 2012

Paradossalmente, il potere sovietico fermò il declino dell’ex monastero Goritskij, in un periodo in cui la maggior parte dei monasteri venivano saccheggiati. Nel 1919, il sito fu infatti destinato all’uso di museo di storia locale, fatto che lo ha conservato. Negli anni Sessanta, Ivan Purishchev lanciò una campagna che riuscì a restaurare gran parte del complesso nonostante i mezzi limitati. Grazie a questi sforzi valorosi, il monastero Goritskij è sopravvissuto come uno dei monumenti architettonici più belli della zona.

Prokudin-Gorskij, il suo metodo e la sua eredità

Nei primi anni del XX secolo il fotografo russo Sergej Prokudin-Gorskij inventò un complesso procedimento per ottenere fotografie a colori. Tra il 1903 e il 1916 viaggiò per l’Impero Russo e scattò oltre 2.000 foto con il nuovo metodo, che comprendeva tre esposizioni su una lastra di vetro. Nell’agosto del 1918 lasciò la Russia con gran parte della sua collezione di negativi su vetro e si stabilì in Francia. Dopo la sua morte, a Parigi, nel 1944, i suoi eredi vendettero la collezione alla Libreria del Congresso Usa. All’inizio del XXI secolo la Libreria del Congresso ha digitalizzato le immagini di Prokudin-Gorskij, rendendo le foto pubblicamente e gratuitamente disponibili al pubblico mondiale. Un gran numero di siti russi ora ha una copia della collezione. Nel 1986 lo storico dell’architettura e fotografo William Brumfield organizzò la prima mostra delle foto di Prokudin-Gorskij alla Libreria del Congresso. In un lungo periodo di lavoro, cominciato agli inizi degli anni Settanta del Novecento, Brumfield ha rifotografato la gran parte dei luoghi visitati da Prokudin-Gorskij. Questa serie di articoli mette a confronto questi complessi architettonici a circa un secolo di distanza.

Vi piacciono le foto di Prokudin-Gorskij? Ecco quelle che scattò alla Chiesa di Krokhino, oggi quasi scomparsa nelle acque di un lago artificiale dopo al costruzione di una diga 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie