Sette piccole stazioni ferroviarie di Mosca che sono dei gioielli architettonici

Stanislav Konstantinov
Oltre ai grandi scali della capitale russa, chi è appassionato di treni e di edifici storici non dovrebbe perdersi queste interessanti fermate su linee spesso periferiche

1 / Stàntsija Podmoskóvnaja

All’inizio del XX secolo, fu deciso di costruire una ferrovia che collegasse Mosca con la città lettone di Vindjava (oggi Ventspils), un porto sul Baltico. La Stantsija Podmoskovnaja, inaugurata nel 1901, divenne la prima stazione in questa direzione. C’erano un deposito per le locomotive, un villaggio per gli impiegati delle ferrovie e l’edificio stesso della stazione, in legno. Nel 1945 il traffico passeggeri fu trasferito sui binari della vicina stazione di transito “Krasnyj Baltiets” (“Baltico rosso”), mentre Podmoskovnaja fu trasformata in centro per le telecomunicazioni delle ferrovie. Nel corso della sua storia secolare, l’edificio è sopravvissuto a numerosi incendi, ma non fu mai rimaneggiato, e ha miracolosamente conservato l’aspetto storico e i dettagli originali. Dal 2015, qui ha aperto i battenti un museo ferroviario, che chiunque può visitare dal mercoledì alla domenica. È possibile raggiungerlo a piedi da “Krasnyj Baltiets” o dalla stazione della metropolitana Sokol.

LEGGI ANCHE: Siete amanti dei treni? Ecco cinque esperienze da non perdere in Russia 

2 / Kùntsevo I

Oggi Kuntsevo è uno dei quartieri dormitorio di Mosca e fino al 1960 era una grande città vicino a Mosca, da cui poi è stata inglobata. La stazione ferroviaria di Kuntsevo risale quei tempi. È un edificio insolito, che assomiglia più a un castello gotico che a una stazione suburbana, e fu costruita nel 1900. L’architetto fu Ivan Strukov (1864-1945), autore anche della stazione Belorusskij di Mosca e della stazione di Kubinka (una cittadina circa 60 chilometri a ovest della capitale), progettata nello stesso stile. Inizialmente, l’edificio era di mattoni rosso scuri, ma oggi è stato ridipinto in grigio e bianco calce. La stazione è attiva: è inclusa nei Diametri centrali di Mosca e si trova vicino alla stazione della metropolitana Kuntsevskaja.

3) Léninskaja

Questa è una delle più belle stazioni ferroviarie costruite in epoca sovietica. Un’alta guglia decorata con un’enorme stella, colonne maestose, citazioni  comuniste, un bosco di abeti blu (peccio del Colorado) tutto intorno… La stazione si trova vicino alla tenuta di Gorki Leninskie, dove Lenin trascorse gli ultimi anni della sua vita. All’epoca la stazione era chiamata Gerasimovskaja, dal nome degli ex proprietari della tenuta: i mercanti Gerasimov. Dopo la morte di Lenin, fu quasi immediatamente ribattezzata in Leninskaja (“di Lenin”), e nel 1952, al posto del vecchio edificio della stazione, ne fu costruito uno nuovo in onore del “leader del proletariato mondiale”. Il risultato fu monumentale. Tutti quelli (ed erano ovviamente tantissimi in epoca sovietica) che andavano in gita a Gorki Leninskie passavano necessariamente da questa stazione-memoriale. Ora l’edificio è fatiscente e richiederebbe un’attenta ricostruzione, ma in generale ha conservato il suo aspetto storico. È possibile arrivare qui dalla stazione Paveletskij su un treno locale (elektrichka).

4 / Tsarìtsyno

La vecchia tenuta di Tsaritsyno è molto popolare tra i turisti e i moscoviti. Ma pochi sanno che a due passi da essa c’è un posto non meno interessante: la stazione ferroviaria di Tsaritsyno, citata da Lev Tolstoj in “Anna Karenina” (da qui i volontari partivano per alla guerra russo-turca del 1877-1878). La fermata fu aperta nel 1865 e l’attuale edificio della stazione risale invece agli inizi del XX secolo. Fuori sembra abbastanza ordinario, ma dentro è una vera favola!

Un lampadario dorato, come quello del Teatro Bolshoj, affreschi colorati con viste dei quartieri di Mosca, stucchi, come nelle migliori case di Parigi. E questa è solo una sala d’attesa di un normale treno pendolari. Tutta questa bellezza è inclusa ora nei Diametri centrali di Mosca e si trova vicino alla fermata Tsaritsyno della metro.

5 / Kalanchjòvskaya

Dove altro a Mosca si possono vedere “padiglioni imperiali”, ossia stazioni riservate alla famiglia reale? Se ne sono conservate solo alcune e una di queste è proprio Kalanchevskaja, praticamente nel centro di Mosca. Questa stazione fu costruita alla fine del XIX secolo per Nicola II e i funzionari della Corte, e solo nel periodo sovietico furono messe qui normali biglietterie per i treni suburbani. È possibile raggiungerla dalla metro Komsomolskaja.

6 / Belokàmennaja

Questa stazione storica, risalente agli inizi del XX secolo, si trova nel Parco Nazionale Losinyj Ostrov. La stazione stessa e un paio di edifici residenziali coevi si sono conservati. Oggi l’edificio è riconosciuto come oggetto del patrimonio culturale, ma continua ad essere utilizzato per la pulizia dei vagoni. Vicino a Belokamennaja si trova l’omonima stazione di transito dell’Anello centrale di Mosca.

7 / Kanàtchikovo

Una delle stazioni del Piccolo Anello delle Ferrovie di Mosca, il Mozd, è stata costruita nel 1908. Oggi si sono conservate l’edificio della stazione ferroviaria a due piani e la casa del capostazione, quasi nella loro forma originale, con tanto di teste di leone e ricchi stucchi. Sulle pensiline sono rimaste persino panchine e lanterne in ghisa dell’inizio del XX secolo. È possibile raggiungere la stazione a piedi dalla fermata della metropolitana Leninskij Prospekt.

Le foto delle sei più belle stazioni ferroviarie della Russia 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie