Covid-19, l’Italia si chiude in casa: tra film e libri, ecco come trascorrere il tempo “alla russa”

Reuters
L’emergenza sanitaria sta costringendo gli italiani a limitare le uscite e gli spostamenti. Ma come riempire il tempo morto in casa, in attesa di poter finalmente tornare a una vita normale? Abbiamo selezionato per voi alcuni passatempi “alla russa”, per trascorrere il tempo all’epoca del coronavirus

È giunto il tempo della lentezza. Delle pause forzate. Dei momenti di raccoglimento in casa. L’Italia ha iniziato la battaglia più difficile degli ultimi tempi e questa mattina si è risvegliata “zona protetta”: vietato ogni spostamento, vietata ogni forma di assembramento, anche all'aperto. Sono le ultime direttive approvate nella notte dal governo e che estendono a tutto il territorio nazionale le forti limitazioni già introdotte nei giorni scorsi per la Lombardia e 14 province del Nord Italia. Si fermano così cinema, teatri, eventi, matrimoni, funerali, palestre. Con un solo imperativo, valido per tutti: stare a casa. È questa l’unica strategia efficace per contenere e soffocare il coronavirus, che continua a mietere vittime e a mandare in tilt i reparti di terapia intensiva degli ospedali. 

E così gli italiani si preparano ad almeno tre settimane di quarantena, limitando al massimo le uscite e gli spostamenti. Ma come riempire il tempo morto in casa, in attesa di poter finalmente tornare a una vita normale? 

Abbiamo selezionato per voi alcuni passatempi “alla russa”, per trascorrere il tempo all’epoca del coronavirus.

1 / Guardare quei film russi che volevate vedere da tempo

Il cinema russo vanta capolavori apprezzati in tutto il mondo. Abbiamo selezionato per voi quei film che hanno segnato la storia del cinema e che dovete vedere assolutamente. 

“La corazzata Potemkin”, Sergej Ejzenshtejn, 1925 

Molti sostengono che si tratti del miglior film della storia del cinema. Oltre a mostrare una forza e un coraggio che all’epoca lasciarono gli spettatori senza fiato, Ejzenshtejn lasciò in eredità eccezionali e innovative tecniche di montaggio. 

Qui vi abbiamo raccontato alcune curiosità su questo film che ha segnato la storia della Settima Arte. 

“Quando volano le cicogne”, Mikhail Kalatozov, 1957 

Girato quattro anni dopo la morte di Stalin, questo film venne distribuito negli Stati Uniti dalla Warner Brothers nel 1960, dopo essere entrato nella storia per essere stata la seconda pellicola sovietica ad aver vinto la Palma d’Oro al Festival di Cannes. 

La storia di Veronika, una giovane che decide di abbandonare il marito che non ama e conservare la memoria di un vecchio amante morto in guerra, risultò una storia internazionale di grande successo. Il film continua a essere considerato ancora oggi tra i migliori film di guerra.

“Andrej Rubliov”, Andrej Tarkovskij, 1966

Questo film che narra la vita del pittore di icone del XV secolo ebbe un destino alquanto complicato. Nonostante gli inviti del Festival di Cannes, i politici sovietici si rifiutarono di inviare il film, che venne sostituito con “Guerra e pace”.

“Andrej Rubliov” venne mostrato a Cannes solo tre anni più tardi, tra l’altro fuori dal programma del festival, e riuscì ugualmente a vincere il premio della Federazione internazionale della stampa cinematografica. Nel 1971 venne proposta una versione censurata in Urss che collezionò quasi tre milioni di biglietti staccati nei cinema. Un’altra versione, accorciata di 20 minuti per motivi commerciali, venne proposta negli Usa nel 1973: tagli che però rovinarono decisamente il film. E fu così che la stampa pubblicò critiche alquanto negative. A metà degli anni Novanta venne pubblicata in DVD la versione iniziale di Tarkovskij, della durata di 205 minuti, che Martin Scorsese aveva acquistato in Urss. E fu così che per il film iniziò una nuova vita.

“Guerra e pace”, Sergej Bondarchuk, 1966

Questo adattamento del capolavoro di Tolstoj non si sarebbe mai realizzato se nel 1959 in Urss non fosse stata presentata la versione americana di “Guerra e pace” firmata da King Vidor. Solamente dopo vennero approvate le riprese di un film considerato tra i più cari della storia del cinema: nessuno studio di Hollywood avrebbe permesso che le riprese durassero cinque anni e che il cast prevedesse la partecipazione di 120.000 persone, tra cui l’intero esercito.

Divisa in due parti per una durata totale di sei ore, “Guerra e pace” è entrata nella storia del cinema non solo per essere stata la prima pellicola sovietica ad aver vinto un Oscar come miglior film straniero, ma anche per essere la più lunga.

“Il riccio nella nebbia”, Yurij Norshtejn, 1975

Il corto di dieci minuti di Yurij Norshtejn che racconta la storia di un riccio che si perde nella nebbia è diventato così popolare negli Usa che la serie tv “I Griffin” nell’ottava stagione gli dedica una citazione.

Sono stati scritti numerosi articoli in diverse lingue sul senso filosofico celato dietro a questo corto, così come alla solitudine e all’orrore delle cose quotidiane che acquisiscono tratti sinistri se osservate da un altro punto di vista.

2 / Per fortuna che c’è Netflix: maratona di serie tv russe!

La celebre piattaforma di streaming ha messo a disposizione del pubblico diverse serie tv ambientate in Russia o Made in Russia. Ecco le più popolari. 

“Gli ultimi zar”

Questo docu-drama di produzione americana, in onda da luglio 2019, ripercorre la storia della casa reale che ha governato la Russia per trecento anni. A dir la verità ha incassato numerose critiche a causa di diversi errori e imprecisioni storiche. Se siete curiosi di vedere questa serie, scoprite qui quali inesattezze storiche hanno deluso i russi.

In questo pezzo, invece, abbiamo messo a confronto gli attori con i personaggi reali per capire quanto si assomigliano.

“Trotskij”

Al rivoluzionario, prima alleato e poi nemico giurato di Stalin, ucciso in Messico nel 1940 a colpi di piccozza, è dedicato questo film a puntate pubblicato su Netflix. È il primo film russo dedicato alla vita di Trotskij e il protagonista è interpretato da un sex symbol russo, Konstantin Khabenskij, uno dei più richiesti e talentuosi attori contemporanei.

Qui vi abbiamo raccontato i motivi per cui vale la pena di guardare questo film a puntate. 

“La via dei tormenti”

Realizzata in Russia e tratta dall’omonimo romanzo di Aleksej Tolstoj (parente del celebre Lev), è disponibile a puntate sulla piattaforma di streaming più famosa al mondo. 

Girata in occasione dell’anniversario della Rivoluzione, la serie “The road to Calvary” (“La via dei tormenti”) segue le vicende dell’intellighenzia russa alla vigilia della Rivoluzione e della guerra civile.

Siamo nell’anno 1914. San Pietroburgo è in preda ai disordini politici legati alla Prima guerra mondiale. La città vive come in attesa di “un giorno fatale e terribile”. In questo contesto, due sorelle si innamorano dello stesso uomo, un poeta-decadente che cambia la loro visione del mondo e il loro modo di vita...

“Better Than Us”

La serie, uscita in Italia il 16 agosto 2019 (un’originale novità Netflix creata e diretta dalla coppia formata da Aleksandr Kessel e Aleksandr Dagan) è ambientata in Russia in un'epoca di totale cyberpunk. Gli schermi dei telefoni cellulari vengono proiettati sulle mani, gli assistenti vocali sono più veloci del tempo necessario per formulare la vostra richiesta, e i robot sono diventati oggetti del vivere quotidiano. 

L'unica cosa che nessun robot può fare è causare danni agli esseri umani: il loro software infatti è stato progettato in modo tale da non permetterlo.

Ma all'improvviso, sul mercato nero appare un nuovo robot, le cui capacità superano di gran lunga le funzioni dei normali umanoidi: si chiama Arisa, è una macchina dotata di grande empatia e comprende l’idea di “amore”, “famiglia” e addirittura il concetto di “uccidere” qualcuno...

3 / Cartoni animati per bambini e non solo

"Masha e Orso"

Le avventure della piccola peste Masha e del suo grande amico Orso sono il cartone animato russo più famoso e amato nel mondo. Qui abbiamo selezionato 11 episodi da guardare assolutamente! 

“Kikoriki” 

Se avete già visto tutte le puntate di “Masha e orso”, ci sono molti altri film russi di animazione che meritano di essere visti! Ad esempio “Kikoriki” (Smeshariki, in russo), una delle prime serie russe di cartoni animati a essere stata adattata per un pubblico straniero. Ve ne abbiamo parlato qui.

“La Regina delle Nevi”

Basato su un racconto di Hans Christian Andersen e diretto da Vladlen Barbe e Maksim Sveshnikov, questo cartone è stato presentato in Russia alla fine del 2012. È stato proiettato nei cinema di oltre 80 Paesi ottenendo incassi superiori a 25 milioni di dollari. Scopritelo qui.

“Tre gatti” 

Prodotta dallo studio Metronom, questa serie per bambini è stata presentata nel 2015 ed è oggi trasmessa in Russia dai canali CTC e Karusel.

Sono stati realizzati in totale circa 70 episodi che raccontano le vite di tre gatti, Korzhik, Karamelka, e Kompot.  Scopritelo qui.

4 / Leggere i classici della letteratura russa

I classici della letteratura russa richiedono tempo e dedizione. Questi giorni in cui tutta l’Italia è chiusa in casa potrebbero essere il momento ideale per tuffarsi in una piacevole lettura. Qui vi abbiamo presentato i libri russi più importanti di sempre e che rappresentano un must da leggere! 

In questo pezzo invece vi abbiamo presentato i 25 libri che non potete non leggere, secondo Tolstoj! 

Se invece volete conoscere la Russia vista attraverso gli occhi (e le penne) di scrittori stranieri, ecco alcuni libri di scrittori occidentali dedicati al paese più grande del mondo. 

Preferite i bestseller? Ce n’è per tutti i gusti! Se vi piacciono storie molto intricate e mondi forgiati da scrittori dalla fervida immaginazione, qui trovate i titoli che fanno per voi.

Infine, otto romanzi russi che raccontano la vita ai tempi degli zar.

5 / Ripassare la lingua russa

Che abbiate trascorso gli ultimi anni tra grammatiche e dizionari, o che siate semplicemente alle prime armi, lo studio della lingua russa è una sfida che appassiona (e stressa) quanti si cimentano con l’affascinante idioma di Tolstoj e Dostoevskij. Avete già imparato l’alfabeto? Benissimo! Il primo passo è fatto! Se invece state ancora cercando di riconoscere la differenza tra la lettera щ (shch) e ш (sh), non vi preoccupate: ce l’hanno fatta in tanti, ce la potete fare anche voi!

Indipendentemente dal vostro livello di padronanza della lingua, qui vi abbiamo presentato cinque applicazioni facili, dinamiche, divertenti e gratuite che vi aiuteranno a migliorare la vostra capacità di comunicazione! Mettetevi comodi, tirate fuori il vostro smartphone e... buono studio! 

In questo pezzo invece abbiamo selezionato alcuni film documentari per migliorare la lingua russa e conoscere più a fondo questo paese! 

Qui troverete i canali YouTube dove imparare il russo in modo facile e divertente.

Infine, ecco alcune strategie che renderanno più efficace il vostro studio! 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie