“Professione: provodnitsa”, le foto di 15 ragazze che lavorano sui treni russi

TASS
Fate conoscenza con chi vi accompagnerà durante i vostri lunghi giorni in un vagone, lungo le sterminate ferrovie della Russia

Le ferrovie russe collegano molte parti remote del Paese più grande del mondo, dalla città occidentale di Kaliningràd, incastonata nella Ue, fino a Vladivostók, sul Pacifico, e per molte persone il treno resta il mezzo di trasporto più conveniente. Su ogni vagone dei treni lunga percorrenza, in Russia c’è un provodnìk (una provodnìtsa, se donna), che è al tempo stesso controllore, cuccettista e, in definitiva, vera autorità e anima del treno. Conosciamo meglio alcune di loro!

Una provodnitsa in attesa dei passeggeri del treno ad alta velocità “Sapsàn” (nome che significa “Falco pellegrino”) che collega Mosca e San Pietroburgo.

Una provodnitsa sul treno “Tikhij Don” (“Placido Don”; chiamato così in onore del popolare romanzo di Mikhail Shólokhov), che collega Mosca con Rostov sul Don

Una provodnitsa accoglie i passeggeri a bordo del nuovo treno “Tavrija” (“Tauride”) tra Mosca e Sinferopoli, in Crimea. Questo treno attraversa lo Stretto di Kerch attraverso il Ponte di Crimea e impiega 33 ore per arrivare dal punto di partenza alla destinazione finale.

Il tè in un bicchiere di vetro con portabicchiere  di metallo, il tradizionale podstakannik, è un simbolo del viaggiare in treno in Russia! Questa bella tradizione è iniziata alla fine del XIX secolo con lo sviluppo delle ferrovie ed è viva ancora oggi. Perché? Perché ai russi piace un sacco bere il tè e il bicchiere con un supporto metallico è più sicuro sul tavolo traballante del treno!

Un’altra interessante tradizione ferroviaria sono i treni ad alta velocità russi che portano i nomi di uccelli. Come abbiamo detto, il treno “Sapsan” (“Falco pellegrino”) collega Mosca a San Pietroburgo, e anche a Nizhnij Novgorod. Nella capitale ci sono poi i moderni treni per pendolari “Ívolga” (“Rigogolo”). Varie città della Russia europea sono collegate dai treni “Làstochka” (“Rondine”). Mentre lo Strizh (“Rondone”) collega Mosca a Berlino.

Il personale di bordo dei treni “Sapsan” ha riconoscibili uniformi grigie e rosse. 

Una provodnitsa sul treno che va da San Pietroburgo alla capitale abcasa di Sukhumi. Il viaggio dura più di due giorni.

A svolgere questo lavoro, con contratti a tempo determinato, in estate ci sono anche studenti e studentesse delle università, che prendono due piccioni con una fava: guadagnano un po’ di soldi, e viaggiano in giro per lo sterminato Paese.

Il treno rétro Ruskeala Express collega la città careliana di Sortavala e il bellissimo parco nazionale montano di cui porta il nome, dove ai tempi dell’Impero russo si trovavano delle miniere di marmo. Anche il personale è vestito nello stile del primo Novecento!

Una provodnitsa nel suo scompartimento.

Una provodnitsa durante una sosta in una piccola stazione.

Una provodnitsa nell’Ossezia Settentrionale-Alania.

Una provodnitsa del treno Mosca-Vladivostok. Sì, il viaggio insieme a lei durerà un’intera settimana!

Questa provodnitsa si prende cura dei passeggeri del treno “Okeàn” (“Oceano”) Vladivostok-Khabarovsk.

Una provodnitsa in attesa della prossima stazione. Con un po’ di poesia.

Benvenuti a bordo!

Bonus:

In Russia, non solo le donne lavorano sui treni, ma ci sono anche vari ragazzi provodnik!


Com’è la vita di chi lavora sui treni della Transiberiana? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie