Capodanno con restrizioni da Covid-19: come festeggeranno i russi la ricorrenza più amata?

Getty Images
Non sarà un 31 dicembre come tutti gli altri in Russia: i bar e i ristoranti chiuderanno alle 23, le cerimonie in piazza e nei locali saranno proibite, persino i pattini da ghiaccio andranno attaccati al chiodo. Ma allora come salutare l’arrivo del 2021? Abbiamo chiesto a un po’ di persone i loro piani di baldoria ai tempi del coronavirus

Nella maggior parte delle regioni della Russia, dal 31 dicembre 2020 al 15 gennaio 2021, verranno applicate varie restrizioni per limitare la diffusione del Covid-19. Caffè, ristoranti e bar saranno chiusi di notte, le feste di massa e le mostre sono state bandite e gli spettacoli di Capodanno per i bambini si terranno online. I cinema e le sale da concerto non sono chiusi, ma si potrà vendere solo il 25% dei biglietti rispetto alla capacità totale della sala.

A San Pietroburgo, le piste di pattinaggio sul ghiaccio nei centri commerciali non saranno aperte, così come i caffè, i ristoranti e i teatri. Anche i fuochi d’artificio di Capodanno sono stati annullati. Molte altre regioni russe hanno introdotto restrizioni simili. Ma ecco dove e come i russi festeggeranno l’arrivo del 2021 con tali restrizioni.

Babbo Natale con il certificato medico

L’85% dei russi festeggerà il capodanno a casa, secondo i risultati di un sondaggio del servizio di acquisto di biglietti Yandex.Travel. Allo stesso tempo, la possibilità di contrarre il Covid-19 spaventa solo il 13% dei russi intervistati, e un altro 9% si dice infastidito dalle restrizioni imposte nelle regioni della Russia e negli altri Paesi. Un terzo (34%) non può permettersi un viaggio per motivi economici e il restante 29% è semplicemente abituato a festeggiare il capodanno a casa.

LEGGI ANCHE: Tutto quello che c’è da sapere su “Goluboj Ogonjok”, il tradizionale show tv del Capodanno russo 

“Per diversi anni consecutivi ho festeggiato il capodanno in diverse città della Russia, ma quest’anno ho comprato un’auto a credito, e, a causa dei pagamenti delle rate, non posso permettermi un viaggio in Crimea o a Sochi. Finora non posso nemmeno comprare un albero di Natale, a dire il vero…Sto aspettando lo stipendio per poter fare almeno la spesa per la tavola di Capodanno”, si lamenta Anastasija, una PR manager della Regione di Mosca.

Aleksandra, di Mosca, celebra ogni anno il nuovo anno con la famiglia e gli amici alla dacia, e durante le vacanze di Capodanno di solito viaggia per andare a trovare i parenti, ma la pandemia ha rovinato anche questi piani.

“Ora si ha paura anche a invitare a casa gli amici, e se poi si infetta qualcuno? La metà dei miei parenti è malata… e quindi non potrò vederli. Abbiamo anche cercato di fare scorta di generi alimentari e spumante in anticipo per non andare nei supermercati affollati prima di Capodanno”, ha detto Aleksandra.

Per via della pandemia, anche le prenotazioni dei servizi dei vari Ded Moroz (il Babbo Natale russo) e Snegurochka (Signorina Neve; la sua nipotina e aiutante) sono diminuiti. Elena Shamanova, un’attrice di Mosca che per le feste di solito arrotonda mettendosi nei panni di Snegurochka, quest’anno ha ricevuto il 40% di ordini in meno rispetto al Capodanno 2019-2020.

“Le richieste sono poche, ma un po’ ci sono: una o due al giorno, a volte di più. Alcuni chiedono un certificato di negatività al Covid-19, invio sempre i risultati del test. Inoltre, io sono già stata malata, ho gli anticorpi, quindi è più facile per me trovare i clienti”, dice la Shamanova.

Anche Evgenij Abramov, che interpreta Ded Moroz, si lamenta della mancanza di clienti.

“Quest’anno ho solo ordini da vecchi clienti per il 30 e 31 dicembre. Negli anni passati, tra feste negli asili e nei centri per l’infanzia facevo dei bei soldi, quest’anno quasi niente. Lo stesso vale per i bar: ogni capodanno lavoravo in un bar come presentatore della serata vestito da Ded Moroz. Ma ora, per la prima volta in 5 anni, me ne starò a casa”, dice Abramov.

LEGGI ANCHE: Come e quando i bambini russi smettono di credere a Babbo Natale? 

Secondo lui, i clienti sono poco interessati ai certificati di negatività al tampone, e i figuranti scrivono tutti di essere già stati malati e di avere gli anticorpi, come forma di pubblicità.

“Io sono stato già malato davvero. Ma una delle mie clienti abituali, nonostante fossi ormai guarito, mi ha chiesto di fare gli auguri ai bambini non nell’appartamento, come al solito, ma dalle scale, a distanza. Sono ancora preoccupati”, ha raccontato Evgenij.

Viaggi con limitazioni

Secondo gli autori dello studio di Yandex.Travel, il restante 15% dei russi farà viaggi di Capodanno in giro per il Paese. Nonostante le restrizioni, le persone andranno a festeggiare il nuovo anno a Sochi, Mosca, San Pietroburgo, Kazan e Jalta, visto che molti sono riusciti a prenotare viaggi prima che le restrizioni venissero annunciate. Alcuni, come la giornalista Darija Labutina, si limiteranno a un viaggio nelle città dell’Anello d’Oro

“Ho sempre festeggiato il capodanno con i miei genitori a casa e questa volta abbiamo deciso di fare un tour di Rostov, Jaroslavl e Kostromà. Avevamo acquistato il tour prima dell’inizio della seconda ondata di coronavirus e i biglietti non possono più essere restituiti, quindi tutta la famiglia è preoccupata per la propria salute, soprattutto le mie nonne. Ma se non fosse per il Covid-19, solo Dio sa dove sarei”, dice la Labutina.

La product manager Irina Prokhodova ha programmato un viaggio nelle città del Nord della Russia: Vologda, Velìkij Ùstjug e molti altri centri.

“Ho iniziato a pianificare il viaggio di recente, proprio a causa dell’aumento del numero di casi. Andrò con gli amici in macchina, vivremo in una dacia, solo qualche volta ci fermeremo in hotel, e cercheremo di avere meno contatti possibile con le persone. Ma vedremo il vero inverno russo, l’atmosfera per il Capodanno è garantita”, racconta.

Pochi cittadini hanno deciso di festeggiare il Capodanno all’estero, anche perché sono pochi i Paesi verso e da i quali le frontiere sono aperte. Tra le mete più gettonate ci sono Turchia, Abcasia e Emirati Arabi Uniti. Uno dei dipendenti della società Internet russa Yandex, Kirill Savinov, festeggerà il nuovo anno a Istanbul, nonostante il fatto che caffè e ristoranti turchi saranno aperti solo per l’asporto, e durante le vacanze di Capodanno dal 31 dicembre al 4 gennaio sarà introdotto un coprifuoco completo…

“Andrò con mia moglie e i miei amici. A quanto ho capito, ci sono più o meno le stesse restrizioni che in Russia, solo con un uso più rigido della mascherina. E anche se tutto è chiuso, al giorno d’oggi vagare per la Istanbul deserta o starsene in una casa in affitto è già una felicità”, dice Savinov.


Perché in Russia si fa l’albero di Capodanno, e non di Natale? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie