La guida completa alle piste di sci di Sochi

Legion Media
Cercate una tranquilla discesa da principianti o l’adrenalina di un fuoripista? Vi interessa solo lo sport o anche la vita notturna? Volete un cinque stelle o una sistemazione più a buon mercato? Qui troverete tutto quello di cui avete bisogno per una fantastica settimana bianca in Russia

Gazprom Laura – Ideale per i principianti e per rilassanti sciate in famiglia

“Gazprom Laura” è la stazione sciistica più adatta per i principianti ed è famosa per i suoi pittoreschi dintorni. Le sue caratteristiche principali sono piste larghe e facili, per uno sci rilassato.

Per arrivare a Gazprom Laura dovrete inizialmente  puntare al centro di intrattenimento Galaktika. È un luogo ben noto a tutti e una corsa in taxi di 45 minuti dall’aeroporto di Sochi fino a lì vi costerà 1.600 rubli (23,30 euro). In alternativa, potrete raggiungere a piedi la stazione ferroviaria che si trova a soli 750 metri dall’aeroporto e prendere un treno in direzione di Rosa Khutor. Una volta arrivati, il Galaktika è a 2 chilometri dalla stazione. Anche gli autobus 135, 105 e 105c vanno nella giusta direzione; ma chiedete all’autista se quella corsa si ferma al resort Gazprom, perché a volte gli autobus percorrono un percorso alternativo. Se andate in auto, il parcheggio nel territorio della stazione sciistica costa 500 rubli (7,30 euro) al giorno.

Ci sono due opzioni di alloggio nel comprensorio sciistico Gazprom Laura, se volete vivere a pochi passi dalle piste: il Grand Hotel Polyana, a cinque stelle, e il Polyana 1389 a quattro stelle. Le camere di fascia alta del Grand Hotel Polyana possono ospitare fino a cinque ospiti e villette indipendenti possono ospitarne fino a nove. In vista del Capodanno, quando i prezzi sono in assoluto più alti, una camera base per due costa 14.400 rubli (210 euro) a notte. Una camera standard per due persone al Polyana 1389 costa 17.000 rubli (247 euro) a notte.

Due impianti di risalita vi porteranno alle piste di Gazprom Laura. Il primo, chiamato A1, parte dal Grand Hotel Polyana, mentre l’altro, chiamato A3, parte dalla stazione della funivia Alpika. Troverete piste più difficili alla fine della funivia A1. La A3 vi porterà a una vasta gamma di piste contrassegnate in verde e blu, adatte per i principianti.

Tutto sommato, Gazprom Laura offre l’ambiente più pittoresco per lo sci rilassato. La maggior parte delle piste sono larghe (fino a 66 metri) e attraversano una fitta foresta montana. Di conseguenza, Laura offre i luoghi migliori per le foto e, la sera, ha il fascino più romantico tra tutte le stazioni sciistiche di Sochi.

“Gazprom Laura ha la più grande varietà di piste verdi e blu e non ha punti esposti ai lati delle piste. I principianti spesso trovano psicologicamente difficile sciare anche nelle piste più facili se alla loro destra o sinistra vedono un burrone. Le persone hanno spesso paura e questo ostacolerà il loro processo di apprendimento. Al Gazprom Laura, questo non è un problema, visto che si scende all’interno di una foresta di abeti”, ha dichiarato Denis, 29 anni, istruttore di sci.

Naturalmente, il Laura ha anche piste rosse e nere più adatte agli sciatori esperti. Queste piste sono di ottima qualità e molti le considerano le migliori piste di Sochi. Tuttavia, sono aperte solo quando c’è molta neve, il che è piuttosto raro in questa zona. Pertanto, si consiglia vivamente di chiamare in anticipo (al numero + 7-862-259-55-95) per sapere con certezza se le piste che state specificamente cercando sono aperte.

Chi non ama la discesa alpina, qui può praticare anche lo sci di fondo. E il resort dispone anche di una famosa piscina all’aperto attiva tutto l’anno.

Rosa Khutor – La migliore varietà di piste

“Rosa Khutor” è la stazione sciistica che promette l’esperienza sciistica più divertente, soprattutto per grandi gruppi di sciatori dai diversi livelli di abilità. Qui, tutti saranno in grado di trovare una pista adatta al loro livello.

Rosa Khutor si trova un po’ più in alto sulle montagne rispetto a Gazprom Laura. Ci vuole un viaggio in auto di un’ora dall’aeroporto di Sochi e il prezzo del taxi è leggermente più alto: 1.800 rubli (26,20 euro).

Se soffrite il mal d’auto e vi fanno soffrire le strade strette e tortuose, considerate di fare l’ultima parte del viaggio in funivia. Dovrete arrivare alla stazione Olympia 500 e da lì prendere una cabina per Olympia 1170, la stazione della funivia situata proprio nel cuore di Rosa Khutor.

Anche il treno diretto per Rosa Khutor vi porterà alla stazione della funivia. In alternativa potete prendere gli autobus 135, 105 e 105c. Il “municipio” dovrebbe essere il vostro punto di riferimento: la stazione della funivia si trova proprio di fronte alla sua sede, di là dal fiume. La stazione della funivia è aperta tutti i giorni dalle 8.30 alle 23.45. Prenderla richiede tuttavia uno skipass; quindi una corsa in taxi inizialmente potrebbe essere meno costosa.

Ci sono due luoghi da considerare per l’alloggio: Rosa Plato e Rosa Dolina. Scegliete Plato se siete determinati a sciare un sacco e preferite vivere appartati. Dolina è meno isolata, ma più distante dalle piste.

Se optate per una posizione più centrale, ma più distante dalle piste, considerate il cinque stelle Radisson Rosa Khutor o il quattro stelle Park Inn by Radisson Rosa Khutor o il Mercure Rosa Khutor. Nel periodo delle settimane bianche una camera standard per due al Radisson Rosa Khutor costa 15.000 rubli (218 euro) a notte, una camera standard per due al Park Inn by Radisson Rosa Khutor 7.470 rubli (109 euro) e una al Mercure Rosa Khutor solo 5.600 rubli (81,50 euro).

Se preferite vivere a ridosso delle piste e risparmiare preziose ore mattutine prolungando il tempo sugli sci, optate per l’alloggio in uno degli hotel situati a Rosa Plato (funivia Olympia 1170). Questo luogo è più alto in montagna e quindi più appartato. Ha l’aria di un piccolo villaggio alpino: qui, è difficile trovare un volto non conosciuto. Possibili opzioni di alloggio sono il Rosa Ski Inn, il Rosa Chalet, il Rosa Springs e il Rosa Lodge.

Nonostante un tocco di lusso e viste pittoresche sulle montagne, una camera standard per due al Rosa Ski Inn costa appena 3.600 rubli (52 euro) a notte, con opzioni anche molto più economiche (come una stanza in un appartamento con bagno condiviso che costa 1.890 rubli (27,50 euro a notte). Lo Chalet Rosa costa 15.000 rubli (218 euro) a notte per la doppia; mentre Rosa Springs e Rosa Lodge fanno pagare, rispettivamente, 13.200 rubli (192 euro) e 5.300 rubli (77 euro) a notte. Si consiglia vivamente di prenotare in anticipo poiché spesso le camere sono sold out nei periodi di alta stagione, e in particolare subito prima e immediatamente dopo Capodanno, nonostante il forte aumento dei prezzi durante le festività.

Rosa Khutor è orgogliosa di offrire la più ampia varietà di piste agli ospiti del resort, che ha la più grande lunghezza totale di piste in Russia: 100 km per vari livelli di difficoltà.

“Rosa Khutor è stata una delle location che hanno ospitato le Olimpiadi invernali del 2014. Le piste rosse e nere del resort sono il nostro patrimonio olimpico certificato dalla Federazione Internazionale Sci”, afferma il rappresentante del resort Vladimir Kljushkin, sottolineando la qualità delle piste.

Le piste verdi qui sono abbastanza lunghe da consentire ai principianti di affinare le proprie abilità senza doversi preoccupare di percorsi troppo corti e annoiarsi con trasferimenti troppo lunghi sulle seggiovie: la lunghezza delle piste verdi a Rosa Khutor consente una discesa prolungata. Allo stesso tempo, parte delle piste verdi hanno ai lati burroni (spesso non protetti da reti di sicurezza), il che rende difficile per i principianti sciare in modo rilassato. Ovviamente, la sicurezza degli ospiti è la priorità numero uno del resort, che sottolinea che non ci sia da preoccuparsi, e rassicura sul fatto che tutti i luoghi potenzialmente pericolosi sono contrassegnati e monitorati più alcune volte al giorno.

“Mi piace la varietà di piste, ma come sciatore principiante, non mi piace che non ci siano reti di sicurezza in alcuni tratti”, ha detto Danija, 24 anni.

“Rosa Khutor promette la migliore esperienza, ma solo per coloro che sanno già sciare”, ha dichiarato il maestro di sci Denis. “Le piste qui sono le più lunghe, e ce ne sono davvero tante. È la località più divertente in cui sciare proprio per via della varietà di piste.”

Agli ospiti che sciano con bambini che hanno superato il livello di principiante, molti raccomandano Rosa Khutor rispetto ad altre località di Sochi. “Ci sono piste più adatte ai bambini e allo stesso tempo ci sono piste che puoi prendere se sei uno sciatore esperto; altre località offrono meno opzioni”, dice per esempio Aleksej, 41 anni, che è venuto qui a sciare con suo figlio di 10 anni.

Detto questo, Gazprom Laura resta il miglior resort dove sciare per la prima volta. Mentre se vostro figlio ha già imparato le basi, Rosa Khutor potrebbe essere il miglior compromesso, che soddisferà le sue esigenze e quelle di voi genitori sciatori esperti a caccia di adrenalina. 

Per coloro che non sciano, il resort offre sessioni di parapendio mozzafiato per 7.500 rubli (109 euro) a persona, un elegante ristorante chiamato Vysota, sulla cima della montagna, e una passerella di osservazione con una pittoresca vista panoramica.

LEGGI ANCHE: I migliori ristoranti di Sochi: dove mangiare dopo una bella sciata  

Krasnaja Poljana (nota anche come “Gorkij Gorod”) – Il resort con più vita mondana, per sciatori esperti e amanti del fuoripista

Krasnaja Poljana è probabilmente il luogo più mondano in cui trascorrere le vacanze invernali a Sochi. È il primo grosso borgo sulla via delle montagne. Di conseguenza, è il centro di gravità dello sci nella regione.

La sua facile accessibilità è assicurata da una corsa in taxi relativamente breve dall’aeroporto: solo 40 minuti per 1.500 rubli (22 euro). Anche gli autobus 105, 105c e 135 diretti alla fermata dell’autobus di Gornaja Karusel vi porteranno a destinazione. Tuttavia, aspettatevi di trascorrere ben due ore in autobus. Andrà bene anche la già citata opzione del treno diretto a Rosa Khutor. Se andate in auto, il parcheggio è disponibile per 700 rubli (10,20 euro) al giorno.

La varietà di hotel in questo resort è impressionante: si va dal grande Sochi Marriott Krasnaya Polyana, con le sue camere standard che costano 12.700 rubli (185 euro) a notte a piccoli hotel economici senza nome che offrono camere a soli 3.000 rubli (44 euro) a notte per due persone. Chiunque qui potrà trovare una sistemazione adatta per le sue tasche.

Se volete vivere proprio accanto alle piste, prendete in considerazione il Rixos Krasnaya Polyana (15.600 rubli/227 euro a notte), il Novotel (9.500 rubli/138 euro), il Gorki Panorama (8.700 rubli/140) o il Dolina 960 (9.500 rubli/127 euro).

Krasnaja Poljana è un resort in cui lo spirito di festa è nell’aria, sia sulle piste che al villaggio. Le sue piste sono più adatte per gli esperti. Ci sono infatti solo due piste verdi, adatti ai novizi, e si trovano a bassa quota, il che vuol dire che servono condizioni meteorologiche ideali affinché siano aperte.

Ciò che manca qui sono le piste intermedie. Troppo spesso, le piste blu, che dovrebbero essere quelle adatte agli sciatori di media esperienza, hanno tratti nei quali si sovrappongono alle piste rosse più ripide e veloci, il che non è una cosa ideale per chi non è troppo sicuro delle sue capacità. Due piste blu (5A e 4A), che non si incrociano con piste rosse, sono invece molto corte e quindi possono diventare noiose troppo presto.

La nota positiva è che da qui si vede il mare, e sciare mentre ci si affaccia su un panorama marino è un’esperienza irripetibile, che vale la pena provare!

Il resort ha anche le migliori condizioni per il fuoripista nella zona di Sochi. “Potete trovare un sacco di pendii più ripidi e difficili e alcuni percorsi che attraversano persino la foresta. È la località più alta e, quindi, la neve a Tsirk-2 e Tsirk-3 (crinali tra due picchi montuosi) è abbondante e la sua qualità è ideale per il freeride”, ha dichiarato l’istruttore di sci Denis.

Allo stesso tempo, il fuoripista qui è anche considerato tra i più pericolosi: le zone dove praticarlo non sono così facilmente accessibili dalle piste standard come lo sono a Rosa Khutor, il che ostacola il lavoro del soccorso alpino in caso di emergenza. Inoltre, a quanto riferiscono, il resort scoraggia ufficiosamente la pratica, rifiutando qualsiasi aiuto ai freerider nell’organizzazione della loro attività preferita. Cosa che non impedisce ai drogati di adrenalina di andarsi a cercare da soli i punti per praticare le amate discese.

Come accennato in precedenza, questo resort ha le piste più alte. Pertanto, se arrivate a Sochi troppo presto o troppo tardi, è probabile che finirete a Krasnaja Poljana, in quanto è la prima località ad aprire la stagione sciistica e l’ultima a chiudere.

“La prima volta in assoluto sono andata a sciare a Krasnaja Poljana. Anche se inizialmente avevo programmato di andare a Rosa Khutor, Krasnaja Poljana era l’unica località in cui c’era neve”, ha detto Viktoria, 26 anni. “Onestamente, è stato un po’ troppo impegnativo per me iniziare da lì. Rosa Khutor o Gazprom Laura sarebbero state un posto migliore per imparare a sciare.”

In ogni caso, Krasnaja Poljana è famosa per la sua atmosfera vivace, sia in montagna che giù al villaggio. La località, infatti, ha le infrastrutture più sviluppate: negozi, caffè, ristoranti, banche e negozi di alimentari sono molto numerosi. Quando gli altri resort si stanno già preparando per andare a letto, la vita qui è ancora in pieno fermento.

Se avete voglia di tentare la fortuna, un’altra grande attrazione è il Sochi Casino and Resort, adiacente al Sochi Marriott Krasnaya Polyana. Si trova a pochi passi da tutti gli hotel della zona.

Insomma, se siete sciatori esperti in cerca anche di qualche fuoripista spettacolare e di feste scatenate dopo lo sci, Krasnaja Poljana è il posto che fa per voi.

Gazprom Alpika – Il resort più isolato, per sciatori esperti e amanti della solitudine

Gazprom Alpika è un resort adatto solo a sciatori esperti, ed è un posto dove si può sfuggire alla folla.

Formalmente, Gazprom Alpika fa parte del comprensorio sciistico Gazprom, insieme a Gazprom Laura. In realtà, è molto diverso.

Proprio come per la sede gemella, una visita a Gazprom Alpika inizia dal centro di intrattenimento Galaktika. Gli hotel Grand Hotel Polyana e Polyana 1389, precedentemente menzionati, rimangono opzioni praticabili per l’alloggio. Per raggiungere Alpika, tuttavia, dovrete prendere la funivia K1 dalla stazione della funivia Alpika (situata accanto a Galaktika) fino a un picco montuoso chiamato Prijut Vetrov.

Fortunatamente, non è necessario acquistare uno skipass separato per passare da Gazprom Laura a Gazprom Alpika, poiché, come detto, si tratta formalmente di due parti di un singolo resort. Tuttavia, dovrete aver migliorato alla grande le vostre capacità sciistiche per effettuare il passaggio.

Gazprom Alpika è un resort che richiede esperienza. Offre piste per un totale di appena 8 km (sbalorditivamente meno dei 100 km di piste disponibili a Rosa Khutor, per esempio) e tutte sono contrassegnate come rosse o nere, e sono le piste più ripide e rischiose che troverete a Sochi.

Grazie alla sua posizione e alle piste complesse, Gazprom Alpika è un resort relativamente isolato. Quando gli altri resort sono affollati, questo è il posto migliore per evitare lunghe file e piste piene.

“Venite qui quando siete stufi delle code e quando volete sciare in santa pace. Le piste sono strette e ci sono molte meno persone”, dice il maestro di sci Denis.

Sarebbe comunque un grosso errore sottovalutare Gazprom Alpika. È il posto perfetto per gli sciatori esperti, che qui raramente affrontano il problema delle piste sovraffollate, un evento invece comune in tutte le altre località sciistiche di Sochi.

Non solo sci: igloo, palazzi, statue: cosa fanno i russi con la neve? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie