Abbiamo intervistato la Signorina Neve, l’aiutante del Babbo Natale russo

Viktoria Rjabikova
Il lavoro ferve nella residenza del braccio destro di Nonno Gelo, la sua nipotina Snegurochka. Lei vive nella città di Kostromà, e se farete una gita fino a casa sua, i vostri bambini impazziranno di gioia

Gli elfi e le renne non sono in voga dalle parti del Babbo Natale russo, conosciuto come “Ded Moroz” (Nonno ghiaccio). Il suo assistente principale, che è anche sua nipote, è una bella ragazza: Snegurochka, la Signorina Neve. E mentre Santa Claus trascorre gran parte dell’anno nelle sue residenze in Finlandia e al Polo Nord, Ded Moroz vive a Velikij Ustjug, nella regione di Vologda (920 chilometri a nordest di Mosca). La Signorina Neve abita invece a Kostromà (345 chilometri a nordest di Mosca). L’abbiamo incontrata in autunno, ora che il lavoro di preparazione per la stagione di punta delle feste è in pieno svolgimento. 

Qual è il tuo vero nome?

Signorina Neve! E quale altro? Così mi hanno sempre chiamato mamma Primavera e papà Inverno, sin dalla nascita. Molte persone pensano che questo sia il mio lavoro, invece essere Signorina Neve è il mio destino, il mio modo di vivere.

Il mio compleanno cade quando l’inverno incontra la primavera, e questo succede generalmente tra la fine di marzo e l’inizio di aprile. Solo la natura decide quando esattamente l’inverno e la primavera si incontrano. 

Perché vivi a Kostroma e non a Velikij Ustjug con Ded Moroz?

Perché è qui che il famoso drammaturgo russo Aleksandr Ostrovskij ha scritto il suo racconto “Snegurochka”, dedicandolo a me (nel 1873, ndr). Kostroma è la mia patria. Le persone hanno bisogno di favole ovunque. Non basta che Ded Moroz faccia magie a Ustjug.

Che cosa fanno i tuoi assistenti?

Ce ne sono molti, ma il membro più caro della residenza è il nostro collaboratore scientifico senior, un gatto bianco chiamato Stepan Timofeevich Codamozza. È venuto qui molti anni fa e ha chiesto un lavoro, e non potemmo rifiutarci di aiutarlo. Durante la giornata incontra gli ospiti, mentre la sera e durante la notte dorme sotto l’abete tra i doni, osservando attentamente i suoi sogni magici, che archivia nel suo catalogo scientifico. I suoi sogni più vividi si trasformano in fiabe, che egli conserva nella sua biblioteca. 

Qual è la giornata tipo della Signorina Neve?

La mattina incontriamo gli ospiti della Sala dei Miracoli e insegniamo loro a esprimere correttamente i loro desideri. Nella residenza i nostri accademici tengono lezioni creative e programmi interattivi. E poi rispondiamo alle lettere che riceviamo. Per il mio compleanno e durante le festività natalizie organizzo dei balli, ai quali può partecipare chiunque lo voglia.

A proposito, durante l’anno, Nonno Gelo e io viaggiamo costantemente in giro per tutta la nostra Russia sognante. A volte frequento gli orfanotrofi, le case di cura, e cerco di dare ai bambini un po’ di calore. Quindi, se qualcuno si sente triste, mi scriva una lettera e gli risponderò sicuramente. Forse i miei auguri forniranno sostegno a chi passa un brutto momento. 

Solo i bambini ti scrivono?

No, ricevo lettere da bambini e da adulti. Ad esempio, le ragazze descrivono il loro primo amore, alcuni adulti chiedono consigli e condividono i loro sogni. Forse pensano che anche io sia adulta. Ma qui il tempo scorre in modo completamente diverso. Anche se sono piuttosto vecchia, sono ancora molto piccola ed è ancora troppo presto per me per pensare ai ragazzi e al matrimonio. E Nonno Gelo non mi permette di farlo!

I bambini mi inviano cartoline e disegni vivaci. Forse il disegno più popolare è il mio ritratto. Ne ho una intera collezione. Recentemente ho ricevuto le lettere delle sorelle Irina e Eliza dal Giappone. La madre delle ragazze ha detto che le ragazze conoscono tre lingue. Loro leggono e parlano bene russo, ma stanno ancora imparando a scrivere.

A quale età i bambini smettono di credere alle favole?

Credere alle favole non dipende dall’età. A volte è necessario aiutare i bambini piccoli a credere nella magia, ma alcuni adulti dimenticano che è sempre vicina a loro e ai bambini. Quando vengono a trovarmi, se lo ricordano. 

Come raggiungere la residenza della Signorina Neve da Mosca 

Con il treno

Potete raggiungere Kostroma da Mosca in treno. Ogni giorno un treno parte dalla Stazione Yaroslavl alle 11.00 e si dirige verso la patria della Signorina Neve. Ci sono anche treni a lunga distanza, diretti a Khabarovsk o a Vladivostok che si fermano alla stazione di Kostroma Novaya. Ci vogliono 6-7 ore per raggiungere la città. Un biglietto di sola andata di seconda classe costa 1.200/1.600 rubli (17,50/ 23,50 euro), mentre in terza classe scende a 650 rubli (9,50 euro). Per info e biglietti cercate sul sito delle Ferrovie russe. 

Con il bus

Gli autobus per Kostroma partono dagli aeroporti di Vnukovo, Domodedovo e Zhukovskij e dalla stazione degli autobus VDNKh. La corsa dura 7 ore. I biglietti di sola andata costano da 1.000 a 1.500 rubli (da 15 a 22 euro). 

In aereo

Kostroma ha un aeroporto, l’Aviapredprijatie Kostromskoje, ma gli aerei volano qui solo da San Pietroburgo. Il biglietto costa almeno 4.500 rubli (66 euro), e il volo richiede solo un’ora. 

Lindirizzo della Signorina Neve a Kostroma è: Via Simanovskij 11. Prendete l’autobus n. 2 dalla Piazza Privokzalnaja al Monastero Bogojavlensko-Anastasiin. Oppure un taxi. Le visite sono in russo, ma potete trovare degli interpreti. L’ingresso costa 150 rubli (2,20 euro), una masterclass 200 rubli (2,95 euro). L’ultima escursione inizia alle 17. 

Siti internet: www.snegurochkadom.ru, www.snegurochka-dr.ru

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Leggi di più