Dove vive Ded Moroz, il Babbo Natale russo?

TASS
Il principale protagonista delle festività di fine anno, atteso in Russia da tutti i bambini, ha due o tre residenze dove potete andarlo a trovare

In Russia, il nonnetto buono che porta il regali ai bambini per il Capodanno (i russi celebrano le festività in modo diverso; Natale è il 7 gennaio, ma i doni si mettono sotto l’albero il 31 dicembre) si chiama Ded Moròz (“Nonno Gelo”). Si tratta di un personaggio da favola della mitologia slava che incarna l’inverno e il freddo. Come il suo “collega” Babbo Natale, riceve lettere dai bambini, che gli scrivono cosa sognano di ricevere e se si sono comportati bene durante l’anno. Ma mentre per Babbo Natale si discute su dove viva (gli americani pensano che stia di casa in Alaska, i canadesi nel nord del loro Paese, i norvegesi a Drøbak, gli svedesi in Dalarna e gli europei in generale sposano la versione finlandese, di un villaggio vicino a Rovaniemi, in Lapponia), Ded Moroz ha un po’ di residenze certe in Russia. Facciamo un giro tra i suoi possedimenti.

La residenza principale di Velìkij Ùstjug

La tenuta di Babbo Natale si trova in una foresta di pini, a 15 km da una delle città più belle del Nord della Russia, Velikij Ustjug (nella regione di Vologda, circa 450 km a nord-est del capoluogo, e 920 rispetto a Mosca). È stato ufficialmente aperta ai visitatori nel 1998 e riceve ogni anno oltre 250 mila persone. La tenuta è aperta tutto l’anno, ma il vero divertimento inizia dopo il 18 novembre, nel giorno del compleanno di Ded Moroz (si ritiene che in questo giorno nel Nord russo arrivi il vero inverno). Vive qui con sua moglie Zimà (“Inverno”; il sostantivo è femminile in russo) e i suoi assistenti.

I possedimenti di Babbo Natale sono piuttosto estesi: c’è un ufficio postale sul territorio della sua residenza (qui vengono consegnate tutte le lettere inviate con il solo indirizzo “Ded Moroz” scritto sulla busta), un’area giochi per i bambini, dei mercatini di natale, il laboratorio di un fabbro, una sala ghiacciata (qui la temperatura è di -15 tutto l’anno affinché il nonnetto non si sciolga!), e un favoloso sentiero nel bosco per delle fantastiche passeggiate nella neve.

La casa di Babbo Natale è costruita in legno, come una tradizionale torre russa a due piani (detta “tèrem”). Si chiama “Centro direzionale della magia”. All’interno ci sono 12 stanze, ognuna delle quali racconta come vive Ded Moroz. In una stanza c’è una biblioteca, in un’altra un osservatorio, nella terza il suo guardaroba, nella quarta vengono conservate le favole dei bambini. Una stanza separata è assegnata ai regali. Sì, anche Babbo Natale ama riceverli! Molto spesso, glieli mandano i suoi “colleghi” di altre regioni del Paese (ad esempio, lo jakuto Chyskhaan, l’udmurto Tol Babai e il tataro Kysh Babai) e del mondo. In altre stanze ci sono i suoi assistenti che portano lettere, fanno regali e cuciono vestiti per lui.

LEGGI ANCHE: Ma quanti Babbo Natale ci sono in Russia? La fotogallery 

Nella sua casa-torre, la stanza più magica è quella dei desideri. Dicono che tutti i sogni espressi in essa durante il suono di una campana si realizzino entro un anno. Quando Ded Moroz va a letto, sogna ciò che i suoi ospiti desiderano. Ogni giorno ha un nuovo cuscino: il più piccolo il lunedì e il più grande la domenica, perché ci sono più ospiti verso il fine settimana, il che significa che è necessario dormire meglio e vedere più desideri in sogno.

A proposito, i piccoli visitatori possono entrare nella Scuola di Magia della sua residenza e ricevere un certificato dal suo assistente. I corsi sono complessi: ci sono studi sul gelo, “ghiacciografica” ed etica dei messaggi magici. E i bambini di solito non si perdono queste lezioni.

La tenuta di Mosca e l’appartamento nel grattacielo

Ded Moroz ha una sua “filiale” nel parco Kuzminki di Mosca (nella zona sud-est della città). Va spesso in visita nella capitale e riceve gli ospiti qui. Durante le vacanze di Capodanno nella tenuta ci sono mercatini, una pista di pattinaggio e persino un teatro, dove recitano gli assistenti del magico vecchietto. Potete venire qui tutto l’anno, ma per vedere la casa di Ded Moroz dall’interno, è meglio prendere un appuntamento in anticipo, mica è sempre qui!

Oltre a questa tenuta, Ded Moroz da un paio di anni ha i suoi “appartamenti” anche nella Torre Imperia, un grattacielo di 60 piani nella City di Mosca. Potete però trovarlo lì solo durante le vacanze di Capodanno. E che vista mozzafiato si apre dal 56° piano della sua residenza cittadina! Una favola!

La Residenza di Sneguròchka a Kostromà

Babbo Natale ha una nipotina, Snegurochka (“Signorina Neve”), che lo aiuta sempre a distribuire i regali. Ha la sua casa a Kostroma, antica città sulle rive del Volga, dove vive con il gatto Bajun (che può far addormentare una persona in pochissimi istanti) e vari assistenti (spiritelli responsabili dell’ordine della casa). Il nonno viene spesso da lei e fa regali, non solo a lei, ma anche agli ospiti che lei ama ricevere. Anche a Snegurochka non piace il calore, quindi nella sua dimora c’è una stanza del ghiaccio, dove puoi sempre rinfrescarti. Ha anche una cassetta postale dove imbucare le lettere per Ded Moroz.

Abbiamo intervistato la Signorina Neve, l’aiutante del Babbo Natale russo 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie