Come e quando i bambini russi smettono di credere a Babbo Natale?

Vladimir Smirnov/TASS
Prima o poi succede a tutti, e la scoperta che in realtà era il papà mascherato può essere persino scioccante. Ma rispetto al passato, i bimbi sembrano più scettici, anche perché fin da novembre in ogni strada e centro commerciale ne vedono a frotte, tanto da arrivare a chiedere ai genitori: “Ma è una specie di lavoro?”

Quel periodo nelle nostre vite in cui crediamo in Babbo Natale (per noi russi Ded Moroz; “Nonno Gelo”) è magico per ogni bambino. Abbandoniamo ogni dubbio e vergogna, senza notare l’evidenza. Oleg, 27 anni, si ricorda come un bambino che non riusciva mai a fare due più due ogni volta che suo padre “improvvisamente” scompariva proprio nel momento in cui entrava in scena Ded Moroz. Georgij, 35 anni, dice di non essere mai arrivato a capire, da bimbo, che tutte le sue lettere a Babbo Natale venivano semplicemente raccolte da sua madre sul marciapiede, dopo che erano state gettate fuori dalla finestra del loro condominio affinché “Babbo Natale le afferrasse e le leggesse”.

Con il tempo, la fiducia di tutti in Babbo Natale è scossa nel modo più tragico. Aleksandra, 32 anni, ci ha raccontato: “Rimasi in attesa, pronta a tendere un’imboscata a Babbo Natale mentre volava attraverso la piccola finestra (ero preoccupata per il fatto che avevamo inferriate metalliche al piano terra)… quello che vidi furono invece i miei genitori, che posavano silenziosamente i regali sotto l’albero”.

Quando si scopre il trucco

Ma ci sono storie più ricche di azione di questa. “Uno dei miei primi Capodanni [in Russia i regali sotto l’albero si mettono nella notte del 31 dicembre, ndr], papà si travestì da Babbo Natale. Avevo cinque anni all’epoca e non notai nulla”, ricorda Oleg. “Fu come un flashback, in stile hollywoodiano, a riportarmi alla realtà un paio di anni dopo, quando all’improvviso capii e gridai: ‘Ma è tutta una bugia!’”, ricorda. “La goccia che fece traboccare il vaso fu quando una mattina, per una festa, la mamma mi aveva preparato un costume che lei aveva soprannominato ‘Persona misteriosa’. Consisteva in un cappello a cilindro, un mantello nero e un cardigan in stile scozzese. Ma guarda un po’! In quel momento ho rivisto Ded Moroz entrare dalla porta e ho capito tutto! Erano passati ben due anni ma d’improvviso ci ero arrivato! Sono andato subito a interrogare papà sul suo ruolo in quella indegna farsa. E lui ha confessato tutto.”

A volte i bambini possono diventare l’attrazione principale nello “spettacolo di Babbo Natale” della notte di Capodanno. Come Gleb, 33 anni, che ricorda la sua fede infranta all’età di cinque anni, quando sua madre ebbe la pessima idea di vestire lui da Ded Moroz per “andare e augurare buon anno alla simpatica vecchietta della porta accanto. Ciò ha praticamente rimosso ogni dubbio che si trattasse semplicemente di qualcuno mascherato.”

Gli sforzi dei genitori

Ogni genitore ha il proprio livello di impegno quando si tratta di preservare la fiducia dei bambini nell’esistenza di Ded Moroz. Per alcuni, è una questione d’onore, come ci racconta Katja, 25 anni: “Ero il membro più sospettoso della famiglia, e verso mezzanotte stavo cercando di capire come Ded Moroz si facesse strada attraverso la finestra fino all’albero e mi sono messa lì di guardia”, dice. “Tutto quello che ho visto sono stati i miei genitori che si facevano sempre più irrequieti, cercando di distrarmi in tutti i modi per liberarsi la strada verso l’albero di Natale e metterci i regali senza che li vedessi. Quando finalmente mi sono accorta della manovra, ho detto con fermezza: “Basta con questo spettacolo! So tutto!”. Ma i miei genitori hanno semplicemente continuato con la loro sceneggiata e hanno negato ogni complicità, dicendo che i doni li aveva portati Ded Moroz e blablabla”.

Altre volte, i genitori russi rinunciano del tutto al mistero. Soprattutto quando ci sono i nonni a dare una mano. Vasilij, 31 anni, dice di aver saputo per tutta la sua infanzia che erano stati i suoi genitori a consegnare i regali. Ma la magia era mantenuta viva da sua nonna, che usava un “frigorifero magico”, che “era in realtà un vecchio frigorifero ZiL, che aveva un piccolo scompartimento in cui avrei puntualmente trovato una lettera di Ded Moroz, e un regalino lasciato al momento opportuno”, afferma. “Intorno ai sei anni, avevo finalmente capito che il frigorifero non era davvero magico, ma mia nonna si era preparata anche per questo: lasciò una lettera sincera al suo interno, dicendo che il frigorifero era ormai vecchio, e la magia era finita.”

Purtroppo, le celebrazioni di Capodanno in età moderna sono piene zeppe di ogni tipo di Babbo Natale e Ded Moroz, che confonde i bambini sul fatto che ci sia qualcosa di speciale o unico nel personaggio, visto che ne vedono tantissimi per strada e in ogni centro commerciale. Maria, 34 anni, dice che la figlia di quattro anni le ha chiesto: “Ma Ded Moroz è una specie di professione?”

Raccontaci nei commenti la tua esperienza con il felice vecchio con la barba bianca. Ci hai creduto? Come è finita? O le tue tradizioni sono completamente diverse?

Ma quanti Babbo Natale ci sono in Russia? La fotogallery

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie