Perché in Russia ci sono così tanti musei di storia locale e case museo?

Museo riserva di Ryazan

Museo riserva di Ryazan

Aleksandr Ryumin/TASS
Alcuni sono grigi e polverosi, ma altri sono veri gioielli da non perdere. La tradizione si perde nei tempi dell’Impero e ha avuto uno sviluppo straordinario ai tempi dell’Urss. Non snobbateli

C’è una casa vicino alla fine del villaggio. È un museo. Che sia vecchio e sgangherato, o splendidamente restaurato, contiene sempre più o meno sempre le stesse esposizioni: un orso di pezza con gli occhi di vetro strabuzzati; due lepri locali impagliate; una in pelliccia invernale, l’altra in quella estiva; una volpe malmessa; e una collezione di erbe locali essiccate e di rami e rametti, oppure minerali. In una stanza scarsamente illuminata, ci sono manifesti sbiaditi con una lunga storia del luogo, con grande enfasi sulla lotta della classe operaia. Si possono anche scorgere alcuni ritratti di celebrità locali, la maggior parte nate prima del 1950, insieme alla citazione di un mediocre poeta locale. A presiedere il tutto ci sono un corpulento amministratore occhialuto e una guardiana armata di uno straccio nero come il carbone. Sono loro i custodi del museo di storia locale.

Museo nazionale Kabardino-Balkaria di Nalchik

Sì, un museo come questo può essere trovato in quasi tutte le città di medie e piccole dimensioni della Russia e in vari villaggi. Ci sono oltre 800 musei di storia locale in Russia, così come oltre 130 case-museo e appartamenti-museo che commemorano la vita di scrittori, esploratori, scienziati e rivoluzionari. A volte, questi musei non posseggono un singolo pezzo di arredamento o oggetto personale appartenuto realmente all’eroe celebrato, e quindi cercano più che altro di “ricreare l’atmosfera dell’epoca”. Forse la cosa più importante è che fungono da luoghi di interesse turistico in città e villaggi dove tali posti sono altrimenti scarsi.

Lordine dello zar

Kunstkamera

Come per molte altre cose in Russia, tutto iniziò con Pietro il Grande, che ordinò alla gente di presentare al Senato cose vecchie e insolite, tra cui ossa e armi, in cambio di una ricompensa. Questo fu fatto per riempire la Kunstkamera, il primo museo nella storia della Russia. Più tardi, verso la fine del XVIII secolo, l’Accademia Russa delle Scienze iniziò spedizioni etnografiche nelle regioni più remote dell’Impero e ordinò alle autorità locali di inviare nella capitale informazioni “su foreste, fiumi, laghi, minerali, fiere e mulini, ecc.” Descrizioni dettagliate delle vaie regioni vennero preparate come ordinato, e nel 1782 fu aperto a Irkutsk il primo museo di storia locale.

Fino alla metà del XIX secolo, tuttavia, solo poche persone capivano il significato della storia locale. Ma Nicola I (che regnò dal 1825 al 1855) obbligò le autorità di tutti i governatorati a pubblicare giornali locali. Questo fu fonte di ispirazione per gli storici dilettanti locali, che iniziarono a raccogliere fonti e memorabilia e a pubblicare articoli sulle loro scoperte. Nel frattempo, le chiese locali iniziarono la raccolta di reperti e reliquie. I tesori artistici più significativi, tuttavia, erano conservati nelle tenute di campagna della nobiltà.

Rivoluzione: la madre di tutti i musei

La casa museo dove Lenin visse tra dal 1898 al 1900

Dopo la rivoluzione del 1917, le chiese furono chiuse e le proprietà lussuose furono nazionalizzate. Quei tesori della nobiltà non danneggiati o distrutti nel tumulto della Guerra civile russa divennero di proprietà statale. I musei locali furono riempiti con bottino di nobili manieri, chiese e monasteri. I funzionari bolscevichi, tuttavia, non avevano le conoscenze per supervisionare i musei. Così si rivolsero agli ex proprietari, persone educate ai tempi zaristi. Alcuni membri delle famiglie nobili divennero custodi dei musei che si trovavano nelle loro precedenti proprietà.

Museo etnografico di Kizhi

Ma all’inizio degli anni Trenta molti di questi “ex” cittadini furono condannati alla repressione. Da allora, i musei locali cercarono di non conservare il passato ma di condannarlo e di glorificare il futuro comunista. Le mostre iniziarono a raccontare come i sovietici stavano marciando verso il comunismo, e la storia locale iniziò “a studiare la forza produttiva e le risorse naturali del nostro Paese”. Negli anni Trenta, la moglie di Lenin, Nadezhda Krupskaja, vice capo del Commissariato del popolo per l’educazione, emanò un ordine assurdo che richiedeva la distruzione di tutta la letteratura pre-rivoluzionaria. Fortunatamente per la storia russa, questo ordine folle fu ampiamente trascurato. 

Il disgeloe oltre

La generazione del Dopoguerra trovò nuovo interesse per la storia locale, e gruppi di abitanti delle città iniziarono a viaggiare nella Russia rurale, alla ricerca di chiese abbandonate e vecchi manieri. Alcuni erano ricercatori, mentre altri erano ricettatori alla ricerca di oggetti preziosi. Sfortunatamente, molte icone antiche, libri e mobili vennero persi durante questo periodo e finirono nella mani di collezionisti privati ​​e stranieri.

Museo riserva Tarkhanij

Lentamente, la storia della Russia tornò nei musei locali sotto forma di figure di cera degli abitanti dei villaggi in costume nazionale che svolgono le loro faccende quotidiane. In molti musei, i volti delle figure di cera venivano modellati su veri e propri abitanti del villaggio, così anche i musei divennero silenziosamente memoriali dei contadini russi.

Cerimonia al museo riserva Tarkhanij

Dopo la Perestrojka, la vita quotidiana sovietica divenne oggetto dei musei di storia locale, e nelle esposizioni sono entrate in quel periodo elettrodomestici da cucina sovietici, vestiti, bandiere rosse e abiti da pionieri. Nelle esposizioni di storia locale e nelle case-museo un appassionato di stile sovietico può trovare dei veri e propri “tesori”. Uno che affronta in particolare questo tema è a Kazan

I musei locali più famosi sono quelli dedicati ai grandi scrittori russi del XIX secolo. Russia Beyond ha contattato Lilija Tikhonova, ex guida della tenuta di Tarkhany, dove il poeta Mikhail Lermontov trascorse la sua infanzia al fianco di sua nonna, Elizaveta Arsenjeva. Oggi, le tradizioni locali sono ricreate come parte di un tour guidato intorno alla tenuta.

“Un tradizionale matrimonio di Tarkhany è stato ricreata sulla base delle memorie degli abitanti dei villaggi circostanti. Questi matrimoni erano notevoli per le canzoni locali e l’uso di ornamenti di nozze tradizionali. Ai nostri giorni le giovani coppie vengono a Tarkhany per sposarsi in questo stile particolare”, ha detto Tikhonova.

La rotonda del museo riserva Tarkhanij

Le case-museo sono anche luoghi in cui rivivono le tradizioni domestiche. A Tarkhany, una tale tradizione è stata accuratamente preservata. “Elizaveta Arsenjeva, la nonna di Lermontov, amava bere il tè in una rotonda nel suo giardino. Oggi, in occasioni importanti come i compleanni di Lermontov o della Arsenjeva, lo staff del museo organizza il tè per gli ospiti proprio in quel posto”, ha raccontato Tikhonova, aggiungendo che queste piccole tradizioni mantengono vivo non solo il museo, ma anche la casa.

È facile dire quali sono i musei di storia locale più interessanti, di solito quelli nelle città più antiche. Per quanto riguarda le case museo di personaggi famosi è più complicato, ma abbiamo già trattato l’argomento. Potete anche fare un tour virtuale online. Tra i più interessanti della Russia troviamo l’appartamento commemorativo di Aleksandr Pushkin a San Pietroburgo e il museo della casa di Sergej Djagilev a Perm. L’appartamento commemorativo di Anna Akhmatova nella Casa della Fontana offre anche uno sguardo raro sulla vita quotidiana del dopoguerra a Leningrado (l’odierna San Pietroburgo), e la casa di Mikhail Bulgakov sugli stagni del Patriarca a Mosca è il celebre appartamento descritto nel romanzo “Il Maestro e Margherita”.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più