Dalle grandi speranze alla Grandi purghe: 17 foto degli anni Trenta nell’Urss

Museo letterario di Stato, Ivan Shagin/russiainphoto.ru, David Trachtenberg/Sputnik
Questo decennio è generalmente associato alla feroce repressione stalinista. Ma fu anche un periodo di grande fioritura nel cinema, di conquiste nelle spedizioni artiche e nelle trasvolate intercontinentali, e di importanti passi avanti nell’industrializzazione del Paese

“La vertigine dei successi”

Gli anziani della fattoria collettiva controllano la qualitàdel grano del nuovo raccolto nella Siberia orientale. 1936

Lanciata alla fine degli anni Venti, la collettivizzazione (la riorganizzazione delle singole proprietà contadine e del lavoro agricolo in fattorie collettive) fu condotta in modo brutale e intransigente, il che alla fine portò a diffuse forme di resistenza. Il 2 marzo 1930 fu pubblicato sulla “Pravda” il celebre articolo di Stalin “La vertigine dei successi”. Vi si affermava che la collettivizzazione agricola era stata condotta con eccessivo zelo, portando a “eccessi” che dovevano essere corretti. Successivamente, il ritmo della collettivizzazione venne significativamente ridotto. 

La sconfitta del movimento dei Basmachi 

Un gruppo di ufficiali dellOgpu, il Direttorato politico dello Stato (la polizia segreta) con Ibrahim Bek (al centro), leader della resistenza armata dei Basmachi contro i bolscevichi. 1931 

Spinti dagli slogan islamici, i cosiddetti Basmachi lottarono contro i bolscevichi per la liberazione dell’Asia centrale. Condussero una guerra partigiana, distruggendo ferrovie, attaccando piccoli insediamenti e uccidendo attivisti comunisti. Nel 1931-1932 l’Armata Rossa sconfisse le principali forze dei Basmachi. Tuttavia, scontri isolati si verificarono fino agli inizi degli anni Quaranta. Il loro leader Ibrahim Bek fu giustiziato poco dopo la cattura.

La carestia del 1932-1933 

La carestia in Ucraina. 1932 

La piena collettivizzazione e la requisizione forzata dei cereali portò alla carestia su vasti territori dell’Ucraina, e, in Russia nella regione del Volga, negli Urali meridionali, nella Siberia occidentale e nel Caucaso settentrionale, causando la morte di oltre sette milioni di persone.

Il Gulag

Il prigioniero di un lager con un ufficiale della polizia segreta nel cantiere di costruzione di un canale. 1933 

Il sistema sovietico dei campi di lavoro forzato funzionava a pieno regime negli anni Trenta. Fino a due milioni di persone si trovavano rinchiuse in centinaia di campi in tutto il Paese. Durante l’intero decennio, oltre 360.000 condannati morirono a causa di trattamento brutale, fame e eccessivo affaticamento durante la costruzione di ferrovie, canali, fabbriche e centrali idroelettriche. 

L’industrializzazione 

Un operaio nella Fabbrica di Ferro e Acciaio di Magnitogorsk. 1937 

Durante gli anni Trenta, l’Unione Sovietica ottenne risultati impressionanti nell’industrializzazione, diventando uno dei leader industriali del mondo. Vennero costruite oltre 4.500 nuove fabbriche. Un ruolo significativo in quest’opera fu svolta da specialisti tedeschi e americani invitati nell’Urss, come Albert Kahn. In generale, la capacità industriale di recente creazione permise ai sovietici di modernizzare in modo significativo le proprie forze armate, il che era essenziale a causa dell’avvicinarsi di un nuovo conflitto mondiale. 

Ljubov Orlova e il fiorente cinema sovietico 

Una scena del film del 1936 Il Circodi Grigorij Aleksandrov con Ljubov Orlova nei panni di Marion Dixon 

L’aumento degli standard di recitazione e regia e l’implementazione di scenografie e di un sonoro di alta qualità permisero al cinema sovietico di raggiungere livelli senza precedenti. Alcuni dei film di quell’epoca, musical come “Tutto il mondo ride” (1934), “Il Circo” (1936) e “Volga-Volga” (1938) divennero successi senza tempo tra gli spettatori sovietici e in seguito russi. L’attrice sovietica più popolare nell’Urss era allora Ljubov Orlova (1902-1975), primo sex symbol del Paese. 

Il salvataggio degli uomini del Cheljuskin 

Il rompighiaccio Cheljuskin mentre si fa strada tra ghiaccio e neve. 1934. 

Il 13 febbraio 1934, il piroscafo sovietico rinforzato “Cheljuskin” affondò nell’Artico, stritolato dal pack presso l’Isola di Koljuchin, nel Mare dei Ciukci, e i suoi 104 uomini dell’equipaggio rimasero alla deriva su un lastrone di ghiaccio. Nel corso di due mesi tutti furono portati in salvo e i loro soccorritori furono i primi a essere insigniti del premio di Eroe dell’Unione Sovietica. Milioni di cittadini dell’Urss seguirono la vicenda e si preoccuparono del destino dei marinai.

Le Parate degli Atleti 

Una parata di atleti sulla Piazza Rossa il 1ºmaggio 1936 

Introdotte nel 1919, le cosiddette Parate degli Atleti si tennero regolarmente dal 1931. Divennero il metodo più efficace per promuovere lo sport e uno stile di vita sano nell’Unione Sovietica. Queste sfilate svolsero anche un ruolo significativo nella creazione del culto della personalità di Stalin. La parata degli atleti del 1935 definì Stalin “il migliore amico dei pionieri”, mentre alla sfilata del 1936 nacque un nuovo slogan: “Grazie, compagno Stalin, per la nostra felice infanzia”.

Il culto della personalità di Stalin

Stalin durante una cerimonia ufficiale per lapertura della metropolitana di Mosca. 1935 

La propaganda sovietica lavorò duro per trasformare Stalin in un semidio, un infallibile governante ideale, che non commetteva errori. “Grande Leader”, “Grande Leader e Maestro”, “Padre delle Nazioni”, “Grande Signore della Guerra”, “Miglior amico degli scienziati (scrittori, sportivi, ecc.)” Erano solo alcuni dei suoi titoli. 

La “Grande purga”

Nemico del popolo. Estremo Oriente russo. 1939 

La “Grande purga” costò la vita a quasi 700 mila persone, anche se sulle cifre la discussione storica resta aperta. Le repressioni di Stalin del 1936-1938 annientarono il nucleo del partito comunista e dei funzionari governativi, decapitarono la leadership dell’Armata Rossa e decimarono l’intellighenzia e la gente comune. Il periodo in Russia è chiamato “Ezhovshchina”, dal cognome dello spietato capo della polizia segreta Nikolaj Ezhov (1895–1940).  

L’intervento sovietico nella Guerra civile spagnola 

Piloti sovietici allaerodromo di Soto, vicino a Madrid. 1936 

La Guerra civile spagnola (1936-1939) fu di fatto una prova generale per la Seconda guerra mondiale. Sia l’Unione Sovietica che la Germania inviarono alle opposte fazioni in guerra enormi quantità di armi, carri armati, aerei, cannoni e navi da guerra. Oltre 2.000 specialisti sovietici, tra cui 772 piloti e 351 comandanti di carri armati, combatterono per la Repubblica contro i nazionalisti di Franco, sostenuti invece dalla Legione Condor tedesca e dal Corpo Truppe Volontarie dell’Italia fascista. 

Primo volo non-stop Mosca-Polo Nord-Vancouver (Stato di Washington, Usa)

I piloti sovietici Aleksandr Beljakov, Valerij Chkalov e Georgij Bajdukov dopo latterraggio a Vancouver, Usa. 29 giugno 1937 

Tea il 18 e il 20 giugno 1937, i piloti sovietici di un aereo Tupolev Ant-25 effettuarono il primo volo senza scalo da Mosca a Vancouver, città nello Stato di Washington, negli Usa, attraverso il Polo Nord. Il volo impiegò 63 ore e coprì una distanza di 8.811 chilometri (5.475 miglia). L’impresa è nota anche come “la rotta di Stalin”.  

La grande esplorazione artica

Da sinistra: lidrologo Pjotr Shirshov, il radiotelegrafista Ernst Krenkel, il capo della stazione Ivan Papanin e il geofisico Evgenij Fjodorov allinaugurazione della prima stazione su ghiaccio alla deriva del Polo Nord, il 6 giugno 1937

Negli anni Trenta l’Unione Sovietica riscosse enormi successi nell’esplorazione artica e nel suo sfruttamento industriale: i piloti sovietici fecero il loro primo volo senza scalo attraverso il Polo Nord, e il rompighiaccio “A. Sibirjakov” rese possibile la traversata nei mari nordici senza più bisogno di soste alla navigazione durante l’inverno. I sovietici fondarono dozzine di porti artici e scoprirono numerose fonti di gas e petrolio nella regione. Nel 1937 fu fondata la prima stazione con equipaggio umano su ghiaccio alla deriva al mondo, la Severnyj-poljus-1 (Polo Nord-1). 

Le battaglie del Lago Khasan e di Khalkhin Gol 

Un soldato giapponese si arrende alle truppe sovietiche durante la Battaglia di Khalkhin Gol. 1939 

Dopo l’occupazione della Manciuria nel 1932, l’Impero giapponese si trovò con un lungo confine con l’Unione Sovietica e la sua alleata Mongolia. Vedendo l’Estremo Oriente sovietico come una zona ottima per le loro future ambizioni territoriali, i giapponesi iniziarono a testare le forze del nemico. In una serie di battaglie sul lago Khasan e a Khalkhin Gol nel 1938-1939 un esercito misto sovietico-mongolo distrusse completamente le divisioni giapponesi. Il colpo fu così duro che l’Impero nipponico non osò attaccare i sovietici nel giugno del 1941, quando i nazisti invasero i confini occidentali dell’Unione Sovietica e riorientò le sue mire espansionistiche verso il Pacifico. 

Il Patto Molotov-Ribbentrop 

Stalin e il ministro degli Esteri tedesco Joachim von Ribbentrop al Cremlino. 23 agosto 1939

Il Trattato di non aggressione tra la Germania e l’Unione delle Repubbliche socialiste sovietiche, ampiamente noto come Patto Molotov-Ribbentrop, di fatto liberò le mani di Hitler, che ora poteva occuparsi della Polonia e poi passare alla Francia senza timore di essere colpito alle spalle dai sovietici e di dover combattere una guerra su due fronti. Il protocollo segreto del Patto determinò anche la spartizione dell’Europa orientale tra le superpotenze. Secondo il protocollo, la Finlandia, la Polonia orientale, una parte della Romania e gli Stati baltici sarebbero diventate aree di influenza sovietica.

L’invasione sovietica della Polonia

Motociclisti tedeschi e carri armati sovietici T-26 della 29a Brigata di Carri armati a Brest. Settembre 1939 

Il 17 settembre 1939, l’Armata Rossa attraversò il confine sovietico-polacco e iniziò la sua cosiddetta “campagna di liberazione”, che mirava, secondo i sovietici, “a liberare i popoli dell’Ucraina occidentale e della Bielorussia occidentale dall’oppressione della Polonia feudale e capitalista”. Per l’esercito polacco già sconfitto dai tedeschi, fu il colpo finale. Ai soldati polacchi fu ordinato di non aprire il fuoco sulle truppe sovietiche che avanzavano. A seguito della campagna, l’Unione Sovietica annetté la Polonia orientale (Ucraina occidentale e Bielorussia occidentale) e l’Armata rossa e la Wehrmacht tennero persino una parata militare congiunta a Brest il 22 settembre. 

Inizio della Guerra d’inverno

Il generale Terentij Shtykov (in primo piano a destra) esamina le munizioni degli uomini dellArmata Rossa durante la guerra sovietico-finlandese del 1939-1940. 1ºdicembre 1939 

Nell’autunno del 1939 Mosca offrì a Helsinki uno scambio territoriale: rivendicava l’istmo careliano (il territorio compreso tra il Golfo di Finlandia a ovest e a sud e il lago Ladoga a est) e varie isole nel Golfo di Finlandia ed era disposta a cedere territori molto più grandi (ma non sviluppati) della Carelia sovietica. In questo modo i sovietici volevano rendere più sicura Leningrado (oggi, San Pietroburgo), che era troppo vicina al confine finlandese. Dopo il no ricevuto, l’Armata Rossa attaccò il 30 novembre 1939. Stalin decise non solo di prendere i territori con la forza, ma di “sovietizzare” la Finlandia e di trasformarla in una repubblica sovietica. Ma i sovietici avevano fatto i conti senza l’oste: i finlandesi si dimostrarono avversari implacabili. La Guerra lampo sovietica non ebbe successo: la Linea Mannerheim non crollò, e le truppe russe furono circondate e colpite duramente, con le vittime che crebbero a un tasso spaventoso.

 

Diciassette foto sui tragici e travolgenti anni Venti in Unione Sovietica 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie