Gli chef stranieri innovano la cucina russa: i pelmeni in salsa cubana

Ufficio stampa
Williams Suarez Curbelo è arrivato in Russia dall’isola caraibica ormai 28 anni fa, e dopo tanti progetti in giro per la Russia, ora è di casa nella remota Petropavlovsk-Kamchatskij, e ci insegna a rielaborare i tortelli russi

Williams Suarez Curbelo, attualmente capo chef del più eccitante progetto culinario di Petropavlovsk-Kamchatskij, il Butcher, è nato nella città cubana di Matanzes 47 anni fa. Ha iniziato la sua carriera in cucina grazie a suo zio, direttore della gastronomia internazionale di Cuba, che gli ha trovato il suo primo lavoro all’Hotel Paradiso, nella città balneare di Varadero.

Poiché l’hotel apparteneva a una catena spagnola, gli chef venivano spesso mandati in una scuola di cucina a Barcellona per un ulteriore periodo di formazione. Durante uno dei suoi viaggi, Williams incontrò un uomo che voleva aprire un ristorante a Mosca e che gli chiese di andare a fare lo chef per lui. Williams tornò un anno a Cuba per imparare il russo e, 28 anni e decine di progetti di ristorazione di successo in tutta la Russia dopo, ora è di casa a Petropavlovsk-Kamchatskij, ama l’inverno e la neve, e talvolta dimentica persino alcune parole in spagnolo!

Il tuo lavoro ti ha portato in giro per la Russia. Qual è il tuo posto preferito?

Ho aperto innumerevoli ristoranti a Mosca e sono stato coinvolto in progetti di ristorazione a Barnaul, Volgograd e Novosibirsk. La Russia è così grande e varia! Personalmente, preferisco le regioni remote con tutta la bellezza della natura. Le mie preferite finora sono la Siberia e la Kamchatka. Trovo che le persone qui siano più gentili e disponibili, e la natura è semplicemente sbalorditiva.

Cosa distingue Butcher dagli altri ristoranti di Petropavlovsk-Kamchatskij?

La qualità dei prodotti (portiamo tutta la carne da Vladivostok e Mosca) e l’attrezzatura che usiamo. Siamo gli unici al momento ad usare una griglia Josper. Anche se è costosa da usare – arriviamo a quattro sacchi di carbone in un giorno di lavoro medio – non lo faremmo in nessun altro modo, perché poi la qualità ne risente.

Quali sono i tuoi piani culinari per il futuro?

Dato che siamo in Kamchatka e pesce e frutti di mare qui la fanno da padroni, introdurremo alcune opzioni pescetariane. Inoltre, voglio iniziare ad aggiungere altri tocchi latini al menù, come ad esempio il ceviche (una ricetta a base di pesce o/e frutti di mare crudi e marinati nel limone, unita ad alcune spezie come il peperoncino e il coriandolo, ndr).

Ti piace il cibo russo?

Lo adoro! Pelmeni, borshch, golubtsy e chebureki sono alcuni dei miei preferiti. Ricordo ancora con affetto i migliori chebureki che abbia mai provato, mangiati in una piccola cheburechnja su Prospekt Mira, a Mosca, che esiste fin dai tempi dei soviet.

Pelmeni al nero di seppia con salsa aioli

Ingredienti per il concassé di pomodoro:

  • Pomodori – 40 g.
  • Erbe italiane (in Russia si definisce così una mescolanza che in genere contiene origano, maggiorana, basilico, timo, santoreggia e, in certi casi anche cipolla e aglio essiccati, ndr) – 1 g.
  • Aglio – 2 g.
  • Olio d’oliva – 10 g.
  • Tagliate i pomodori a cubetti dopo averli sbollentati, e mescolateli con le erbe italiane, l’aglio e l’olio d’oliva.

Ingredienti per l’impasto:

  • Farina – 500 g.
  • Acqua – 200 g.
  • Sale – 6 g.
  • Nero di seppia – 30 g.

Mescolate la farina, l’acqua, aggiungete il sale e il nero di seppia (per ottenere il colore nero) e stendete l’impasto.

Ingredienti per la salsa aioli:

  • Panna da cucina – 30 g.
  • Philadelphia – 15 g.
  • Aglio – 1 g.
  • Succo di limone – 10 g.

Mescolate la panna da cucina, il formaggio spalmabile (tipo Philadelphia), aglio e succo di limone in un frullatore e poi proseguite a lavorarlo con la frusta a mano.

Ingredienti per i pelmeni:

  • Impasto – 120 g.
  • Carne di granchio – 80 g.
  • Filetto di salmone reale (Oncorhynchus tshawytscha) o simili – 80 g.
  • Origano – 1 g.
  • Panna da cucina – 30 g.
  • Sale e pepe – q.b.
  • Pesto – 20 g
  • Salsa aioli – 20 g.
  • Concassé di pomodoro – 30 g.

Preparazione:

Fate un trito del granchio e del pesce, aggiungete sale e pepe. Tagliate piccoli cerchi di impasto, posizionate il trito al centro, unite i bordi dell’impasto e fate bollire in acqua salata finché i pelmeni non iniziano a galleggiare. Decorate con concassé caldo di pomodoro e salsa aioli.

Nella nuova serie di articoli “Come gli stranieri cambiano la cucina russa”, Russia Beyond va a colloquio con i più brillanti chef stranieri di Mosca per parlare di cucina e mostrare la loro reinterpretazione di ricette russe tradizionali, che possono essere facilmente preparate anche a casa. Per esempio, l’australiano Glenn Ballis ha rivoluzionato l’okroshka, così come il georgiano Mamiya Jojua; il marocchino Said Fadli l’insalata russa, il giapponese Masao Kikuchi la sharlotka (torta di mele), il francese Jeremy Uruty l’aringa in pelliccia, e gli italiani Giuseppe Davi e Gianmaria Sapia rispettivamente il kholodets e i chebureki.

Siete tradizionalisti? Ecco la ricetta dei pelmeni classici 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie