Cosa si può visitare lungo la strada tra Mosca e il mare?

Russia Beyond (Foto: Aleksandra Guzeva; Legion Media)
Sono sempre di più, anche a causa del Covid, i russi che decidono di andare in macchina dalle grandi città alle località balneari del Sud del Paese. Ma invece di fare tutta una tirata alla guida, perché non prenderla con più calma e scoprire alcune piacevoli località?

Molte persone in Russia avevano scoperto le possibilità del turismo automobilistico, come modo economico per andare in vacanza al mare durante l’alta stagione, già molto prima della pandemia. Ogni anno questi appassionati delle spiagge e della guida se ne vanno in auto in Crimea, a Sochi e in altre località marittime partendo da Mosca (1.535 chilometri per Kerch, 1.625 per Sochi), da San Pietroburgo (rispettivamente 2.245 e 2.335 chilometri) e persino dalla Siberia (se prendiamo come riferimento Novosibirsk, sono 4.210 o 4.305 chilometri per le due località balneari indicate sopra).

L'autostrada M4

Ma è stata proprio la pandemia di Covid-19 a rendere questo fenomeno di massa, e a far mettere al volante anche chi prima conosceva solo la comodità dell’aereo o i tradizionali trasferimenti in treno. E visto che la maggior parte del tempo trascorso in viaggio sembra tempo perso che fa sprecare minuti preziosi sulla sdraio, i russi guidano eroicamente per 12 ore di fila, poi si fermano per un sonnellino in un’area di sosta o direttamente ai bordi della strada, e via di nuovo. Io amo guidare, certo, ma non così tanto! Pertanto, ho deciso di non dannarmi l’anima per il tempo perso sotto l’ombrellone e di fermarmi ogni volta che mi sentivo stanca o semplicemente mi annoiavo. Alla fine, tra andata e ritorno, il viaggio si è allungato per ben 12 giorni! Ma in questo modo un anonimo trasferimento da e per il mare è diventata forse una delle mie migliori vacanze, alla scoperta della Russia. Il mio ragazzo, che, tra l’altro, non ha la patente, ha apprezzato come me. Ecco i posti meravigliosi che abbiamo visto tra Mosca e il mare. Giudicate voi stessi se ne è valsa la pena.

Tula

Il fiume Upa e il Cremlino di Tula

La prima tappa a sud di Mosca è Tula. Questa è un’antica città che una volta rivaleggiava con Mosca per la supremazia sulla Russia. Ora è una cittadina di provincia piccola e molto carina. Ha il suo cremlino e, inoltre, è la città natale di Lev Tolstoj. La sua tenuta di famiglia, dove ha vissuto la maggior parte della sua vita, si trova non lontano da Tula, a Jasnaja Poljana.

Ulitsa (via) Metallistov, a sinistra, e il nuovo quartiere gastronomico “Iskra”

LEGGI ANCHE: Otto cose da sapere sulla Tenuta di Tolstoj a Jasnaja Poljana 

Ma a Tula ci interessava, prima di tutto, il nuovo lungofiume sull’Upa, dove non si può mancare di fare una foto su un’altalena sullo sfondo del cremlino cittadino. Dopo il programma culturale sotto forma di una visita al Museo delle Armi (Muzej Oruzhija, il cui edificio ricorda la forma di un elmo), siamo andati a cena nel nuovo quartiere gastronomico “Iskra”!

LEGGI ANCHE: Cinque buoni motivi per scappare da Mosca e andare a Tula 

Elets

Vecchie case in legno nella piccola città di Elets

Scommetto che non avete mai sentito parlare di Eléts. Beh, non è molto conosciuta neanche in Russia. È una piccola città nella regione di Lipetsk, ora molto provinciale e scarsamente popolata (102 mila abitanti). Tuttavia, un tempo (è stata fondata nel 1146) era una ricca cittadina mercantile, e vi si è conservato un bel centro storico, con numerose case antiche, costruzioni in legno e chiese di incredibile bellezza.

La Cattedrale dell'Ascensione di Elets

Qui potete passeggiare per le strade tutto il giorno e ammirare le cornici di legno intagliato attorno alle finestre. E se vi annoiate, correte al Parco della cultura e del riposo (“Park kultury i otdykha”), ricco di giostre e attrazioni varie. A proposito, ci sono parchi del genere in tutte le città di provincia.

LEGGI ANCHE: Ma quanto sono belle le cornici di legno intagliato attorno alle finestre russe? 

Voronezh

La prima corazzata della flotta russa

A prima vista, può sembrare che Vorónezh sia un centro industriale insignificante. Sì, questa non è una destinazione turistica molto popolare, ma è una città di oltre un milione di abitanti e, si potrebbe dire, che sia la città più colta del Sud russo: è sede di un’università, c’è un teatro importante, e una buona parte dell’industria spaziale russa ha sede qui. E in generale, questo è il luogo di nascita dello scrittore russo e premio Nobel Ivan Bunin!

Le stradine sterrate che conducono al fiume Voronezh

LEGGI ANCHE: Cinque cose da sapere su Ivan Bunin, il primo russo a vincere il Premio Nobel per la letteratura 

In un modo molto suggestivo, potete camminare dal centro della città al fiume Voronezh, che ha lo stesso nome della città: ci sono ripide strade in discesa con case in legno e gatti paciosi. Sul fiume è attraccata una vecchia nave: è la prima corazzata della flotta russa, costruita nel cantiere navale di Voronezh nel 1698, con a dirigere i lavori Pietro il Grande in persona!

LEGGI ANCHE: Quattro buone ragioni per fare una gita a Voronezh 

Divnogorje

La Chiesa dell’Icona Siciliana della Madre di Dio, scolpita direttamente nella roccia

C’è un fenomeno naturale unico nella Regione di Voronezh: le Melovye gory; le Montagne di gesso. E tra queste montagne c’è un posto bellissimo: Divnogorje e l’appartato monastero di Divnogorsk, risalente al XVII secolo. Il nome, che deriva da “divnye gory”; “montagne meravigliose”, parla da solo: i panorami e i paesaggi di questi luoghi sono incredibili e indimenticabili.

Il monastero di Divnogorsk

Dovrete raggiungere la destinazione a piedi, e soprattutto al ritorno, già stanchi, non sarà poi così piacevole. Ma cosa non si fa per il bene di uno scatto Instagram perfetto sullo sfondo del monumento principale del monastero, la Chiesa dell’Icona Siciliana della Madre di Dio, scolpita direttamente nella roccia!? È un posto fantastico, senza eguali in Russia, e che in parte ricorda Petra, in Giordania.

Rostov sul Don

Il Rostov City Hall

Rostov sul Don non lascerà nessuno indifferente! La città vi accoglie con una vegetazione lussureggiante e il suo calore meridionale. E sul lungofiume sul Don c’è un’intera passeggiata con molti caffè, musicisti di strada e folle di curiosi.

Rostov ricorda un po’ Napoli, con quartieri caratteristici un po’ confusionari e un’abbondanza di bei palazzi storici. E ha tante zone pedonali… quasi come Mosca. A Rostov, come elemento obbligatorio del programma, dovete mangiare i gamberi del Don, che vengono serviti in molti ristoranti (ad esempio al “Raki i gady”). 

Il fiume Don e alcune specialità culinarie locali: i gamberi di fiume

A Rostov, potete anche fare un giro in barca lungo il Don o nuotare sulla spiaggia della città, sull’altra sponda rispetto al centro.

LEGGI ANCHE: Dieci edifici da vedere a Rostov sul Don 

Taganrog

Il palazzo Sharonov, costruito in stile Art Nouveau, è una piccola copia della stazione ferroviaria Jaroslavskij di Mosca

In una celebre serie tv comica è stata soprannominata “krasavets Taganrog”, “la bella Taganrog”, e questo soprannome si è radicato. Taganróg fu fondata da Pietro il Grande nel 1698 e divenne la prima base della marina russa, nonché la prima città costruita secondo un piano regolatore. Possiamo dire che Pietro si fece le ossa a Taganrog prima di costruire San Pietroburgo.

Il monumento ad Anton Chekhov a Taganrog e la casa dove è nato

Nel XIX secolo, Taganrog divenne importante porto e città commerciale, e ricchi mercanti costruirono le loro case all’ultima moda. Oggi, nell’ormai provinciale Taganrog, potete vagare all’infinito per le piacevoli strade e osservare incredibili dimore in stile Liberty, neoclassico, ed eclettico! Sono una delizia. Ma una di quelle che vi impressionerà di più è la piccola casa in cui è nato e cresciuto Anton Chekhov.

LEGGI ANCHE: Chekhov e piatti di pesce, ecco cosa non perdersi a Taganrog 

Mar d’Azov

Le spiagge di Dolzhanskaja nel Mar d'Azov

Il mare più popolare nel sud della Russia è, ovviamente, il Mar Nero. Ci sono molte località lungo la sua lunga costa. Ed è bellissimo. Tuttavia, nel nostro caso, il maltempo infuriava sul Mar Nero, causando persino allagamenti, e quindi abbiamo deciso prudentemente di dirigerci verso un altro mare (che è anche più vicino a Mosca; 1.120 chilometri). Scommetto che non siete mai stati sul Mar d’Azov (in russo: Azóvskoe More)! Lo abbiamo già incontrato a Taganrog, ma ora ne parliamo più estesamente. Questo è in realtà il mare più strano della Russia. La sua profondità massima è di soli 13 metri e la sua acqua ha una salinità molto scarsa. In Russia è affettuosamente chiamato “bolshaja luzha“ (“grande pozzanghera”) o “detskoe more” (“mare bambino”). C’è una teoria (“Teoria dell’inondazione preistorica del Mar Nero”, o “Ipotesi Ryan-Pitman”) secondo cui nell’antichità non esisteva, ma più di 5 mila anni prima di Cristo si sarebbe verificata un’inondazione repentina e catastrofica del Mar Nero, e parte dell’acqua avrebbe riempito anche quest’area, che una volta era solo una pianura nel delta del fiume Don.

Cormorani al tramonto

Molte località del Mar d’Azov si trovano nel Territorio di Krasnodar in Russia. La zona accoglie il turista con campi di girasoli e di mais e un sole spietato. Una famosa località del Mar d’Azov è la città costiera di Ejsk. Ma se venite da una città affollata come Mosca e avete una macchina che vi consente di spostarvi autonomamente, è meglio andare più lontano: ad esempio, nel remoto villaggio di Dolzhanskaja. Si trova su una pittoresca striscia di terra che si allunga nel punto in cui il Mar d’Azov si fonde con la Baia di Taganrog. I venti soffiano forte e quindi c’è anche modo di far windsurf e kitesurf.

La striscia di terra Dolgaja nel Mar d'Azov

Una volta al mare dovrete senz’altro andare al mercato locale e comprare delle belle ciliegie succose, delle albicocche e dei rinfrescanti cocomeri. È meglio non acquistare vino casereccio dai residenti, ma vale la pena provare la produzione dei viticoltori locali. Sulla spiaggia dovete assolutamente mangiare dei cheburek e delle pannocchie di granturco bollito con sale. I tramonti qui sono favolosi.


LEGGI ANCHE: Quindici regole non scritte del tipico meridionale russo 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie