Le spettacolari terrazze artificiali del Daghestan che sembrano opere d’arte

Vladimir Fedorenko/Sputnik
Centinaia di anni fa, gli abitanti di queste zone trasformarono i pendii delle montagne in superfici agricole da coltivare. Il risultato di questo straordinario lavoro è visibile ancora oggi

I terrazzamenti di Machu Picchu in Perù e le spettacolari terrazze di riso in Cina sono famosi in tutto il mondo, tanto da aver ottenuto lo status di patrimonio culturale. Ma in passato la coltivazione a terrazza è stata ampiamente utilizzata e si è sviluppata anche in Daghestan, una repubblica nel sud della Russia.

Qui, nelle profonde gole delle montagne del Caucaso, gli abitanti locali hanno creato un incredibile sistema agrario a “scala”, poco conosciuto ancora oggi.

Molti villaggi del Daghestan si trovano in montagna, e le popolazioni locali avevano bisogno di aumentare la superficie di terreno fertile a loro disposizione. Ma dove trovare terreno fertile se intorno c’erano solo pendii rocciosi?

Così hanno iniziato a creare terrazze artificiali: trasferivano il terreno su questi pendii, sostenendolo con contrafforti di pietra.

Le terrazze in Daghestan erano usate per coltivare verdura, frutta, grano e per piantare dei giardini, la cui funzione non era solo quella di rendere la zona più bella ma anche per proteggere le colture dal sole cocente. Gli orti, poi, aiutavano a mantenere il terreno umido.

Le prime terrazze furono costruite migliaia di anni fa, quando i contadini dovevano fare tutto a mano, a un'altitudine di 400-2.500 metri. Nel complesso, i terrazzamenti in Daghestan si estendono su una superficie totale di circa 150.000 ettari.

Come venivano annaffiate queste terrazze, soprattutto durante le calde estati? L'acqua veniva trasportata sui pendii attraverso canali artificiali scavati dai fiumi locali, o attraverso una rete di acquedotti di legno.

Durante il periodo sovietico, quando sulle montagne si costruivano centrali idroelettriche, i condotti d'irrigazione nelle gole furono riparati e le vecchie terrazze riportate in vita. Gli specialisti sovietici rimasero impressionati dalle complesse soluzioni ingegneristiche che gli antichi abitanti del Caucaso avevano escogitato

La maggior parte delle antiche terrazze in Daghestan sopravvissute fino ad oggi si trova in alta montagna, nei distretti Gunibskij e Dakhadayevskij della repubblica.

Oggi, molti abitanti dei villaggi di montagna si sono trasferiti nelle città. Inoltre non c'è più bisogno di coltivare tutto in montagna, dall'orzo alle pesche, perché grazie ai più moderni collegamenti stradali il cibo viene consegnato fin nei villaggi. E così, buona parte dei vecchi terrazzamenti viene usato per il pascolo di mucche o pecore.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie