Un Paese da Guinness: ecco sette primati della Russia

Getty Images
Dalla ferrovia più lunga al pozzo più profondo, dalla città più fredda alla foresta più grande: ecco alcuni record russi

La Russia è il Paese più grande del mondo: la sua superficie è quasi il doppio del Canada, il secondo Paese più grande (17,1 milioni di chilometri quadrati contro 9,99 milioni di chilometri quadrati) e oltre 56 volte l’Italia. E oltre alle dimensioni generali, la Russia ha altri record geografici!

LEGGI ANCHE: Quanto è grande davvero la Russia? 

1 / La ferrovia più lunga

La ferrovia Transiberiana collega Mosca e Vladivostok ed è considerata la ferrovia più lunga del mondo, con i suoi 9288,2 km! La costruzione durò molti anni, dal 1891 al 1916. Molte sezioni del percorso erano a quel tempo territori impraticabili e deserti, e gli operai avevano attrezzature piuttosto primitive. Oggi si può comodamente arrivare a Vladivostok dalla capitale in 6 giorni e due ore. Questo percorso è molto frequentato dai turisti, per i quali è stato lanciato anche lo speciale treno “Imperatorskaja Rossija(“Russia Imperiale”), () che fa lunghe soste nelle città degli Urali e della Siberia in modo da poter visitare quante più attrazioni possibili.

LEGGI ANCHE: Com’è la vita su un treno della Transiberiana? Con queste foto lo capirete 

2 / Il lago più profondo

Il lago Bajkàl, in Siberia, è giustamente considerato una delle meraviglie naturali della Russia e del mondo. È il più grande serbatoio di acqua dolce del Pianeta e contiene un quinto di tutte le riserve d’acqua. Inoltre, è il lago più profondo (la profondità massima è di 1,6 km!). Il lago è abitato da oltre 2.500 differenti piante e animali, e molti di loro si trovano solo qui, ad esempio la foca del Bajkal o “nerpa” (nome scientifico: Pusa sibirica), lo storione del Bajkal (Acipenser baerii baicalensis) e l’omul (Coregonus migratorius). Oltre alla natura, il Bajkal è conosciuto come un luogo carico di forze sovrannaturali tra gli sciamani locali, che vengono qui per comunicare con gli spiriti.

LEGGI ANCHE: Che esperienza è andare oggi da uno sciamano del Bajkal? 

3 / La più grande città oltre il Circolo Polare Artico

L’ultima città fondata nell’Impero russo, nel 1916, Mùrmansk (allora, e per breve tempo, fino alla Rivoluzione del 1917, si chiamò Romanov-na-Murmane), è ancora oggi considerata la più grande città a nord del Circolo Polare Artico. Nel 2020, la sua popolazione si è attestata a quasi 288 mila persone. A Murmansk ha il suo quartier generale la Flotta del Mare del Nord e il porto non gela mai tutto l’anno, grazie alla calda Corrente nord-atlantica

LEGGI ANCHE: In quali città dura più a lungo la notte polare in Russia 

4 / La città più fredda

In realtà ce ne sono ben due di località in Russia a contendersi questo primato: Verkhojànsk (piccola città di poco più di 1.100 abitanti) e Ojmjakón (villaggio di 460 persone), nel nord della Jakuzia. Questa repubblica della Russia è famosa per le temperature estreme (-40 °C è la norma qui) e quelle record di  -67,7 °C e -65,4 °C, sono state registrate a Verkhojansk e Ojmjakon. E qui, nonostante tutto, le persone continuano a vivere, ad andare a lavorare, a passeggiare e in generale a godersi la vita. I turisti accorrono qui per scattare foto al Polo del Freddo, un selfie con il “trucco di ghiaccio” sulla faccia o con i “fuochi d’artificio jakuti” (che si ottengono lanciando acqua calda nel freddo estremo).

LEGGI ANCHE: Cosa fare a Jakutsk e in Jakuzia se arrivate qui nel bel mezzo dell’inverno 

5 / Il ponte della metropolitana più lungo

A Novosibirsk, la città più grande della Siberia (1 milione e 625 mila abitanti), c’è un ponte della metropolitana coperto che attraversa il fiume Ob, collegando le stazioni Studencheskaja e Rechnoj Vokzal. La sua lunghezza è di 2.145 metri (di cui 896 sul fiume), ed è il ponte della metropolitana più lungo del mondo. È stato aperto al transito all’inizio del 1986.

LEGGI ANCHE: Perché in Siberia e in altre regioni russe l’ingresso alla metropolitana è dentro le case? 

6 / La foresta più grande

Gli amanti delle passeggiate nella foresta non si annoieranno sicuramente qui. La taiga siberiana è considerata la più grande foresta del pianeta. La sua superficie è di oltre 15,7 milioni di chilometri quadrati (oltre 51 volte l’intera Italia), ossia circa un quarto di tutte le foreste del mondo. La foresta attraversa due zone climatiche: una è dominata da pini siberiani (detti anche cedri siberiani), pini e abeti rossi e l’altra è di larice. Molti animali della taiga siberiana non hanno mai visto una persona, e questo perché semplicemente non ce ne sono nelle zone più remote di questa immensa foresta.

7 / Il pozzo più profondo

Kolódets v ad”; “Pozzo per l’Inferno”: così i media locali hanno ribattezzato il pozzo di Kola, nella regione di Murmansk, che è stato perforato dal 1970 al 1990. I geologi sovietici volevano esplorare la crosta terrestre in questo modo, ma a causa di problemi tecnici (ed economici, per via del collasso dell’Urss) hanno dovuto fermarsi a una profondità di 12.262 metri… Naturalmente, tutte queste operazioni di perforazione erano rigorosamente top secret, tanto che per la prima volta i geologi stranieri sono venuti a conoscenza di questa speciale trivellazione solo a metà degli anni Ottanta in un congresso professionale a Mosca. Dal 1997, il pozzo di Kola è elencato nel Guinness dei primati come “la più profonda intromissione umana nella crosta terrestre”. Ormai la costruzione è fuori servizio, tuttavia, ci sono di tanto in tanto proposte di trasformare il luogo in struttura turistica.


Il pozzo di Kola, la misteriosa porta verso l’inferno scavata dall’Urss 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie