Uglich, la città per sempre legata al tragico destino dello zarevich Dmitrij

Il figlio di Ivan il Terribile, ed erede al trono di Russia, morì qui ad appena otto anni, per un colpo di pugnale, e non si è mai capito se si trattò di un incidente durante un gioco o di un omicidio commissionato da Boris Godunov. Ecco il luogo fotografato a colori all’inizio del XX secolo da Sergej Prokudin-Gorskij e un secolo dopo

Uglich. Chiesa dello Zarevic Dmitrij “sul Sangue”. Vista sud. 16 luglio 2007

All’inizio del XX secolo, il chimico e fotografo russo Sergej Prokudin-Gorskij inventò un complesso procedimento per ottenere vivide e dettagliate fotografie a colori (vedi il paragrafo in basso).
La sua visione della fotografia come forma di educazione e di comprensione dell’esistente si è espressa con particolare chiarezza attraverso le sue fotografie di monumenti architettonici in siti storici nel cuore della Russia.

Palazzo dei Principi di Uglich, vista ovest. A sinistra: Chiesa dello Zarevic Dmitrij. Fine estate 1910

Il supporto logistico al progetto di Prokudin-Gorskij venne dal Ministero dei Trasporti, che facilitò la sua documentazione fotografica lungo le vie d’acqua della Russia e la rete ferroviaria allora in espansione. I suoi viaggi lungo il fiume Volga nel 1910 e nel 1911 si dimostrarono particolarmente proficui.

Verso la fine dell’estate del 1910 Prokudin-Gorskij viaggiò sul Volga da Uglich a Gorodets. La sua visita a Uglich ha fornito una generosa quantità di fotografie, ma, sfortunatamente, la collezione presso la Biblioteca del Congresso Usa non contiene nessuna delle lastre di vetro originali di Uglich. Il loro destino è sconosciuto, ma probabilmente sono finite in pezzi durante la storia tumultuosa della collezione prima della Seconda guerra mondiale.

Palazzo dei Principi di Uglich, vista sud-ovest. 30 luglio 1997

Tuttavia, Prokudin-Gorskij ha realizzato stampe a contatto dal segmento magenta dei suoi negativi in ​​vetro a 3 esposizioni, e le stampe monocromatiche di Uglich si sono rivelate di ottima qualità. Le mie visite alla città si sono verificate nell’arco di due decadi, dal 1987 al 2007.

Di tutte le città di provincia fotografate da Prokudin-Gorskij nel bacino del Volga superiore, forse nessuna possiede una reputazione più drammatica di Uglich, situata 200 chilometri a nord-est di Mosca. Fu qui che il figlio di otto anni di Ivan il Terribile, Dmitrij, trovò una morte violenta nel maggio del 1591, un evento che alla fine avrebbe avuto un ruolo nel far precipitare la Russia in anni di caos distruttivo, il cosiddetto Periodo dei torbidi.

Palazzo dei Principi di Uglich. Vista nord con le modifiche volute da N. Sultanov. 9 agosto 1987

Non esiste una data verificabile per la fondazione di Uglich, ma le prove archeologiche suggeriscono che esistesse già a metà del decimo secolo. Si ritiene che la sua posizione su una stretta ansa del Volga le abbia dato il nome: ugol, infatti in russo significa “angolo”.

Dal 1216 fino al 1605 Uglich fu il centro di un principato feudale minore. In effetti, fu l’ultimo principato di questo genere a essere assorbito nello Stato moscovita. È anche l’unico principato ad aver conservato almeno dei resti del palazzo principesco, situato all’interno della piccola fortezza, o Cremlino.

Chiesa dello Zarevic Dmitrij “sul Sangue”. Vista sud. Fine estate 1910

Struttura modesta per gli standard europei, il palazzo di mattoni fu originariamente costruito nel 1480 per il Principe Andrej il Grande, fratello minore del Gran Principe di Moscovia Ivan III il Grande. I resti archeologici suggeriscono che fosse un lungo edificio a un solo piano, elevato sopra un pianoterra basso. La morte dello zarecic Dmitrij, che era anche principe di Uglich, avvenne proprio poco a nord del palazzo.

Gran parte del palazzo fu rasa al suolo all’inizio del XVIII secolo per fornire i mattoni per la costruzione della vicina Cattedrale della Trasfigurazione. Solo la struttura adiacente, contenente la camera del trono, sopravvisse, anche se in stato di abbandono. Le riparazioni all’inizio del XIX secolo portarono alla perdita per sovraverniciatura di precedenti rare scene di affreschi con scene bibliche tratte dal Libro dei Proverbi.

Chiesa dello Zarevic Dmitrij “sul Sangue”. Vista nord-est dal fiume Volga. Primo piano: Cappella dei lavoratori del miracolo di Jaroslavl (1860-61). Sfondo: campanile della cattedrale. 9 agosto 1991

Mentre il tricentenario della morte dello zarevic Dmitrij si avvicinava, nel 1891, furono stanziati fondi per intraprendere un importante rinnovamento diretto dall’architetto di San Pietroburgo Nikolaj Sultanov, uno dei principali sostenitori dello stile del revival russo di fine Ottocento. Sultanov aggiunse fantasiosi abbellimenti come il portico decorativo e l’ingresso sul lato nord. Gli scatti di Prokudin-Gorskij mostrano il lato ovest, con il portico solo debolmente visibile. Io ho potuto fotografare la struttura da entrambi i lati.

Fu vicino al palazzo che il figlio di Ivan il Terribile, lo zarevic Dmitrij, avuto dal matrimonio non canonico con Maria Nagaja, trovò la morte. Le circostanze della sua scomparsa non sono chiare, ma la versione ufficiale sostenne che la ferita mortale del coltello fu la conseguenza di un attacco epilettico durante una gara di lancio di coltelli.

Chiesa dello Zarevic Dmitrij. Vista ovest con campanile sopra l’ingresso principale. Fine estate 1910

Un’altra versione dice che il bambino venne assassinato dai compagni, che furono poi uccisi da una folla inferocita quando videro il suo corpo. Questo a sua volta dette origine alla leggenda popolare e duratura che considerava la tragedia un omicidio istigato dall’astuzia di Boris Godunov (1551? -1605), che deteneva il potere di fatto in Russia durante gli ultimi anni del regno dello zar Fjodor (1557- 98), l’ultimo della dinastia Rjurikovich. Un comitato investigativo concluse che la morte era stata un “incidente”; ma in seguito all’ascesa al trono dei Romanov nel 1613, la morte fu attribuita a Godunov, che era stato zar dal 1598 al 1605. Nel diciannovesimo secolo alcuni importanti storici iniziarono però a mettere in discussione la versione “anti-Godunov”.

L’ascesa formale al trono di Boris Godunov nel 1598 aveva dato motivo di sperare che le politiche di questo governante vigoroso e intelligente sarebbero andate a beneficio della Russia, come era stato durante il periodo della sua reggenza. Eppure, spinto dall’ambizione, divenne noto soprattutto per il comportamento spietato verso i rivali, i membri del clan Romanov (l’amata moglie di Ivan, Anastasia, era una Romanov).

Chiesa dello Zarevic Dmitrij. Vista ovest con campanile sopra l’ingresso principale. 30 luglio 1997

Le voci sulla colpevolezza di Godunov nell’assassinio dello zarevic Dmitrij minarono la sua autorità, così come gli intrighi politici e una serie di disastri naturali che portarono alla ricorrente minaccia della carestia. Dopo la sua morte nel 1605 e l’omicidio della sua famiglia al Cremlino, iniziò la fase di caos sociale e combattimenti incessanti noti come il Periodo dei torbidi. Solo l’ascesa al potere nel 1613 di Michele, primo degli zar Romanov, restituì un modesto ordine a uno Stato moscovita devastato, sebbene combattimenti e disordini proseguissero poi per molti anni.

A causa dei ricordi traumatici associati alla morte dello zarevic e del bisogno di cicatrizzare quella ferita per la storia russa, Uglich era piena di chiese e cappelle. C’erano trenta chiese oltre a quelle di tre istituzioni monastiche (circa la metà furono demolite durante il periodo sovietico).

Chiesa dello Zarevic Dmitrij. Piastrelle di ceramica, facciata sud. 9 agosto 1987

Tra loro primeggiava la Chiesa dello Zarevic Dmitrij “sul Sangue”, così chiamata per la sua posizione nel luogo della morte violenta del bambino. Nel 1606, anno della canonizzazione di Dmitrij, il sito fu segnato da una cappella di tronchi e poi da una chiesa di legno nel 1630. Nel 1606 i resti del bambino furono reinterrati nella cattedrale dell’Arcangelo Michele nel Cremlino di Mosca.

Mentre il centenario della morte di Dmitrij si avvicinava, iniziarono i lavori per una chiesa di mattoni, con il patronato dei giovani zar Pietro I e Ivan V. Entrambi erano figli dello Zar Alessio, e regnarono insieme dal 1682 al 1696 in un altro periodo estremamente complicato della storia della dinastia russa.

Chiesa dello Zarevic Dmitrij. Vista nord-est dal fiume Volga. Primo piano: donne che lavano i panni nel fiume Volga. A destra: Cattedrale della Trasfigurazione. Fine estate 1910

Consacrata nel 1692, il progetto della chiesa seguiva una forma tradizionale per il XVII secolo, con un campanile che si ergeva sopra l’ingresso principale all’estremità occidentale di un refettorio a un piano. Dalla parete est si estende un’abside che contiene l’altare principale, che si trova sul luogo della morte di Dmitrij.

La struttura principale, con due livelli di finestre, è coronata da cinque cilindri che supportano cupole a cipolla e croci ornamentali in metallo. Affacciata sul fiume Volga, la struttura è stata dipinta di rosso vivo con finiture bianche. È stata anche decorata con piastrelle di ceramica dal colore luminoso, particolarmente visibili sulla facciata sud.

Velikij Ustjug. Lavaggio dei panni nel fiume Sukhona. Sfondo: ensemble della cattedrale della Dormizione. 23 luglio 1998

Prokudin-Gorskij fotografò il monumento da tutti i lati, come ho fatto io. La sua vista a nordest è notevole non solo per l’immagine della chiesa sopra la riva del fiume, ma anche per la sua visione delle donne che lavano ai bordi del fiume. Ho fotografato una scena simile sul fiume Sukhona, vicino a Totma, e l’ho inclusa per la sua qualità senza tempo.

Prokudin-Gorskij ha anche fotografato diverse reliquie sacre associate allo zarevic Dmitrij. Tuttavia, non scattò ampie vedute dell’interno della chiesa, che era coperta da affreschi dipinti alla fine del XVIII secolo. Oltre alle scene bibliche, gli affreschi includevano scene della vita dello zarevic. Particolarmente vivido è il muro occidentale, che mostra la versione “anti-Godunov” degli eventi in quel fatidico giorno.

Insieme del Cremlino di Uglich, vista nord-est del fiume Volga. Da sinistra: Chiesa dello Zarevic Dmitrij; Campanile della cattedrale; Chiesa dell’icona di Kazan, Cattedrale della Trasfigurazione. 9 agosto 1991

Sebbene le discussioni continuino sulle circostanze della morte di Dmitrij, la Chiesa dello Zarevic Dmitrij ha trasceso queste dispute per diventare il principale sito storico di Uglich. Visitata ogni anno da migliaia di pellegrini e turisti, la chiesa si erge sopra il Volga come un vibrante esempio di arte russa.

Prokudin-Gorskij, il suo metodo e la sua eredità

Nei primi anni del XX secolo il fotografo russo Sergej Prokudin-Gorskij inventò un complesso procedimento per ottenere fotografie a colori. Tra il 1903 e il 1916 viaggiò per l’Impero Russo e scattò oltre 2.000 foto con il nuovo metodo, che comprendeva tre esposizioni su una lastra di vetro. Nell’agosto del 1918 lasciò la Russia con gran parte della sua collezione di negativi su vetro e si stabilì in Francia. Dopo la sua morte, a Parigi, nel 1944, i suoi eredi vendettero la collezione alla Libreria del Congresso Usa. All’inizio del XXI secolo la Libreria del Congresso ha digitalizzato le immagini di Prokudin-Gorskij, rendendo le foto pubblicamente e gratuitamente disponibili al pubblico mondiale. Un gran numero di siti russi ora ha una copia della collezione. Nel 1986 lo storico dell’architettura e fotografo William Brumfield organizzò la prima mostra delle foto di Prokudin-Gorskij alla Libreria del Congresso. In un lungo periodo di lavoro, cominciato agli inizi degli anni Settanta del Novecento, Brumfield ha rifotografato la gran parte dei luoghi visitati da Prokudin-Gorskij. Questa serie di articoli mette a confronto questi complessi architettonici a circa un secolo di distanza.

Verkhoturje: la storica porta per la Siberia sugli Urali 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie