La Sprite al cetriolo e le altre bizzarre varianti russe di snack e bibite famose

Ekaterina Kozhukhova
Le multinazionali cercano sempre di andare incontro al gusto locale nei vari Paesi, e così in Russia non potevano mancare le patatine all’aneto, gli Snickers ai semi di girasole e altre stranezze

Patatine Lays allaneto

Le patatine Lay’s (marchio della Pepsi Co) sono arrivate in Russia alla metà degli anni Novanta e dal 2002 l’azienda produce i suoi snack in un impianto nella regione di Mosca. La Lay’s lancia sempre nuovi gusti, per avvicinarsi alle preferenze del consumatore locale: in Russia potrete trovare patatine al sapore di shashlyk (lo spiedino russo di carne marinata), di caviale rosso, di cetrioli in salamoia e persino di granchio (orgoglio della Kamchatka). Nel 2013 la società ha chiesto al pubblico quale nuovo sapore desiderasse per le patatine, e indovinate cosa hanno risposto i russi… Ovviamente, l’aneto!  

Snickers con semi di girasole

Le barrette dolci Snickers, con caramello e arachidi tostate ricoperte da uno spesso strato di cioccolato al latte e prodotte dalla Mars Inc., sono vendute in tutta la Russia dal 1992. Di tanto in tanto Snickers produce barrette in edizione limitata confezionate con mandorle, nocciole, ricoperte di cioccolato bianco… e persino con semi di girasole. Quando quest’ultimo tipo è stato distribuito nei negozi, gli utenti russi di Internet hanno scherzato immediatamente sul fatto che il gusto si rivolgesse ai “gopnik”, gli sbandati di strada, che amano sedere accovacciati in tuta Adidas e sputacchiare a ventaglio bucce di semi di girasole.  

Sprite al cetriolo

Probabilmente avrete provato diversi tipi di bibite gassate in vita vostra, ma questo è davvero insolito, anche per la gente del posto. Nel 2017 Coca Cola ha lanciato la Sprite aromatizzata al cetriolo, in esclusiva per la Russia… ma perché?

“Un sondaggio mostra che il 90% del pubblico target di Sprite pensa che il cetriolo sia un ottimo dissetante”, si può leggere sul sito web della società. 

Oltre al cetriolo, la Coca Cola ha lanciato una Fanta in edizione limitata alla fragola (“perché la fragola è la bacca più famosa in Russia”, diceva il loro sito), una Schweppes con Mojito classico e una Fanta al mandarino (il frutto associato alle celebrazioni del Capodanno russo). 

Kefir di marca Danone

I prodotti lattiero-caseari sono estremamente popolari in Russia, in particolare il kefir, una specie di yogurt liquido delicato e leggermente alcolico, e molto salutare. Il marchio Danone Activia sul mercato russo offre anche la variante kefir. C’è anche una linea di cosiddetti yogurt “termostat” che si inacidiscono direttamente nel barattolo. 

Hamburger russoda McDonalds

Fin dal primo McDonald’s aperto a Mosca nel 1990, il fast food americano è rimasto incredibilmente popolare in Russia ed è stata solo una questione di tempo prima che l’hamburger “russo” apparisse sul suo menu. La società entro il 2020 si impegna poi ad usare solo materie prime russe

Al momento l’hamburger “russo” è disponibile solo in determinati periodi dell’anno, ma molte persone vogliono che diventi un elemento fisso del menù. Com’è? Il panino è di segale, e all’interno ci sono manzo, pomodori, cipolla fritta e una speciale salsa. 

Kfc alla russa

Un hamburger simile potete trovarlo da Kfc, dove vanno oltre, offrendo un menù speciale nelle “settimane russe”, che include il “Boxmaster Rus” (con cipolla, salsa di panna e hash brown), il “Twister Rus” (con cetrioli sottaceto) e il “Tower Rus ”(hamburger con panino di segale). 

Pizza russa

Domino’s Pizza ha aperto il suo primo ristorante a Mosca nel 1998 e ora ha oltre 100 punti vendita in tutto il Paese. Oltre alle tradizionali “Quattro formaggi” e “Diablo”, i russi possono ordinare una speciale variante nazionale con patate a fette, manzo, pancetta e salsa di formaggio.

 

Se volete saperne di più sui gusti dei russi in cucina, leggete qui

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie