La moda e i leader sovietici: cosa non poteva mancare nel guardaroba, da Lenin a Gorbachev

Aleksandr Chumichev e Yurij Lizunov, Valentin Sobolev/TASS; Sputnik; Petrov/Sputnik
Sono passati alla storia per le loro gesta, ma nell’immaginario collettivo restano anche per come erano vestiti: la coppola di Lenin, la giubba militare di Stalin, i vestiti ampi e chiari di Khrushchev…

1 / La coppola di Lenin

Anche dopo aver preso il potere, Lenin (1870-1924) rimase fedele al credo “less is better” per quanto riguarda l’abbigliamento e gli accessori personali. Ma il suo inconfondibile berretto divenne sinonimo della vittoria bolscevica. Il padre fondatore dello Stato sovietico, che indossava sempre un impeccabile abito a tre pezzi e, come un personaggio del mondo di Sherlock Holmes parlava un inglese fluente, non se ne separò mai.

Lenin immortalato durante la posa del monumento

Probabilmente si innamorò per la prima volta di quel tipo di berretto durante il suo esilio volontario a Londra (dove nel 1902 pubblicò 17 numeri del suo famoso giornale “Iskra”; “La scintilla”) o prese in prestito la tendenza da Maksim Gorkij (1868-1936), il celebre scrittore che visse a Capri in un’epoca in cui nelle città del Sud Italia questi copricapi venivano indossati molto frequentemente. Il berretto di Lenin lo mise alla pari del proletariato: soldati, contadini e operai che lottarono sulle barricate per prendere il potere nel 1917.

Lenin nella cittadina di Gorkij, nella regione di Mosca. 1922

LEGGI ANCHE: Perché Lenin decise di chiamarsi Lenin? 

La mente carismatica della Rivoluzione bolscevica, l’uomo noto per il suo dono di magnetizzare grandi folle, sapeva come catturare i cuori e le menti delle persone con soluzioni rapide e promesse solide. Con il suo 1,65 di altezza, Lenin era un uomo di statura modesta. Ma compensava con la forza intellettuale, e, esteticamente, con cravatte a pois e il celebre berretto diventato un simbolo. Quei piccoli accessori erano abbastanza stravaganti da rivelare il senso personale dello stile per Lenin.

Seguendo le sue orme, anche l’élite politica dell’epoca iniziò a indossare coppole di quel tipo. Solo il poi ministro degli Affari esteri Vjacheslav Molotov, ignorò questa moda e continuò a indossare i suoi amati cappelli classici.

LEGGI ANCHE: Lenin, cinque fatti paradossali sulla vita dell’uomo che fece la rivoluzione 

2 / La giubba militare di Stalin

Stalin durante un'assemblea dedicata all'avvio della metropolitana di Mosca

L’inesorabile ascesa al potere di Stalin portò un cambiamento radicale a tutti i settori della società, con il cappello di Lenin che alla fine sprofondò nell’oblio. La testa di Stalin era coperta da un berretto a visiera bassa che corrispondeva alla personalità militaresca del leader totalitario. “L’eroe dell’Unione Sovietica” è rimasto fedele al suo senso della moda per decenni e cambiava i suoi cappelli fatti a mano come calzini.

LEGGI ANCHE: Perché Stalin ha scelto proprio questo soprannome? 

A differenza di Lenin, che era un uomo dai gusti raffinati, Stalin, che proveniva da una famiglia povera, si rifiutava di indossare giacche a doppiopetto o cravatte. Ad accompagnarlo per tutta la vita fu una spartana giubba militare. In realtà, era stato Aleksandr Kerenskij (il capo del governo provvisorio nel 1917) il primo a indossare simili casacche militari. L’indumento era diventato di moda durante la Prima guerra mondiale, indossato da ufficiali britannici e francesi.

Iosif Stalin

Negli anni Venti, Stalin indossava una giubba grigia militaresca, detta “french”, con collo alto e quattro tasche. Negli anni Trenta, il grosso colletto rovesciato si prese il centro della scena, poiché Stalin trovava il colletto alto sempre più scomodo.

Il suo capo d’abbigliamento esclusivo, noto come “stàlinka”, fondeva la modestia ingannevolmente serena del comandante supremo con le sue ambizioni militari. La abbinava a pantaloni da operaio infilati negli stivali al ginocchio.

LEGGI ANCHE: Stalin finì due volte sulla copertina di “Time” come “Uomo dell’anno”. Perché? 

Nel 1943, quando Stalin si proclamò “Maresciallo dell’Unione Sovietica”, continuò a indossare la sua uniforme. Trasudando forza e sicurezza, Stalin aveva uno status divino nell’Urss ed era un modello per tutti, dai ragazzi in età scolare ai funzionari del governo. Molti dei suoi ardenti sostenitori, da Lazar Kaganovich (che prese parte attiva alle epurazioni di Stalin) al futuro, per breve tempo, successore Georgij Malenkov, indossavano la stalinka, cucita su misura.

LEGGI ANCHE: Lazar Kaganovich: dieci fatti da sapere su uno degli uomini chiave della storia sovietica 

L’abito preferito di Stalin venne adottato anche da diverse generazioni di comunisti cinesi, da Mao Zedong (fondatore della Repubblica popolare cinese) e Zhou Enlai (una figura chiave del Partito Comunista cinisa) a Deng Xioping (ex vice premier cinese). In Corea del Nord, Kim Il-Sung avrebbe indossato la stalinka per decenni, passando dalle giubbe di foggia militare agli abiti civili solo alla fine della sua vita. Suo figlio, Kim Jong Il, avrebbe leggermente rinnovato la stalinka, aggiungendo una cerniera, ma il nipote di Kim Il-Sung, Kim Jong Un, è poi tornato alla versione originale della stalinka vecchia scuola.

3 / I cappelli di Khrushchev

Nikita Khrushchev in dacia

Nikita Khrushchev (1894-1971) lanciò una bomba politica quando tenne un discorso (segreto) al XX Congresso del Partito Comunista dell’Unione Sovietica, dove criticò il culto della personalità di Stalin. La destalinizzazione ebbe negli anni successivi un enorme impatto sulla cultura, l’arte e la moda.

LEGGI ANCHE: In che modo Khrushchev fece fuori l’eredità di Stalin? 

Il Disgelo di Khrushchev portò a grandi cambiamenti anche nella moda. Prima di tutto, la giubba militaresca di Stalin fu abbandonata a favore di abiti over-size. Khrushchev, che fu leader dell’Urss tra il 1953 e il 1964, quando venne rimosso, optò per cappotti a spalle larghe e abiti di tonalità chiare, che indossava in qualsiasi momento dell’anno. Figlio di un minatore di carbone, non ebbe mai una figura atletica, e i suoi abiti, camicie e scarpe dovevano essere fatti su misura. Voleva che le sue giacche fossero comode e ampie.

Il primo segretario del Comitato Centrale del PCUS Nikita Khrushchev (a sinistra), e il primo vice presidente del Consiglio dei Ministri Dell'URSS Frol Romanovich Kozlov (a destra), nella Centrale Idroelettrica di Stalingrado

Oltre allo stile pseudo-casual, Khrushchev promosse uno stile folk che sembrava più coerente con il suo background contadino. Appariva spesso in pubblico con camicie tradizionali ucraine ricamate.

Khrushchev era anche un noto appassionato di copricapi. Fece dilagare nell’Urss la moda dei cappelli da uomo. Il leader sovietico indossava semplici cappelli di feltro e paglia in autunno e in estate. A tesa larga e galante, i cappelli si fondevano naturalmente con la sua figura massiccia. Khrushchev dettava la moda, poi veniva emulato dagli apparatchik di partito e dalle persone comuni.

Nikita Khrushchev con la nipote e figlia adottiva Julia. Foto di un album di famiglia del 1967

LEGGI ANCHE: La fake news d’altri tempi: Nikita Khrushchev non ha mai sbattuto la scarpa all’Onu 

4 / Gli abiti su misura di Brezhnev

Leonid Brezhnev a Jalta

Leonid Brezhnev (1906-1982), che guidò l’Urss dal 1964 alla morte, amava i classici semplici. Era sempre vestito in modo piuttosto elegante, con abiti scuri su misura, disegnati da Aleksandr Igmand, il capo del settore moda maschile presso il principale polo della moda dell’Urss dell’epoca, la Casa dei modelli di Mosca. Igmand fu il sarto personale di Brezhnev per quasi un decennio.

LEGGI ANCHE: Come erano le sfilate di moda in Unione Sovietica? (Foto) 

All’inizio degli anni Settanta, erano in voga abiti a due bottoni con scollatura profonda. Gli abiti di Brezhnev rispecchiavano la sua politica conservatrice. Un giorno, tuttavia, il leader sovietico ordinò un diverso tipo di abito. Igmand fu invitato nell’appartamento del leader. “Brezhnev camminava spesso davanti a me in vestaglia, e in boxer di ottima qualità di fabbricazione straniera, che erano impossibili da acquistare in Unione Sovietica”, ha ricordato lo stilista in un libro uscito nel 2008. “Brezhnev afferrò poi dal suo armadio una giacca e dei pantaloni fatti di tessuto pesante, tipo il denim per i jeans.”

Il Segretario Generale del Partito Comunista dell'Unione Sovietica Leonid Brezhnev nella dacia di Stato Glitsiniya nel villaggio di Nizhnyaya Oreanda, Jalta. Giugno 1977

Vestiti da contadini americani, pensò Igmand. Brezhnev disse che era un regalo di Anatolij Dobrynin, l’ambasciatore sovietico negli Stati Uniti. “Vedi,” iniziò Brezhnev, “Dobrynin mi ha mandato un abito, ma è troppo piccolo. Posso avere esattamente lo stesso ma su misura?” Il problema era che a quei tempi non c’erano bottoni automatici in Unione Sovietica. E Brezhnev era un grande fan di quei minuscoli pezzi di metallo arrotondati.

A volte, quando era impossibile trovare qualcosa in Urss, i ministri ordinavano “beni rari o deficitari” dalla Francia o dal Regno Unito. In seguito, i bottoni automatici vennero creati in Unione Sovietica appositamente per la tuta di Brezhnev. Il segretario generale del Pcus era entusiasta quando ricevette il suo abito su misura con bottoni automatici, anche perché inizialmente dubitava che sarebbe mai stato possibile copiare il modello americano con precisione.

LEGGI ANCHE: Quando Joe Biden andò in Urss per incontrare Brezhnev 

5 / Il cappello da cosacco di Gorbachev

Mikhail Gorbachev in cima al mausoleo di Lenin in Piazza Rossa a Mosca

A differenza della moglie Raisa, che era una vera fashion addicted e ha rivoluzionato l’abbigliamento femminile sovietico, Mikhail Gorbachev (1931-) non si curava affatto della moda. All’inizio degli anni Ottanta, gli uomini nell’Urss erano relativamente ben vestiti. Gorbachev, la mente delle politiche della Perestrojka e della Glasnost, prediligeva gli abiti su misura prodotti principalmente nell’Urss.

LEGGI ANCHE: Sei simboli della Perestrojka scomparsi per sempre 

L’uomo, le cui politiche hanno capovolto la società e l’economia sovietiche, era eccezionale nella sua modestia personale. Preferiva mantenere un profilo basso e invitava alla mancanza di pretese coloro che lo circondavano. Non voleva mai distinguersi dalla massa. Forse, per questo motivo, si rifiutava di indossare lo smoking.

Mikhail Gorbachev si rivolge alla folla

La figura di Gorbachev è inchiodata nel suo abito, cappello e trench scuro senza fronzoli, di fabbricazione sovietica. Era sicuramente più sofisticato di altri leader sovietici. Negli anni Ottanta, i cappelli di pelliccia di visone con paraorecchie erano di gran moda in Urss. Gorbachev, tuttavia, si distinse indossando il cappello di pelliccia di foca cosacco. Gli piacevano molto i cappelli di pelliccia e li indossava spesso negli inverni freddi e nevosi. La tendenza decollò e anche innumerevoli membri del Politburo sovietico iniziarono a indossare copricapi simili.


Perché le donne russe non si toglievano il cappello di pelliccia nemmeno al chiuso e al caldo? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie