Chi ha governato la Russia più a lungo nei secoli?

Ermitage, Galleria Tretjakov
Il record (50 anni e 3 mesi) rimane imbattuto ormai da quasi cinquecento anni

6 / Iosif Stalin – 30 anni e 11 mesi, 1922-1953

Stalin (1879-1953) è stato il leader russo più longevo del XX secolo. Il 3 aprile 1922, il Comitato Centrale del Partito Comunista nominò Stalin Segretario Generale, il che significava che controllava l’amministrazione del partito, tutto il flusso dei documenti, tutte le nomine.

Nella neonata Urss, le strutture del Partito Comunista iniziarono a fondersi con le strutture dello Stato e, alla fine del periodo di dominio di Stalin, le posizioni all’interno del Partito erano diventate ben più importanti delle posizioni amministrative. Il Partito divenne il vero governo e il suo Segretario Generale divenne il vero Capo dello Stato. Questo sistema venne costruito da Stalin. Alla sua morte, all’età di 74 anni, il 5 marzo 1953, gli mancava un mese a compiere 31 anni alla guida del Paese.

LEGGI ANCHE: Tre ipotesi alternative sulla morte di Stalin 

5 / Michele I di Russia – 32 anni 5 mesi, 1613-1645

Il primo dei Romanov, Mikhail Fjodorovich (1596-1645), divenne zar a soli 16 anni, ma per la maggior parte del suo regno, fu controllato dai suoi potenti genitori, Ksenia Shestova e Fjodor Romanov, in seguito noto come il Patriarca di Mosca e tutte le Russie Filarete

Solo quando Filarete morì nel 1633, Mikhail ebbe la possibilità di governare da solo. Durante il suo regno, la Russia si stava riprendendo dal disastroso Periodo dei Torbidi, un’epoca di disordini e di ingerenze straniere. Morì relativamente giovane, a 49 anni, a causa di una malattia non diagnosticata.

LEGGI ANCHE: Michele I, lo zar delle rose che diede il via alla dinastia dei Romanov 

4 / Caterina la Grande – 34 anni e 4 mesi, 1762-1796

Il regno di Caterina cambiò definitivamente la Russia. All’inizio del suo dominio, era solo uno dei tanti potenti Stati europei. Dopo l’epoca di Caterina, la Russia era indiscutibilmente lo Stato più potente del continente e il principale oppositore della Francia napoleonica.

Sotto Caterina, la pena di morte fu vietata in Russia; il suo esercito e il suo apparato statale crebbero enormemente e la nobiltà fu liberata dal servizio statale obbligatorio, il che portò al fiorire delle arti e della cultura. A seguito della politica estera di Caterina, il territorio russo si espanse, e le terre della Piccola Russia (compresa la Crimea, grazie a Grigorij Potemkin) divennero i governatorati dell’Impero russo. Allo stesso tempo, tutti questi risultati furono fatti a spese del popolo russo, principalmente dei servi, che lavoravano per tutta la vita per mantenere i proprietari e l’esercito. Caterina la Grande morì a 67 anni, per un colpo apoplettico.

LEGGI ANCHE: Potemkin, dieci fatti da sapere sull’uomo che unì la Crimea alla Russia 

3 / Pietro il Grande – 42 anni e 9 mesi, 1682-1725

Sebbene Michele I, il primo Romanov, fosse controllato dai suoi genitori, formalmente aveva governato come zar sovrano. Al contrario, durante i suoi primi anni di regno, Pietro, salito al trono a dieci anni non compiuti, non governò da solo, ma con il suo fratellastro maggiore, Ivan V di Russia, che fu proclamato zar congiuntamente con lui. E di fatto era la loro sorella maggiore, Sofia, la reggente, ad avere in mano il potere.

Solo nel 1689, dopo il matrimonio, Pietro riuscì a rovesciare la reggenza di Sofia e a iniziare a governare da solo. Nel 1721, proclamò l’Impero russo e divenne l’Imperatore Pietro il Grande, e continuò a governare in questo modo fino al 1725, quando morì per una grave malattia renale all’età di 52 anni.

LEGGI ANCHE: Come si sono chiamati nella storia i governanti della Russia? No, non solo “zar” 

2 / Ivan III il Grande – 43 anni e 7 mesi, 1462-1505

Ivan III di Russia (1440-1505), noto come Ivan il Grande, fu il primo sovrano di quello Stato che alla fine divenne la Russia. Nel 1462, per volontà di suo padre, il Gran Principe di Mosca Basilio II di Russia, Ivan fu proclamato Gran Principe.

Ivan portò i diversi ducati della Russia nord-orientale sotto il suo diretto controllo. E fu lui a imporre il ruolo centrale di Mosca come città dominante e a creare le prime istituzioni di questo Stato in rapida crescita. Sotto Ivan, il territorio del Granducato di Mosca divenne cinque volte più grande di prima; introdusse lo stemma del Granducato di Mosca: l’aquila a due teste e, cosa più importante, mise fine definitivamente all’occupazione tatara dei territori russi. Ivan morì nel 1505 per una malattia non diagnosticata e in rapido sviluppo; aveva 65 anni.

LEGGI ANCHE: Perché lo stemma nazionale della Russia è un’aquila bicipite? 

1 / Ivan il Terribile – 50 anni e 3 mesi, 1533-1584

Che sia una coincidenza o no, lo zar russo che ha governato più a lungo fu il primo zar russo in assoluto, Ivan IV il Terribile. Formalmente, divenne Gran Principe di Mosca a soli tre anni, dopo la morte di suo padre Basilio III di Russia.

Fino al 1547, Ivan “governò” solo sulla carta, mentre le vere decisioni furono prese dall’aristocrazia, i boiardi. Boiardi che combatterono tra di loro senza esclusione di colpi per scavalcarsi e assicurarsi il dominio. Ma quando Ivan fu abbastanza grande, prese il potere nelle sue mani. Il 16 gennaio 1547, all’età di 16 anni, Ivan fu incoronato con la Corona di Monomaco nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Fu il primo ad assumere il titolo di “Zar di tutte le Russie.

LEGGI ANCHE: Cinque fatti da sapere sulla Corona di Monomaco degli zar russi 

Durante il regno di Ivan, lo Stato subì cambiamenti profondi: fu introdotto un nuovo codice di leggi, il Sudebnik del 1550, il sistema statale fu riformato e migliorato, i Khanati di Astrakhan e Kazan entrarono a far parte della Russia, e quello di Siberia fu schiacciato e l’esplorazione di quel territorio immenso ebbe inizio.

LEGGI ANCHE: Quand’è che la Siberia era uno Stato autonomo? 

È difficile persino menzionare ogni cambiamento che la Russia visse sotto Ivan il Terribile. Resta uno dei sovrani più discussi, criticati ed elogiati della storia russa, e rimane il leader russo più longevo.


Le “Teste di cane”: le feroci guardie di Ivan il Terribile 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie