Perché la Russia dà l’impressione di essere così grigia?

Legion Media
È un mix di clima rigido, enormi complessi industriali e architettura funzionale dell’epoca sovietica. Ma non mancano i luoghi colorati!

Chiunque abbia la fortuna di viaggiare in Russia fuori dalle città turistiche potrebbe chiedersi perché alcuni luoghi nel Paese più grande del mondo sembrino così… ecco, grigi.

Coloro che hanno visto i tipici quartieri residenziali sovietici sapranno cosa intendiamo.

Alcune di queste foto sembrano essere state desaturate in Photoshop, ma non lo sono.

Apparentemente, questo lascia perplessi molti turisti stranieri che sono abituati a vedere un mondo relativamente più colorato intorno a loro. Perché, si chiedono, la Russia è così grigia? Quindi vanno online in cerca di risposte. Abbiamo messo insieme le più interessanti.

Un’architettura molto pratica

“Loro [i russi] hanno una storia recente di architettura funzionale (cioè costruiscono solo un mucchio di efficienti palazzi grigi squadrati). Quindi, anche se le strade fossero pulite e gli edifici ben tenuti, il tutto sembrerebbe comunque piuttosto schifoso”, ha detto su Reddit un utente nel tentativo di spiegare perché la Russia appaia così grigia.

In un certo senso, ha centrato il punto. La maggior parte delle zone della Russia che sembrano grigie lo sono proprio per questo motivo: l’architettura sovietica funzionale, senza fronzoli.

Dopo la guerra, l’Unione Sovietica ha dovuto affrontare un problema di città sovraffollate e grave carenza di alloggi, poiché sempre più persone si trasferivano dalle aree rurali in quelle urbane per trovare lavoro nell’industria o nel terziario.

Negli anni Cinquanta, le autorità sovietiche decisero di risolvere il problema della carenza di alloggi costruendo rapidamente numerosi blocchi abitativi economici standardizzati di edifici prefabbricati realizzati con pannelli di cemento, che sono passati alla storia come khrushchjovki, dal nome dell’allora leader dell’Urss Nikita Khrushchev.

Le khrushchjovki, estremamente veloci ed economiche da edificare, risolsero efficacemente il problema degli alloggi ma, a loro volta, ne crearono di nuovi, che non sono ancora stati risolti oggi.

“Gli edifici di massa a più piani che ospitano la maggior parte della popolazione sono destinati solo ad abitazione, ma nient’altro. Dopo essere uscito dal suo appartamento, un abitante di una zona residenziale vuole andarsene il prima possibile: in centro a lavorare o al più vicino centro commerciale o di intrattenimento. Da qui il famigerato fenomeno del pendolarismo che crea i mostruosi ingorghi delle metropoli russe”, spiega Vitalij Stadnikov, professore associato della Scuola superiore di studi urbani dell’HSE di Mosca, in un articolo pubblicato nel 2016.

Le khrushchjovki hanno raggiunto il loro obiettivo: accogliere quante più persone possibile il più rapidamente possibile, ma hanno creato una miriade di altri problemi abitativi. E soprattutto, hanno fatto sembrare grigia la Russia.

“Le aree residenziali costruite con edifici a più piani causano enormi danni alla città. Formano un ambiente tetro e deprimente”, afferma l’esperto.

L’industrializzazione

Molte persone notano che alcuni luoghi in Russia sembrano più grigi di altri. Forse la ragione di ciò è che alcuni luoghi hanno gigantesche fabbriche, qualcosa che fa sembrare le aree circostanti molto peggiori.

Ci sono città in Russia che esistono solo per supportare alcuni enormi complessi industriali. Ad esempio, la famosa città chiusa di Norilsk è nota per il clima rigido e la posizione remota; lì le notti polari sembrano non finire mai, l'estate è breve e la neve copre tetti, strade e case fino alla fine della primavera. È stata creata da zero negli anni Trenta, quando il governo sovietico decise di esplorare e utilizzare le ricche risorse minerarie della regione, e da allora rimane un centro minerario industriale della Russia.

LEGGI ANCHE: Cinque cose da fare a Norilsk (se davvero arrivate fin qui) 

La serie di foto “Days of Night - Nights of Day” racconta la vita quotidiana degli abitanti di Norilsk, una città mineraria a nord del Circolo Polare Artico con una popolazione di oltre 170.000 abitanti.

È l’inquinamento ad avere l’impatto maggiore sull’aspetto della città. Ma spesso anche il cielo è grigio e le lunghe notti polari non migliorano le cose. Gli edifici a Norilsk sono situati uno vicino all’altro per evitare i forti venti nei quartieri residenziali.

La città, le sue miniere e gli impianti metallurgici furono costruiti dai prigionieri dei Gulag. Basta aggiungere la brutta architettura sovietica prefabbricata al resto, e diventa subito chiaro perché alcuni posti in Russia sembrino così grigi.

Condomini a Norilsk

LEGGI ANCHE: Come i russi combattono con la depressione nelle piccole città di provincia 

Il clima rigido

Anche le città molto belle possono apparire grigie di tanto in tanto. Prendete Mosca o San Pietroburgo, le due destinazioni turistiche più popolari in Russia. Questi luoghi sono notoriamente bui in inverno, poiché la maggior parte dei giorni il sole non riesce a penetrare le nuvole.

Nel dicembre 2018, Mosca vide il sole per appena sei minuti nell’intero mese! Per il resto del tempo, la città fu avvolta dalle nuvole. Record negativo del 2018 a parte, la quantità media di luce solare che la città riceve a dicembre è di 18 deludenti ore.

LEGGI ANCHE: Grigiore, ruggine e falso lusso: ma quanto è bella la tristezza russa? Le foto 

Due regole non scritte di ogni residente di San Pietroburgo sono molto indicative: vestiti sempre di grigio e porta un ombrello ovunque tu vada.

E ci sono anche città in Russia dove il sole non sorge nemmeno per più di un mese, per via della notte polare!

LEGGI ANCHE: In quali città dura più a lungo la notte polare in Russia 

Prendete tutto questo in considerazione la prossima volta che vi chiedete perché alcuni posti in Russia a volte appaiano grigi.


Stufi del grigio? Se volete un caleidoscopio di colori andate in Crimea! 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie