Grigiore, ruggine e falso lusso: ma quanto è bella la tristezza russa? Le foto

sadrussia
Un gruppo di designer e fotografi hanno aperto un profilo Instagram con immagini ironiche tratte dalla vita quotidiana in Russia. E chi vuole capire fino in fondo il Paese, deve guardarsele una ad una

“How to smile in sad Russia” (“Come sorridere nella triste Russia”): questa è la descrizione dell’account Instagram@Sadrussia. Portoni, garage, ingressi di casamenti, manichini gettati a terra, navi arrugginite e polpette bruciacchiate in padella: cosa può mai esserci di attraente in tutto questo? Dipende dagli occhi con cui si guarda.

“Fotografiamo in modo bello le parti tristi della Russia”, racconta a Russia Beyond uno degli autori che sta dietro all’account, e che si presenta con lo pseudonimo di IP Mazurov (su richiesta dell’interlocutore, il vero nome non viene divulgato).

Quando gli chiediamo perché al centro degli scatti sia stata messa proprio la tristezza, risponde: “La tristezza è uno dei sentimenti fondamentali in Russia; emerge sempre in superficie. Tuttavia, più in profondità, in realtà, c’è molta autoironia e, di conseguenza, molta allegria”.

“Abiti e scarpe per tutta la famiglia”.

La famiglia ti dà le basi per essere alto e forte

“Tutto è iniziato sei anni fa. C’è stato un inverno cupo con gelicidio, tutto intorno ispirava gli scatti di questa tristezza russa. E così si è scoperto che noi, una compagnia di amici, abbiamo iniziato lentamente a fare foto simili, prima indipendentemente l’uno dall’altro. Abbiamo iniziato a mostrarcele, ridendoci su, e alla fine abbiamo pensato di aprire il profilo Instagram della Russia triste”.

Oltre a IP Mazurov, quattro persone sono coinvolte nel progetto, tutte sotto pseudonimo: Viktor Noir, Dr. Petrik e Arthur Proval [Fallimento]. “Siamo tutti sui trent’anni, due di noi siamo designer, uno è motion designer e uno fa il fotografo. Tre vengono da Korolev e uno da Rostov. Ma ora viviamo tutti a Mosca e San Pietroburgo, e giriamo la Russia per motivi di lavoro e di famiglia”

“Buon anno nuovo!

Come passate il fine settimana, ragazzi?

L’account è tenuto in inglese, sebbene, dice IP Mazurov, non sia focalizzato su un pubblico straniero.

“Volevamo che il profilo sembrasse appartenere a stranieri che vivono in Russia. Descrivere tutte queste caratteristiche russe, questa estetica, in inglese è molto divertente. Quindi all’inizio era solo un motivo di divertimento per noi, ma alla fine è diventato uno stile”, spiega IP Mazurov.

Nessuno sa perché così tante babushka usino i mezzi pubblici al mattino. Alcune persone credono che sia una specie di complotto o che abbiano un incontro segreto ogni giorno alle 6 del mattino.

Molte foto evocano sentimenti contrastanti. Questo è ciò che viene chiamato “ridere attraverso le lacrime” in Russia. “Dalla mia esperienza posso dire che gli stranieri sono estremamente attratti dall’estetica russa. So che i finlandesi, ad esempio, ne vanno pazzi e ridono da morire. E i francesi fotografano i palazzoni a Khimki, perché non ne hanno così. Ma in generale, difficilmente notano quei pezzi di Russia che mostriamo. Arrivando qui, gli stranieri vedono di solito la parte più turistica della Russia.”

Il nostro amico Sasha di Rostov sul Don affitta una fantastica stanza su @airbnb. Abbiamo deciso di aiutarlo e pubblicizzarla. “Questa stanza non è lontana dal centro e molto vicina al supermercato Magnit. Nella stanza ci sono una TV e un divano, non disturberò il mio ospite, perché dormo nella cabina di guida. Ti darò anche uno scooter per permetterti di raggiungere facilmente il centro città.

Tutto dipende dal lusso, a cui aspira ogni persona russa, ma immancabilmente portando con sé la ruggine russa. Perché senza di essa, noi in questo lusso saremmo a disagio.

Anche se il tramonto è ancora lontano, Svetlana sta già andando a cena con gli amici nel Moto-club locale.


Che volto ha la profonda provincia russa? Le foto

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie