I più insoliti tipi di ghiaccio che potrete vedere in Russia

Evgenij Chikotilov/TASS
A forma di sfera, di fiore e persino di bliny: la natura d’inverno si sbizzarrisce!

Il ghiaccio non è solo acqua allo stato solido. A volte la natura realizza veri spettacoli usando questo materiale. Per esempio, nel Golfo dell’Ob, nello Jamal, e sul Golfo di Finlandia, nella Regione di Leningrado, si producono gigantesche sfere di ghiaccio, mentre misteriosi cerchi compaiono sulla superficie del Lago Bajkal ogni primavera.

Abbiamo discusso di queste e altre meraviglie del ghiaccio con Nikita Tananaev, idrologo e ricercatore presso l’Istituto del Permafrost di Jakutsk

Bliny di ghiaccio

I tipi più interessanti di ghiaccio si possono rinvenire sulle superfici acquatiche, perché la loro formazione è influenzata da numerosi fattori, dalle correnti alla temperatura. Influiscono sulla sicurezza della navigazione marittima e, pertanto, i diversi tipi di ghiaccio sono abbastanza ben studiati e descritti nell’Atlante delle formazioni glaciali (in russo: “Atlas ledovyk obrazovanij”), pubblicato dall’Istituto russo artico e antartico.

In inverno e in primavera, laghi e mari in tutta la Russia sono spesso ricoperti da dischi di ghiaccio con bordi rialzati, dal diametro di diverse decine di centimetri, noti come “blinchatyj ljod” “ghiaccio a forma di bliny”. Ricordano infatti i tipici pancake russi, i bliny

“I bliny di ghiaccio sono un evento comune su grandi superfici aperte di acqua, come laghi o mari, specialmente al nord. Questi bacini fungono da gigantesche ‘padelle’ su cui la natura ‘cuoce’ le sue frittelle di ghiaccio”, spiega Tananaev. Il ghiaccio a forma di bliny si forma quando la temperatura oscilla intorno allo zero e ci sono piccole increspature sull’acqua. “Inizialmente, si forma sull’acqua turbolenta una sottile crosta flessibile, chiamata spesso ‘salo’ (lardo, ndr) o ‘ghiaccio spalmabile’, che in seguito assume forme rotonde a causa della tensione superficiale. A volte i bliny di ghiaccio si formano da aghi di ghiaccio o da accumuli di neve fresca (‘snezhury’). A volte sono anche chiamati “ballerine di ghiaccio”, perché girano su se stessi in caso di vento”, dice.

I bliny di ghiaccio possono essere individuati, ad esempio, sul Lago Onega, in Carelia, sul fiume Iset a Ekaterinburg, e sugli Altaj, nonché sul lago Bajkal.

Questi pancake gelati possono raggiungere un diametro di 3 metri e uno spessore di 15 cm. Quando l’acqua si congela intorno a loro, possono coprire la superficie dell’acqua a perdita d’occhio. A volte, a causa di abbassamenti repentini della temperatura, non hanno il tempo di assumere una forma perfettamente rotonda e finiscono per sembrare una moltitudine di schegge. Questa forma di ghiaccio si chiama “cheshùjchatyj ljod”; “ghiaccio a squame” o “a scaglie”. 

Fiori di ghiaccio

Questo fenomeno naturale incredibilmente bello è più comune nell’Artico, ma a volte può essere osservato anche a latitudini più basse. Alla fine di novembre 2019, i “fiori di ghiaccio“ sono apparsi sul Lago Iljinskoe nel Tatarstan e nella Repubblica di Mari-El.

La causa è stata la grande differenza di temperatura tra acqua e aria (più di 20 ºC di differenza): la temperatura dell’aria scese drasticamente, mentre la temperatura sulla superficie dell’acqua rimase vicino allo zero e non c’era quasi vento. L’umidità sulla superficie del ghiaccio in questi casi si raffredda bruscamente e si condensa sulla superficie sotto forma di cristalli simili alla rugiada ghiacciata al mattino, ma sull’acqua.

Palle di ghiaccio

Nel 2016 questo fenomeno naturale piuttosto raro si è presentato sulla penisola di Jamal e, un anno dopo, nel Golfo di Finlandia.

Enormi palle di ghiaccio, che le onde spingono a terra, di solito si formano durante il disgelo dopo una nevicata e una forte tempesta. Le onde del mare rotolano grumi di neve lungo la riva, “formando” queste palle di neve giganti, che vengono poi coperte di ghiaccio dal vento freddo e spinte verso terra.

Ghiaccio peloso

Queste particolari forme di ghiaccio si formano non solo sull’acqua, ma anche sulla terra e nel sottosuolo, dove c’è umidità. Questo ghiaccio può essere visto sugli alberi ed è morbido al tatto ed elastico. Il “ghiaccio peloso” si forma in particolare su alberi marcescenti, colpiti da un fungo chiamato Exidiopsis effusa.

Ghiaccio montano e sotterraneo

Nella città di Kungur, nel Territorio di Perm, c’è una grotta di ghiaccio dove l’inverno non finisce mai. I suoi passaggi sotterranei lunghi chilometri sono costellati di stalattiti e stalagmiti; “ghiaccioli” che non si sciolgono mai. Nella grotta, i flussi d’aria con temperature diverse si mescolano, causando una forte condensa. L’umidità si deposita sulle arcate e si congela in una varietà di forme, dagli aghi ai fiori.

LEGGI ANCHE: Magia sotto terra: viaggio nella grotta di ghiaccio di Kungur 

Gli scienziati hanno anche incontrato alcune insolite formazioni di ghiaccio sulle montagne. Ad esempio, il cosiddetto “stelo di ghiaccio”. “Si chiama così, perché assomiglia allo stelo di qualche fiore. Si forma in montagna quando c’è un forte cambiamento di temperatura: durante il giorno, la temperatura deve essere sopra lo zero, mentre di notte deve scendere sotto lo zero. Queste formazioni di ghiaccio possono crescere fino a 10-15 cm di lunghezza e aprirsi alla fine a forma di fiore!”, spiega Tananaev. Gli steli di ghiaccio possono essere visti, ad esempio, nel Caucaso.

Sulle montagne della Jakuzia, i grandi aufeis (in russo: nàled) dei ghiacciai di ghiaccio stratificato, sono abbastanza comuni, come il Buluus o la Bolshaja Momskaja, che non si sciolgono nemmeno in estate. “Anche loro possono sembrare abbastanza particolari. Una volta, nelle valli fluviali della catena montuosa di Verkhojansk, vidi vasche di ghiaccio azzurro come il cielo. Il loro colore insolito, ovviamente, era dovuto alla rifrazione della luce”, afferma Tananaev.

Cinque incredibili avventure tra i ghiacci della Russia 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie