“Korolevskaja Vatrushka”, il dolcetto russo che ha origini popolari ma un nome da re

Getty Images
Questa delizia renderà felici i vostri ospiti e familiari. Ecco la ricetta di un classico dessert amatissimo in Russia

La parola “vatrúshka” ha un’origine antica. Ci sono diverse versioni sulla sua provenienza. Secondo una, la parola “vatrushka” deriva da un dialetto ucraino occidentale in cui “vatra” significava “falò”. Secondo un’altra versione, la parola è presa in prestito dalla lingua romena, in cui “vatra” significava “una specie di focaccia, cotta nel fuoco”.

Indipendentemente dalla teoria etimologica che preferite, tutte le strade portano al “fuoco”, perché gli antichi preparavano la “vatrushka” su enormi forni di pietra direttamente su fiamma libera. Molti anni dopo, iniziarono a cucinarla in casa, ma comunque la ricetta passo passo è stata tramandata di generazione in generazione ed è arrivata fino ai nostri giorni, in una forma leggermente modificata ma comunque estremamente gustosa.

Come un piatto semplice è diventato da re

Riuscite a indovinare perché, a prima vista, un pezzo di panetteria contadina è diventato la “korolévskaja vatrúshka”; ossia la “vatrushka reale”; “del re”? Probabilmente perché piaceva da matti a qualcuno sul trono di Russia. La corte dello zar si è invaghita di questo dolce, dopo di che è diventato una parte essenziale di ogni festa… Ogni volta, i cuochi russi aggiungevano qualcosa di nuovo e grandioso alla ricetta classica, facendone qualcosa di eccezionale, che si faceva notare anche nel vasto numero di piatti sulla tavola dei sovrani. D’altra parte, vale la pena notare che la vatrushka era molto popolare in Russia e Ucraina, ma era anche molto conosciuta nell’Europa orientale. È possibile che l’aspetto della “korolevskaja vatrushka” (re in russo si dice “koról”) sia stato influenzato anche dalle versioni europee di questo dolce, motivo per cui è chiamata “del re” e non “dello zar”. Ad ogni modo, ogni Paese ha il suo approccio a questa delizia.

Dolce e salutare

Questa è poi una ricetta che nasconde vari componenti salutari in qualcosa di dolce, cioè a prima vista poco adatto a una dieta sana. Può essere utile se cucinate per dei bambini. Ed è esattamente quello che facciamo spesso, preparando questo delizioso dessert ricco di tvorog.

LEGGI ANCHE: Dolce o salato? Tvorog! Le ricette per un piatto perfetto 

La pasta di base per la “vatrushka del re” è sempre la pasta frolla, ma il ripieno apre le porte alla vostra immaginazione. Una variante classica è preparata con tvorog e smetana, ma oggigiorno chi la cucina, abbellisce la vatrushka con marmellate, frutta fresca, cioccolato e aromi particolari. Comunque vada sarà un successo, se tutti gli ingredienti sono in perfetta armonia.

Quattro consigli per preparare una splendida vatrushka

Prima di immergerci nel processo, vorrei fare un paio di raccomandazioni. Innanzitutto, molti degli ingredienti sono intercambiabili e questo è un vantaggio. Potete, ad esempio, sostituire lo zucchero vanigliato con l’estratto di vaniglia e il lievito con il bicarbonato. In secondo luogo, se si vuole che l’impasto della vatrushka salga bene, le uova e lo zucchero devono essere uniti con un mixer, ma la farina deve essere incorporata manualmente, usando una frusta o una forchetta. In terzo luogo, durante la cottura dell’impasto in forno, è vietato sbirciare, aprendo lo sportello, altrimenti si rischia di far crollare la lievitazione dell’impasto. Infine, una volta spento il forno, lasciate raffreddare per altri 10-15 minuti.

Non perdiamo altro tempo prezioso e passiamo subito al piacevole processo di preparazione.

Ingredienti:

Per l’impasto:

  • Farina – 300 g
  • Zucchero – 50 g
  • Lievito in polvere – ½ cucchiaino
  • Sale – ½ cucchiaino
  • Burro – 100 g

Per il riempimento:

  • Tvorog (al 5-9% di grassi) – 450 g
  • Smetana – 150 g
  • Zucchero – 150 g
  • Zucchero vanigliato – 1 cucchiaino
  • Uova – 3 pezzi

Preparazione:

Una volta che avete tutti gli ingredienti misurati e pronti, prendete una ciotola profonda e mescolate farina, sale, zucchero e lievito. Quindi, usando una grattugia a cassetta, trasformate il burro precedentemente congelato in scaglie.

Dopodiché, aiutandovi con le mani, mescolate velocemente i fiocchi di burro con la farina fino a ottenere una consistenza di “briciole”. Mettete la ciotola in frigo per mezz’ora.

Passiamo ora al ripieno. In una ciotola unite il tvorog, la smetana, lo panna acida, la vaniglia e le uova e mescolate bene fino a ottenere una consistenza omogenea.

Mettete 3/4 dell’impasto in una teglia a cerniera. Fate aderire bene la massa sui lati e sul fondo.

Versate il ripieno nella teglia in modo che non si riversi sui bordi di impasto.

Cospargete il resto delle “briciole” di impasto sopra il ripieno.

Mettete la teglia in forno preriscaldato a 180 ºC per circa 45 minuti. A cottura ultimata, spegnete il forno e lasciate la vatrushka al suo interno per altri 15 minuti.

Sfornate la vostra delizia e fatela raffreddare a temperatura ambiente, toglietela dalla teglia; affettatela bene e servite. I vostri ospiti e la famiglia apprezzeranno! Spero che vi siate divertiti come me a prepararla. 


LEGGI ANCHE: Vatrushki: dolcetti russi dal cuore morbido, ideali per la colazione o la merenda 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie