Cinque squisite torte russe che si possono preparare in meno di un’ora

Legion Media
Facciamola finita con il mito che cucinare una torta sia qualcosa di infinito. Queste sono ottime, veloci, e riescono anche allo chef più inesperto. La cosa più difficile sarà aspettare il tempo necessario affinché, riposando in frigo o in un luogo fresco, assumano la giusta consistenza

1 / Medovìk

Questa torta al miele multistrato è stata inventata 200 anni fa. La moglie dell’imperatore Alessandro I, Elisabetta, non sopportava il sapore del miele. Naturalmente, l’ingrediente era dunque vietato in ogni dessert imperiale. Una volta a Corte arrivò un nuovo pasticcere, che non era a conoscenza di questa idiosincrasia dell’imperatrice consorte, e preparò dei korzh al miele, li spalmò di crema, e servì sulla tavola imperiale questi primi medovik. A Elisabetta la torta piacque così tanto che ruppe il suo tabù e rapidamente il medovik divenne un dessert alla moda. Due secoli dopo, è in grado di cucinarlo non solo un pasticcere imperiale, ma ogni amante della cucina e delle torte. Non lasciatevi spaventare dai tanti strati, cuociono rapidamente.

Come cucinarla: Mettete in una padella antiaderente uova (3), bicarbonato di sodio (1 cucchiaino), miele (3 cucchiai) e 1 bicchiere di zucchero e mescolate continuamente a fuoco vivace, fino a quando il volume aumenterà di 3 volte. Tutta la massa sembrerà una schiuma dorata. Togliete dal fuoco e aggiungete immediatamente la farina in piccole porzioni (3 bicchieri in totale), continuando a mescolare. Dividete l’impasto in 8-9 parti. Ungete una teglia. Stendete con le mani ogni parte di impasto fino a farlo diventare molto sottile. Cuocete ognuno di essi fino a doratura a 170 °C (circa 5 minuti). Finché è morbido, rimuovete l’impasto al miele cotto (korzh) dal forno e lasciatelo raffreddare. Per la crema, sbattere la smetana (800 g) e lo zucchero (3/4 di bicchiere). Componete la torta: un strato di korzh, uno di crema, e così via. Lasciate riposare per 12 ore in un luogo tiepido.

LEGGI ANCHE: Medovik, bontà al miele 

***

2 / Smetànnik

Lo smetannik (torta alla smetana) differisce dalle altre torte in quanto la smetana viene aggiunta non solo nella crema, ma anche all’impasto. A causa della disponibilità di questi ingredienti, era la torta fatta in casa più popolare ai tempi dell’Urss. E ha un sacco di varianti, ad esempio, l’impasto può essere colorato con l’aggiunta di cacao. La torta viene poi decorata con glassa al cioccolato o briciole di impasto, e a volte con bacche. Anche alla crema possono essere aggiunti noci, canditi o rum. L’importante è concedere alla torta ben 12 ore di riposo dopo l’assemblaggio.

LEGGI ANCHE: Smetannik, la torta per tutte le occasioni 

***

3 / Zebra

L’attrazione principale di questa torta è l’alternanza di impasto chiaro e scuro al cioccolato. Nella versione più semplice, più simile a un tortino, le strisce all’interno dell’impasto creano l’effetto della pelle di una zebra o delle venature del marmo. In quello più complesso, si alternano strati di impasto dal diverso colore.

Come cucinarla: Un bicchiere e mezzo di zucchero deve essere disciolto in tre uova. Aggiungete poi un bicchiere e mezzo di farina, un cucchiaino di bicarbonato di sodio attivato con qualche goccia di limone e 200 g di smetana, lavorando bene e dividendo poi l’impasto in tre parti. Mescolate una delle parti con 2 cucchiai di cacao. Cuocere i tre strati di impasto per 20 minuti a 180 °C (2 bianchi e 1 marrone). Per la crema tra gli strati, è adatta quella a base di smetana: sbattete 1 bicchiere di smetana fredda con 1/2 bicchiere di zucchero a velo, fino a raddoppiare il volume, aggiungete la vanillina (1 cucchiaino) e versate lentamente 10 g di gelatina disciolta  (in mezzo bicchiere di acqua), e mescolate tutto bene. Cospargete di crema gli strati di impasto, componete il tutto e mettete a riposare in frigorifero per 6 ore. La torta può essere decorata con glassa al cioccolato.

4 / Torta di biscotti

Non vi insegneremo certo come cucinare il tiramisù. Meglio piuttosto condividere con voi la ricetta di una torta che fu pubblicata nel 1939 nel mitico “Kniga o vkusnoj i zdorovoj pishche” (“Libro sul cibo saporito e salutare”), il ricettario di Stato sovietico, curato dall’allora commissario del popolo (ministro) per l’Industria alimentare dell’Urss, Anastas Mikojan. A quel tempo, questo ricettario, poi riedito e ingrandito nel 1952, conteneva solo due ricette di torte, e questa con i biscotti era una. Avvertiamo immediatamente che nella ricetta vengono utilizzate uova crude e che la torta non viene cotta.

Come cucinarla: mettete uno stampo per dolci a forma di anello su un piatto rotondo, posizionate ai lati e al centro dello stampo una fila di biscotti (i biscotti devono essere posati con il lato liscio all’interno dello stampo). Successivamente, coprite i biscotti con uno strato di crema (si veda sotto), disponete un’altra fila di biscotti e ancora uno strato di crema. Pareggiate con un cucchiaio lo strato di crema e decorate con i biscotti. Le bacche fresche o congelate e le noci tritate sono adatte per la decorazione. Mettete la torta a riposare in un luogo freddo per almeno due ore. Rimuovete lo stampo al momento di servirla. Per preparare la crema, sbattete i tuorli (4), poi in una padella aggiungete lo zucchero (1/2 bicchiere), il cacao (2 cucchiai), mescolate tutto. Diluite con 3/4 di bicchiere di latte e scaldate, mescolando continuamente con una spatola, fino a ebollizione, quindi raffreddate la crema, aggiungete la vanillina (1 cucchiaino), i bianchi ben montati a neve e la gelatina (5 g), sciolti in 1/4 di bicchiere il latte. In totale, per la torta saranno necessari da 300 a 400 g di biscotti.

5 / Tvoròzhnik

La ricetta del cheesecake alla russa con uova crude e biscotto senza cottura era la seconda ricetta di dolci presente nel libro di cucina sovietico del 1939, ma ora è preparata raramente. Un’altra ricetta con il tvorog è diventata molto più popolare: si cuoce in forno per i soliti 40 minuti e riesce benissimo anche agli chef più inesperti. Gli ingredienti sono: tvorog, farina, burro, uova, zucchero e smetana; insomma, tutto quello che è sempre a portata di mano nelle dispense dei russi. Con la scorza di limone viene ancora più interessante.

LEGGI ANCHE: Tvorozhnik: cucinate il “cheesecake russo” goloso e salutare 


Dieci golosissime torte russe che non potete non provare

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie