Da tecnico della Lubjanka a spietato agente sovietico: vita e destino di Korotkov, il N.1 delle spie

Sergej Kozhevnikov/Aptel, 2012; Foto d'archivio
Fu arruolato per la manutenzione degli ascensori nella sede della polizia segreta. Ma, dando prova di fiuto ed efferatezza, riuscì a scalare la piramide dello spionaggio internazionale e avvertì l'URSS dell'imminente attacco dei nazisti

Quando la spia sovietica disertrice Georgij Agabekov fuggì senza motivo a Parigi dalla Turchia, dove era stato collocato dall'intelligence sovietica, la polizia segreta dell’URSS lo condannò a morte in contumacia. 

Dietro al complotto per uccidere il disertore c’era Aleksandr Korotkov, un giovane ufficiale dei servizi segreti che fino a poco tempo prima non era altro che un semplice tecnico degli ascensori alla Lubjanka.

Il tecnico

Aleksandr Korotkov non era destinato a diventare una spia, perdipiù famosa. Figlio di una povera famiglia, dovette abbandonare il sogno di studiare all'Università Statale di Mosca per lavorare come tecnico: allora la sua priorità era aiutare la madre, che, sola e senza marito, non ce la faceva a mantenere la famiglia. 

Aleksandr Korotkov da giovane

Korotkov trovò rifugio nel tennis: uno sport che, oltre a distrarlo dalla quotidianità, cambiò drasticamente il corso della sua vita.

Giocava al club sportivo Dinamo e occasionalmente serviva come raccattapalle durante le partite di altri giocatori. Uno di loro era Veniamin Herson, un impiegato del Direttorato politico unificato dello Stato, la polizia segreta dell'Unione Sovietica, alias OGPU. 

“Una persona che voleva entrare nella società Dinamo doveva lavorare nel sistema OGPU. Altrimenti era impossibile diventare un giocatore della Dinamo”, disse lo scrittore e storico dei servizi segreti sovietici Theodore Gladkov. 

Herson assunse Korotkov come tecnico degli ascensori alla Lubjanka, il quartier generale della polizia segreta.

Forse, l'unica intenzione di Herson era quella di aiutare il giovane a rilanciare la sua carriera sportiva. Ma la vita gli serbò altri progetti. Dopo aver lavorato come tecnico per alcuni mesi, Korotkov avanzò nei ranghi di impiegato e, poco dopo, divenne assistente di un agente operativo dell’OGPU. Fu allora che iniziò la sua straordinaria carriera.

Un assassino in libertà

Successivamente Korotkov finì nella direzione di intelligence della polizia segreta.

Riconoscendo le eccezionali qualità della giovane spia, i capi dell'intelligence investirono su Korotkov per farne una risorsa altamente efficiente - e letale - dell'Unione Sovietica, un paese che trattava spietatamente i suoi nemici politici all'estero.

Uno dei primi obiettivi di Korotkov fu Georgij Agabekov, una famigerata spia sovietica che disertò dai servizi segreti e fece soldi pubblicando materiale altamente compromettente sull'intelligence sovietica. 

Uno dei primi obiettivi di Korotkov fu Georgij Agabekov (in foto), una nota spia sovietica che disertò dai servizi segreti

Essendo stato un ex agente residente in Iran, le pubblicazioni di Agabekov destabilizzarono le posizioni sovietiche nel paese e compromisero un certo numero di agenti segreti sovietici sotto copertura che, come conseguenza, persero la vita.

Dopo aver ricevuto l'ordine di uccidere il colpevole, Korotkov ideò un complotto per attirare Agabekov in un luogo di incontro segreto a Parigi, proponendogli un accordo per contrabbandare pietre preziose presumibilmente rubate in Spagna. Il disertore abboccò e ben presto finì a pezzi in una valigia in fondo alla Senna.

Seguirono altri omicidi politici. In una lettera privata indirizzata al capo dell'apparato di sicurezza sovietico Lavrentij Berija, raccontando un episodio in cui avrebbe decapitato uno dei seguaci di Trotskij, Korotkov disse di aver “svolto il lavoro più sinistro, sgradevole e pericoloso” di sempre.

LEGGI ANCHE:Vita e destino dei cinque più stretti collaboratori di Stalin

Dietro le linee nemiche

Ma ben presto le capacità di Korotkov per la raccolta di informazioni e fonti di intelligence all'estero prevalse sugli altri, ben più sinistri, talenti; poco prima dello scoppio della guerra fu quindi inviato nella Germania nazista per una missione sotto copertura. 

La missione consisteva nel tessere relazioni con agenti dormienti nella Germania nazista e fornire informazioni all'Unione Sovietica sulla ricerca e lo sviluppo militare dei nazisti. 

Il colonnello sovietico Aleksandr Korotkov e il feldmaresciallo tedesco Wilhelm Keitel

Pochi mesi prima dell'invasione nazista dell'URSS, Korotkov avvertì Mosca dell'imminente attacco. “La fonte menzionata ha recentemente dichiarato che l'attacco contro l'Unione Sovietica è ormai deciso”, scrisse in una nota a Berija. 

E anche se il messaggio di Korotkov confermava gli avvertimenti di altre spie sovietiche, Stalin ignorò le allarmanti notizie. 

Quando finalmente scoppiò la guerra, Korotkov si trovò chiuso nell'ambasciata sovietica a Berlino, che fu bloccata da alcuni membri del corpo Schutzstaffel. Nonostante fosse apparentemente con le mani legate, Korotkov riuscì miracolosamente a convincere il capo delle SS di guardia a lasciarlo uscire per un breve periodo.

Con il pretesto di incontrare la sua ragazza, Korotkov incontrò un certo numero di agenti segreti sovietici, ai quali passò il denaro e l'equipaggiamento necessari per continuare la missione in tempo di guerra.

Il colonnello sovietico Aleksandr Korotkov e il generale Hans-Jürgen Stumpff, che fu uno dei firmatari della resa incondizionata della Germania alla fine della guerra

E, ancora più sorprendentemente, Korotkov riuscì a fuggire dalla Germania nazista e a raggiungere Mosca, dove addestrò e preparò nuovi agenti segreti per lavorare dietro le linee nemiche. 

Dopo la guerra, Korotkov tornò nella Germania occupata. “Fu uno dei fondatori dell'intelligence della Germania orientale. Basti dire che era stato in contatto con una persona come Heinz Felfe, [una spia di alto livello] nella Germania occidentale. Questa persona era conosciuta come il Philby tedesco (Kim Philby fu un agente segreto britannico che acquisì la cittadinanza sovietica nel 1963, ndr). Aveva posizioni molto importanti nel controspionaggio tedesco [occidentale] ed era una delle fonti più preziose per il controspionaggio sovietico”, disse lo scrittore Jan Edynak.

Korotkov nel 1961

Korotkov rimase coinvolto in giochi politici e di intelligence fino alla sua morte, avvenuta il 27 giugno 1961. Il 51enne Korotkov, all'epoca generale maggiore, morì per la rottura dell'aorta mentre giocava a tennis al club Dinamo di Mosca. Passò alla storia come uno dei più influenti ufficiali di intelligence dell'URSS.

LEGGI ANCHE: Elena Ferrari e le altre: le più celebri spie donne sovietiche

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie