Clinton o Trump: chi preferisce il Cremlino?

: Iorsh
Entrambi in testa nella campagna presidenziale 2016 negli Stati Uniti, probabilmente una volta eletti avranno approcci molto diversi nei confronti della Russia. Ma Mosca per chi fa il tifo veramente?

Il candidato repubblicano Donald Trump e la sua controparte democratica Hilary Clinton sono due leader in vista nella campagna elettorale presidenziale degli Stati Uniti. Entrambi danno versioni molto diverse sulla loro visione delle relazioni russo-americane e sembra che le simpatie della leadership russa vadano verso Trump.

Dopotutto, egli promette che andrà d'accordo con la Russia e che avvierà un serio dibattito sulla politica estera del Cremlino. Ma fino a che punto sono giustificate le speranze di Mosca di migliorare le relazioni con gli Stati Uniti in caso di amministrazione Trump?

Gli scettici ritengono che il sostegno del Presidente russo Vladimir Putin nei confronti di Trump sia solo puro trolling e che l'improbabile candidato permetta al Cremlino di fare battute sulle istituzioni degli Stati Uniti e sulle carenze del sistema di voto americano. Secondo tale spiegazione, l'esistenza di Trump potrebbe essere un regalo per il Cremlino, al fine di dimostrare che "l'America è in degrado" e che rimarrà presto indietro.

Inoltre, tali esperti sostengono che la presidenza Trump sarebbe vantaggiosa per la Russia perché indebolirebbe gli Stati Uniti. Trump sostiene di essere restio all'uso della forza e si dichiara favorevole a un nuovo tipo di isolazionismo. I suoi recenti dubbi sulla validità della NATO sono musica per le orecchie dei russi.

Tuttavia, andando al di là delle supposizioni, la presidenza Trump è ovviamente appetibile per l'élite politica russa. Oltre al suo romanticismo in politica e alla sua capacità di rompere gli stereotipi, si tratta di una persona piuttosto pragmatica e senza alcun legame con il pantano politico degli Stati Uniti. È molto divertente, un vero politico. Ha una "aura di mascolinità senza limiti" e tutto questo è estremamente importante per i dirigenti russi, che credono più nei rapporti interpersonali che nella cooperazione tra istituzioni.

Con la Clinton e il Partito Democratico invece è un'altra cosa. Il Cremlino crede fermamente che Hilary Clinton, dopo tanti anni in politica, sia molto legata agli stereotipi, compresi quelli formati durante il suo lavoro come Segretario di Stato. Naturalmente, a differenza di Trump, lei sa molto di più della Russia, ha visioni ferme e questo la rende più prevedibile per il Cremlino.

Allo stesso tempo, lei è considerata come una vecchia e intransigente specie di "Lady di ferro" con cui è molto difficile trattare. La leadership russa ha una memoria lunga e ricorda le dichiarazioni umilianti della Clinton contro il Presidente Putin, i suoi appelli a fermare l'"impero" russo, l'opposizione alle "sfere di influenza" e il suo entusiasmo circa le politiche interventiste in Libia, Siria e Ucraina.

Secondo il Cremlino, così come un qualsiasi altro aspirante Presidente democratico, lei professerà valori ispirati alla democrazia, alla tutela dei diritti umani e a un cambio di regime nell'area ex sovietica. Questo genera aspettative negative a Mosca, dove tali preoccupazioni in merito ai diritti umani sono considerate ipocrisia a copertura di Realpolitik.

Due cose sono spesso sotto e sopravvalutate a Mosca. La prima è l'influenza del team. Tutti i Presidenti americani non sono liberi nelle proprie azioni: sono le istituzioni a gestire la politica reale. Che si tratti di Trump o della Clinton, la loro attività quotidiana potrebbe essere molto diversa dalle dichiarazioni fatte in campagna elettorale.

Non è del tutto chiaro se Trump sia un vero isolazionista o lo faccia solo per ottenere voti cercando di sembrare quanto più flessibile. Se così fosse, potrà senz'altro attaccare Putin in futuro solo per il gusto di far parlare di sé. Il suo team di consulenti di politica estera è fatta di neoconservatori, la cui visione del mondo è radicalmente lontana dalle attuali affermazioni di Trump.

Il team della Clinton è più favorevole nei confronti della Russia. È circondata da persone dell'amministrazione Obama, architetti della "politica del reset". Così, vorrebbero continuare con questo movimento avanti e indietro nelle relazioni tra Russia e USA.

Il fattore sopravvalutato a Mosca è il ruolo della Russia nella politica interna degli Stati Uniti. Francamente, gli elettori americani dimostrano scarso interesse per la politica estera e la Russia non è al vertice delle loro priorità, anche quando si tratta di relazioni internazionali. Sia Trump che la Clinton affrontano la "questione russa" durante le loro campagne, ma l'argomento in realtà è periferico rispetto ad altre questioni.

La stravaganza di Trump e la lotta per il voto alle minoranze dei Paesi Baltici, Polonia e Ucraina costringono la Clinton a discutere di politica estera basata sul suo background, ma questo non è il suo focus principale.

Al di là delle simpatie, la Russia preferisce astenersi dal puntare tutto sull'uno o sull'altro candidato. Spera nella vittoria di Trump, ma si prepara a difficili negoziati con la Clinton. I politici russi sanno già che la politica degli Stati Uniti può essere molto imprevedibile.

Quello che sicuramente non vogliono è un'altra serie di attività frettolose da parte degli Stati Uniti sull'arena internazionale e saranno lieti di supportare qualsiasi candidato che eviterà azioni missionarie e di politica attiva in altre regioni.

Continua a leggere: 

Piano Marshall, Eni e Urss nell'economia post bellica

La Perestrojka, trent'anni dopo

Il timido avvertimento di Medvedev

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta

Leggi di più