Tutte le cose che sono sorprendentemente vietate in Russia e che stupiscono gli stranieri

Russia Beyond (Foto: Legion media)/Vostock-Photo
Ovviamente il parmigiano e molte altre delizie gastronomiche europee, per via delle sanzioni. Ma potreste avere brutte sorprese anche cercando dei medicinali che nel vostro Paese prendete tranquillamente in farmacia, acquistando un energy drink al supermercato o cercando un profilo su LinkedIn

Chi si trasferisce a vivere in Russia dall’estero sa di doversi aspettare alcuni cambiamenti nella sua vita. Eppure, a volte, le persone scoprono con stupore che le cose più banali che spesso usavano a casa loro qui sono bandite… Ecco alcuni esempi.

Formaggio e LinkedIn

Forse la lamentela più frequente tra gli stranieri che vivono in Russia è la mancanza dei formaggi di produzione europea. Nel 2014, la Russia ha vietato le importazioni all’ingrosso di determinati prodotti alimentari dall’Unione europea in risposta alle sanzioni imposte alla Russia dall’Ue. La politica delle sanzioni ha lasciato i russi e gli expat senza accesso ad alcuni prodotti a cui erano abituati, parmigiano in testa.

“Qualcun altro ha menzionato i formaggi a latte crudo francese. Anche a me mancano moltissimo. E una bistecca di buona qualità proveniente dall’Australia o dall’America. Tutto questo è introvabile a causa delle sanzioni”, afferma Jay Miller in una conversazione con “Russia Beyond” su Facebook.

Se il divieto di alcuni prodotti alimentari è ormai un fatto assodato e ben noto da anni, l’impossibilità, ad esempio, di accedere al social network LinkedIn dalla Russia coglie di sorpresa molti stranieri. Nel 2016, un tribunale russo ha stabilito che LinkedIn doveva essere bloccato in Russia, a causa della presunta violazione da parte del sito web della nuova legge sulla conservazione dei dati. Da allora, il popolare social network incentrato sulla costruzione della carriera rimane ufficialmente vietato nel Paese. Tuttavia, alcuni utenti trovano ancora un modo per aggirare il divieto ricorrendo ai servizi VPN

Bevande energetiche

Non esiste un divieto federale sulla vendita degli energy drink ai minori in Russia. Tuttavia, molti cassieri di supermercato richiedono un documento d’identità come prova della maggiore età quando un giovane si reca in un negozio per prendere una bevanda energetica (così come viene fatto per sigarette e alcolici), e molti stranieri ritengono che i loro diritti siano stati violati.

LEGGI ANCHE: Tre choc culturali che prova chi va in Russia come studente in scambio 

In realtà, i cassieri hanno effettivamente il diritto di richiedere il documento di identità quasi ovunque, perché la vendita di bevande energetiche ai minori è vietata a livello locale in quasi metà delle regioni russe.

Pertanto, a seconda di dove vi trovate in Russia, potreste o non potreste avere il diritto di acquistare una lattina di Red Bull o un’altra bevanda simile se avete meno di 18 anni. A volte, i regolamenti sono interpretati liberamente, il che porta a incidenti piuttosto comici.

“Credo che in Russia ci siano leggi contro la vendita di bevande energetiche come Redbull ai minori. Ma non credo che la normale Coca-Cola rientri in questa lista. Io ho provato a comprare due lattine di Coca-Cola Zero in un piccolo negozio di Vologda e la cassiera mi ha chiesto il passaporto. Sono rimasto davvero sorpreso, ma sono riuscito a chiedere in russo “Нужен?” [“Nuzhen?”; “Serve?”]. Ho detto che non ce l’avevo, e non me le ha vendute! Sono un po’ intimidito a parlare russo, quindi non ho replicato. Ero un po’ deluso, ma non era poi questo gran problema. Più che altro ero confuso. È l’unica volta che mi è stato chiesto il passaporto per comprare della Coca-Cola”, afferma Andrea Doherty, un expat residente a Mosca.

Medicinali

Tornando a cose più serie, alcuni expat hanno segnalato i problemi che affrontano quando scoprono che i farmaci che usavano su prescrizione medica nel loro Paese di origine non possono essere legalmente acquistati in Russia. Ciò accade perché le autorità mediche russe devono certificare tutti i farmaci che vengono distribuiti nel Paese e talvolta assumono una posizione diversa su determinati farmaci rispetto al regolatore di altri Stati.

“Provigil (Modafinil) e Adderall non sono venduti qui. Farseli spedire per posta può farti finire in carcere. Il fatto che mi sia stato diagnosticato il disturbo da deficit di attenzione e iperattività e che abbia una ricetta americana è irrilevante”, afferma Gene Kurbatov.

Prima di imbarcarsi su un aereo per la Russia, Kurbatov ha detto di aver smaltito il medicinale all’aeroporto, dopo che un suo amico gli aveva suggerito di farlo. Al suo arrivo in Russia, Kurbatov ha dovuto cercare sostituti che funzionassero per lui e che fossero legali da acquistare.

Ci sono stati diversi casi in Russia in cui le persone sono state arrestate negli uffici postali dove erano andati a ritirare pacchi postali contenenti medicinali non registrati in Russia.

LEGGI ANCHE: Otto reati per i quali in Urss si rischiavano pene severissime, anche se oggi ci sembra bizzarro 

Divieti non ufficiali

Alcuni expat hanno riscontrato inconvenienti con attività che non sono vietate nel Paese. Le riprese video nella metropolitana di Mosca sono uno di questi casi.

“La guardia della metropolitana di Mosca mi ha proibito di fotografare le bellissime stazioni. Ho dovuto sforzarmi per non mostrargli i pannelli informativi che dicono ovunque che le foto sono consentite in metropolitana (a patto che non si utilizzi un treppiede, il flash o si ostruisca il flusso dei passeggeri). Questa è stata l’unica esperienza negativa che ho avuto durante le mie due settimane di permanenza”, dice Seb Renard, che ha aggiunto che quando in seguito ha fotografato un’altra stazione della metropolitana, ha avuto una conversazione amichevole con un agente di polizia che è apparso “curioso, non sospettoso”.

Un expat ha espresso una lamentela con cui molti russi sarebbero concordi: il tacito divieto di aprire i finestrini di una cabina del treno per far entrare aria fresca:

“È piuttosto soffocante quando i finestrini del treno sono chiusi e il riscaldamento è a tutto volume, soprattutto quando qualcuno sta mangiando del pesce o delle uova sode nella carrozza. Le signore del treno si rifiutano sempre di aprirle, anche in estate.”

Poiché alcuni di questi divieti non sono leggi scritte, si potrebbe sperare di superarli mediante negoziazione. Sì, sì; buona fortuna!


LEGGI ANCHE: Cinque cose vietatissime nelle aule delle scuole sovietiche che oggi ci sembrano incredibili 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie