Bliny da 15 chili e simboli del Covid al rogo: i festeggiamenti della Maslenitsa al tempo del virus

Una costruzione di legno a forma di castello brucia nel parco Nikola-Lenivets, a sud-ovest di Mosca, come parte dei festeggiamenti della Maslenitsa, 13 marzo 2021

Una costruzione di legno a forma di castello brucia nel parco Nikola-Lenivets, a sud-ovest di Mosca, come parte dei festeggiamenti della Maslenitsa, 13 marzo 2021

AP
I riti della tradizione e nuove usanze per scacciare l’incubo della pandemia: così la Russia ha celebrato la settimana di carnevale con la quale si saluta l’inverno per dare il benvenuto alla primavera

Ogni anno, in questo periodo, la Russia celebra la Maslenitsa, l’antica festa slava con la quale si saluta l’inverno e si dà il benvenuto alla primavera. Questa festa, che dura una settimana (quest'anno si è svolta dall'8 al 14 marzo), non è accompagnata solo dalle mangiate di bliny, ma anche dalle passeggiate in trojka e dal solenne addio al fantoccio della Maslenitsa, che simboleggia il rigido inverno. 

I festeggiamenti della Maslenitsa a Yuzhno-Sakhalinsk

Quest’anno il covid non ha fermato la festa, che nella città di Yuzhno-Sakhalinsk (9.300 km da Mosca) è stata caratterizzata dalla preparazione di un enorme bliny dal diametro di 2,5 metri! Come si legge sul sito dell’amministrazione comunale, la frittellona pesava 15 kg ed è stata cucinata utilizzando 30 litri di impasto. Al termine della cottura, è stata divisa e distribuita a tutti i partecipanti.

L'enorme bliny cucinato a Yuzhno-Sakhalinsk per i festeggiamenti della Maslenitsa

A Vladivostok e in altre città russe gli uomini si sono arrampicati su degli alti pali, simili agli alberi della cuccagna, in cima ai quali vengono solitamente appesi dei premi. 

Celebrazioni per la festa della Maslenitsa a Vladivostok
Celebrazioni per la festa della Maslenitsa a Vladivostok

A Novosibirsk sono andati in scena i “trichechi”, gli appassionati di nuoto nel ghiaccio, che si sono tuffati nelle acque gelide con pinne, kokoshnik e bikini.  

Celebrazioni per la festa della Maslenitsa a Novosibirsk

Celebrazioni per la festa della Maslenitsa a Novosibirsk

I residenti della regione di Lipetsk (400 km da Mosca), invece del solito spaventapasseri, hanno bruciato dei fantocci rappresentanti il Covid-19 per liberare la regione dall’incubo del virus.

Il rogo più spettacolare si è tenuto nel parco di land-art Nikola-Lenivets, nella regione di Kaluga (200 km da Mosca), dove è stato bruciato un enorme castello rappresentante il Covid, insieme a mascherine e ad altri simboli del virus. 

Il castello in legno bruciato nel parco Nikola-Lenivets di Kaluga per la festa della Maslenitsa

“Oggi tutti pensano a questa nuova peste del virus. Sia i medici, sia gli scienziati, stanno lottando per liberarci dai contagi. E anche noi, cittadini comuni, dobbiamo aiutarli in ogni modo possibile - ha dichiarato il fondatore del parco, Nikolaj Polisskij -. E nella settimana dei bliny dobbiamo bruciare tutte le cose brutte, compresi i simboli del virus, per far passare la pandemia”.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie