È pronto il sistema sanitario russo a reggere al picco dell’epidemia di Covid-19?

Reuters
Nelle ultime ventiquattr’ore la crescita di positivi al coronavirus è stata di 302 persone, portando il bilancio a 1.836 casi (il 67% dei quali a Mosca). E molti sono nella fascia tra i 18 e i 40 anni

Quando arriverà il picco dell’epidemia in Russia?

A Mosca, il picco dell’epidemia potrebbe verificarsi all’inizio di aprile. Tale previsione è di Denis Protsenko, il primario della Clinica ospedaliera № 40 della capitale russa; una struttura completamente convertita per ricevere malati di Covid-19.

Tuttavia, come le precedenti previsioni degli esperti, anche quella sulla data di massima espansione dell’epidemia in Russia può variare a seconda dell’efficacia delle misure adottate.

“In precedenza pensavo che il picco del tasso di incidenza arrivasse già questa settimana”, ha detto Protsenko il 26 marzo, ma presto lo specialista ha dovuto adeguare le sue previsioni ottimistiche.

“Per ora c’è una crescita. Adesso, penso che il picco di incidenza sarà tra la metà e la fine della prossima settimana”, ha detto Protsenko.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, pochi i contagi in Russia: perché allora si costruiscono enormi ospedali? 

Ma i tempi che serviranno per raggiungere l’apice della diffusione del virus a Mosca e nelle altre regioni della Russia saranno probabilmente molto diversi. Tutto dipenderà dallo scenario dello sviluppo dell’infezione nel Paese.

Nel corso della conversazione con il presidente Putin, venuto a esaminare l’ospedale dove vengono curati i pazienti con coronavirus, Protsenko ha affermato che nello scenario “asiatico” la situazione si placherà rapidamente, mentre nello scenario “italiano”, al contrario, non farebbe che peggiorare, almeno fino a settembre.

LEGGI ANCHE: Mascherina e tuta protettiva: Putin visita i malati di coronavirus 

Il medico ha suggerito che in uno scenario ottimistico, la situazione in Russia potrebbe stabilizzarsi in aprile o maggio, ma ha consigliato di essere preparati per lo scenario peggiore, senza indicare i tempi del picco dell’epidemia in questo caso.

Perché ci sono meno infezioni in Russia rispetto ad altri Paesi?

In Russia, il numero di infetti continua a crescere, ma rispetto ad altri Paesi, la malattia si diffonde ancora piuttosto lentamente.

Al 30 marzo, 1.836 persone sono state diagnosticate positive al coronavirus in Russia, con una crescita di 302 casi solo nelle ultime ventiquattr’ore. Questo è un dato significativamente inferiore rispetto a molti altri Paesi. Ad esempio, negli Stati Uniti, che ora hanno il maggior numero di casi, ci sono più di 143 mila casi confermati di infezione, in Italia 97 mila, in Spagna 80 mila e in Iran 38 mila. Anche il numero delle vittime resta significativamente più basso: 10, al momento, contro i 10.779 dell’Italia, che è in testa alla triste classifica delle vittime.

LEGGI ANCHE: Cosa ne pensano i medici russi del coronavirus? 

Non si sa esattamente perché in Russia il virus si diffonda più lentamente. Ma ci sono diverse teorie.

“Innanzitutto, abbiamo molti meno turisti che in Italia. E molte meno persone viaggiano all’estero. Il Paese è più vasto, con una densità di popolazione nettamente inferiore [8,4 contro 206 abitanti per chilometro quadrato, ndr]. Tutti questi fattori hanno il loro peso”, ha dichiarato Vladimir Colin, amministratore delegato della compagnia “DNA Technologies”, che ha sviluppato il test per il coronavirus.

E poi potrebbero aver pesato le misure adottate dalle autorità russe per ridurre la diffusione del virus. Il 31 gennaio la Russia ha interrotto i collegamenti ferroviari con la Cina, dopo aver completamente chiuso la frontiera terrestre con il Paese asiatico, e il 18 febbraio ai cittadini cinesi è stato totalmente vietato l’ingresso in Russia con ogni mezzo. Le misure più recenti includono l’introduzione di un regime di autoisolamento domestico per tutti i residenti di Mosca dal 30 marzo, sul modello italiano, con divieto di uscire in strada; l’annuncio da parte del presidente di una settimana non lavorativa retribuita dal 28 marzo al 5 aprile, e la chiusura quasi completa dei voli internazionali dal 27 marzo.

Allo stesso tempo, alcuni esperti suggeriscono che il numero di pazienti con coronavirus in Russia possa essere molto più grande del numero ufficialmente confermato.

“Le persone possono essere asintomatiche. Una persona potrebbe non avere sintomi, ma diffondere il virus. Tali casi asintomatici possono essere rilevati solo mediante una successiva analisi sierologica per rilevare la presenza di anticorpi. Ma nulla può essere fatto nella fase della profilassi; non possono essere rilevati”, ha detto lo specialista in malattie infettive Valentin Kovalev.

Tuttavia, non ci sono ancora prove di questa teoria.

La Russia è pronta al picco dell’epidemia?

Le opinioni differiscono sulla capacità del sistema sanitario russo di reggere a un picco consistente dell’epidemia.

C’è chi ritiene che potrebbe andare incontro a gravi difficoltà se il numero di pazienti iniziasse ad aumentare rapidamente.

“Il motivo principale è il sottofinanziamento delle strutture mediche, che hanno subito molti tagli, il che comporta carenza di personale, problemi con le attrezzature e così via”, ha affermato Andrej Konoval, copresidente del sindacato interregionale degli operatori sanitari “Dejstvie”/“Action”.

Secondo l’esperto, diversi anni fa, la Russia ha ridotto il numero dei reparti di malattie infettive e di letti in quelli rimasti aperti, al fine di risparmiare denaro. Di conseguenza, “sarà difficile trovare posti aggiuntivi negli ospedali se il numero di pazienti con il coronavirus aumentasse velocemente”, ha detto Konoval.

Ma c’è chi crede che la Russia sia meglio preparata per il picco dell’epidemia rispetto ad altri Paesi.

“Non ci stiamo aspettando lo scenario dell’Italia, e per un’epidemia standard abbiamo abbastanza attrezzature e tutto il resto. In generale, siamo messi bene anche quanto a dispositivi di ventilazione polmonare. Qualche anno fa, c’era stata un’ondata di panico dovuta alla mancanza di questi respiratori, dopo di che sono stati fatti ordini importanti, e ora ce ne sono molti. E i principali ospedali sono ancora più ben forniti”, ha affermato Larisa Popovich, direttrice dell’Institute for Health Economics presso la Higher School of Economics di Mosca.

Secondo l’esperta, il rischio maggiore per il sistema sanitario russo è ora portato da chi non riconosce la gravità della malattia e della situazione. “Parte della popolazione crede che la sua libertà personale sia più importante della responsabilità nei confronti della società. Questa è la categoria più pericolosa come possibile vettore”, ha detto Popovich.


Come funziona il sistema tecnologico russo per individuare i possibili contagiati da Coronavirus? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie