I verbi di moto nella lingua russa: come usarli (senza impazzire)

Irina Baranova
In italiano si dice semplicemente “andare”. In russo, invece, esistono diverse opzioni di verbo, a seconda della direzione, della frequenza dell’azione e del mezzo di trasporto utilizzato. Proviamo a chiarire alcuni punti di uno degli argomenti di grammatica più ostici che ogni studente di russo si ritrova ad affrontare

Che grattacapo, i verbi di moto! Chi studia la lingua russa sa che tra gli argomenti più tosti c’è quello dei глаголы движения (verbi di moto, per l’appunto) che esprimono movimento e spostamento… e seguono regole del tutto particolari.

Se anche voi almeno una volta avete scosso la testa sui libri, sconsolati, pensando “ma chi me lo ha fatto fare?”... state tranquilli: è normale! Si tratta infatti di un argomento complesso e con tante eccezioni, che mette in crisi molti stranieri, soprattutto chi parla una lingua latina. 

E allora, fate il pieno di pazienza! Come vi abbiamo raccontato qui, la lingua russa in alcuni casi non è così difficile come sembra: bisogna solo armarsi di tanta di buona volontà… e fare pratica! Qui, ad esempio, vi abbiamo presentato alcuni canali YouTube utili per studiare. 

Ma torniamo ai verbi di moto...

La particolarità dei verbi di moto: verbi semplici e con prefisso

I verbi di moto in russo si suddividono in verbi di moto semplici (senza prefisso) e con prefisso; i verbi di moto semplici sono imperfettivi e si presentano in coppia, ad esempio идти/ходить (andare a piedi), e, pur indicando lo stesso movimento, ne specificano in modo diverso la direzione (determinata e univoca per i verbi del 1° gruppo, come идти; indeterminata e varia per il verbo corrispondente, detto anche del 2° gruppo, come ходить).

In questo pezzo, ci soffermeremo solo sui verbi di moto semplici, quindi senza prefisso. I verbi di moto semplici comprendono 14 coppie di verbi, ciascuna delle quali è costituita da due verbi di uguale significato, uno detto “unidirezionale” e l’altro detto “pluridirezionale”.

Le cinque coppie più comuni di verbi di moto semplici sono: 

ИДТИ-ХОДИТЬ (andare, a piedi)

ЕХАТЬ-ЕЗДИТЬ (andare, con un mezzo)

БЕЖАТЬ-БЕГАТЬ (correre)

ЛЕТЕТЬ-ЛЕТАТЬ (volare)

ПЛЫТЬ-ПЛАВАТЬ (nuotare)

(Unidirezionale-Pluridirezionale)

L’importanza della direzione

Proviamo a focalizzarci su una di queste coppie, per capire in quale contesto si utilizza la forma unidirezionale e quando, invece, quella pluridirezionale. 

Volendo sintetizzare, nel caso di ИДТИ-ХОДИТЬ (andare, a piedi), dovrò utilizzare la forma ИДТИ nel caso in cui il moto vada in una sola direzione, verso una meta precisa e concreta, e ХОДИТЬ nel caso in cui il moto sia abituale o ripetuto, con un’andata e un ritorno, oppure si svolga in più direzioni o senza una meta precisa.

Я иду в магазин - Vado al negozio (si tratta di un movimento concreto verso una meta ben definita)

Я хожу в тренажерный зал два раза в неделю - Vado in palestra due volte alla settimana (si tratta di un moto che avviene in modo abituale, ripetuto, con un’andata e un ritorno).

Я иду по парку – Sto camminando nel parco (nel senso che sto attraversando il parco, in una determinata direzione) 

Я хожу по парку – Sto camminando per il parco (nel senso di “passeggiare”, camminare in diverse direzioni senza una meta precisa).

Quindi è importante capire in quale situazione si utilizza l’una o l’altra opzione.

A livello generale, i verbi di moto semplici (senza prefisso) coniugati al passato seguono le stesse regole del presente, quindi anche in questo caso bisogna tenere in considerazione la frequenza e la direzione dell’azione, per esempio:

Когда шел в магазин, я встретил друга – Andando al negozio, ho incontrato un amico (l’azione è avvenuta una sola volta, in un momento preciso)

Когда я был студентом, я ходил в тренажерный зал – Quando ero studente andavo in palestra (l’azione di andare in palestra si svolgeva in forma ripetuta e regolare)

Когда я вчера шел по парку, мне позвонила бывшая – La mia ex fidanzata mi ha chiamato ieri quando stavo attraversando il parco (l’azione di “andare/camminare” è avvenuta in una direzione precisa)

Потом я ходил по парку два часа и с ней разговаривал – Successivamente ho camminato due ore nel parco parlando con lei (l’azione di “andare/camminare” si è svolta senza una direzione precisa).

A piedi o con un mezzo di trasporto? La differenza conta!

In russo esistono più modi per indicare il verbo “andare”: 

ИДТИ-ХОДИТЬ, si utilizza quando il movimento si svolge a piedi; ad esempio, se vi trovate in una città piccola e state andando a visitare un museo che si trova in una strada vicina, direte: 

Я иду в музей – Sto andando al museo (sottinteso: a piedi)

ЕХАТЬ-ЕЗДИТЬ, si utilizza quando il movimento avviene con un mezzo di trasporto, ad esempio in auto o in bicicletta. Se state andando al museo e il tragitto prevede l’utilizzo dei mezzi di trasporto, direte: 

Я еду в музей – Sto andando al museo (sottinteso: con un mezzo di trasporto)

È interessante notare che il verbo ИДТИ-ХОДИТЬ (andare, a piedi) si utilizza spesso anche con il significato di “visitare”, ad esempio “visitare un museo”: 

Завтра у меня много дел: я иду на работу, а потом в музей - Domani ho molto da fare. Vado al lavoro e poi al museo.

Ovviamente in questo caso gli spostamenti di chi parla possono avvenire con diversi mezzi di trasporto, probabilmente anche in autobus o taxi, ma l’accento viene posto sul significato di “visitare un luogo”, motivo per cui si utilizza ИДТИ-ХОДИТЬ. Ciò vale solo se l’azione si svolge in uno stesso luogo, ad esempio nella stessa città. Infatti se vi trovate a Mosca e dite "Я иду в Петербург" significa che ci andrete letteralmente a piedi! Quindi, in questo caso, dovrete usare la coppia di verbi ЕХАТЬ-ЕЗДИТЬ e dire "Я еду в Петербург" (sottinteso: in auto o in treno). 

Una dovuta precisazione 

Purtroppo, come accennato sopra, ogni regola è seguita da mille eccezioni, e pretendere di riassumere in maniera precisa e approfondita un argomento così vasto e complesso in un semplice articolo di giornale è un proposito tanto ambizioso quanto assurdo, proprio perché limitato. Bisognerebbe aprire decine di parentesi, enumerare incalcolabili irregolarità e casi in cui la regola generale… semplicemente non vale!

L’intenzione di questo nostro umile articolo, dal contenuto sicuramente parziale, è ben lontana dalla pretesa di proporre una grammatica in pillole soddisfacente: speriamo semplicemente di alimentare l’interesse e la curiosità di quei lettori che si sono già avvicinati alla lingua russa, spronandoli verso uno studio più approfondito. 

Un ringraziamento speciale va a Maria Kireeva, linguista e tutor di lingua presso la Scuola Superiore di Economia di Mosca, che ha pazientemente collaborato alla stesura di questo articolo; manuali consultati: “Verbi russi” (P. Gallana, ed. A. Vallardi), “Grammatica russa facile” (A. Ganchikov, ed. A. Vallardi).

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie