Dieci set di film russi che sono diventati parchi a tema interessanti da visitare

Evgenij Mitroshin/Getty Images
Siete appassionati di cinema? Volete semplicemente un fondale perfetto per delle grandi foto con alle spalle una città medievale o un romantico faro? In un caso e nell’altro non perdetevi queste location

1 / Piligrim Porto

Visitando il parco cinematografico “Piligrim Porto”, nella Regione di Mosca, circa 35 chilometri a nordovest dal centro della capitale, vi ritroverete in un’antica città europea. Questo luogo, raffigurante l’Inghilterra del XVIII secolo, è stato costruito come set per il telefilm del 2011 “Zapiski ekspeditora Tajnoj kantseljarii”/“The Secret Service Agent’s Memories” del regista Oleg Rjaskov. Oltre alle vecchie case e strade, c’è una piazza per le esecuzioni pubbliche, una prigione, e un’enorme nave pirata! Sebbene tutto sia fatto di cartongesso, è molto realistico.

Sito web

2 / Studi di produzione cinematografica “Mosfilm”

I set cinematografici del colosso cinematografico Mosfilm, la Hollywood russa, si trovano a sudovest di Mosca, non lontano dal centro della città. Qui potete trovare le case della vecchia Mosca e San Pietroburgo usate nel film “Anna Karenina. Istorija Vronskogo”/“Anna Karenina: Vronsky’s Story” (2017) e “Belyj tigr”/“White Tiger” (2012) del regista Karen Shakhnazarov, o nella serie tv “Doktor Zhivago” di Aleksandr Proshkin (2005), e in un’infinità di altre pellicole sovietiche e russe. 

Tuttavia, è possibile visitare questa Mecca di ogni cinefilo solo con un tour prenotato sul sito web di Mosfilm (da fissare entro il 10 di ogni mese per il mese successivo).

Sito web

3 / Tenuta di Gorki Leninskie

Questa antica tenuta nobiliare chiamata letteralmente “Colline di Lenin” è stata l’ultimo rifugio del leader bolscevico Lenin, ormai malato. Sul territorio del parco ci sono i set in cui sono stati girati il film storico sull’antica Rus’ “Legenda o Kolovrate”/“Furious”(2017) e la serie tv in 16 puntate “Okhota na djavola” (ossia: “Caccia al diavolo”) un thriller nel genere della storia alternativa (ucronia) del 2017. I set cinematografici vi porteranno in città russe di epoche diverse, dal XII al XX secolo.

Sito web

4 / Saraj Batu

Nella regione di Astrakhan, 1.300 chilometri a sud di Mosca, c’è una città medievale artificiale chiamata “Saraj Batu”, costruita per il film del regista Andrej Proshkin “Orda”/“The horde” del 2012. I turisti possono rivivere la vita degli antichi nomadi, provare a tirare con una balestra, sbirciare in una camera di tortura e anche cavalcare un cammello (!). Nel XIII-XIV secolo, non lontano da questo luogo, esisteva una vera e propria città con questo nome, che era la capitale dell’Orda d’Oro. Il luogo degli scavi archeologici è ora un museo.

Sito web

5 / Rabocheostrovsk

Rabocheostrovsk è un piccolo villaggio della Carelia sulle rive del Mar Bianco, punto di sosta sulla strada per l’arcipelago delle Solovetskie. La vista più famosa del villaggio, una vecchia capanna e un ponte, è in realtà il set cinematografico del film “L’isola” (titolo originale: “Ostrov”) di Pavel Lungin (2006). Una baracca abbandonata è stata trasformata in una chiesa e accanto ad essa è stata collocata una vecchia chiatta di legno (molto probabilmente lasciata dai prigionieri del campo “Slon”). Di conseguenza, lo scenario del film è diventato parte di Rabocheostrovsk.

6 / Villaggio cinematografico per il film “Poslednij bogatyr

Questa città fiabesca per il film della Disney su un supereroe del folklore russo è stata costruita nel nord della Regione di Mosca per la pellicola del 2017 “Poslednij bogatyr” (noto all’estero con i titoli in inglese “The Last Knight” e “The Last Warrior”). Qui si possono trovare graziose case di legno con torri luminose e terem. Le finestre hanno decorazioni in stile antico e all’interno di una delle case si può persino vedere un’autentica stufa russa.

7 / Set di un film ambientato a Sudak

Un gran numero di film sovietici e contemporanei sono stati girati in Crimea e vari set si sono conservati in diverse parti della penisola. Il set cinematografico vicino a Sudak fu costruito nel 2004 per il film “Zhivaja Ryba” (ossia: “Pesce vivo”). La pellicola non fu mai portata a termine, ma il set finì per diventare un luogo di pellegrinaggio per molti turisti. Il film era ambientato nella città di Akhtaman, ispirata agli insediamenti marocchini e turchi. Oggi questo posto sembra un’antica città dell’Asia centrale distrutta dal tempo.

8 / Set del film “Viking”

Questo parco a tema tra Sinferopoli e Alushta, in Crimea, è stato l’ambientazione del film “Viking” del regista Andrej Kravchuk (2016). Il parco presenta una città scandinava medievale realistica con una piazza del mercato, un mulino ad acqua, una bottega del fabbro e una locanda. Oggi questo posto è molto popolare tra la gente del posto e tra i turisti con bambini.

Sito web

9 / Set cinematografivo vicino a Kazan

Il romanzo di grande successo “Zuleika apre gli occhi” (2015) di Guzel Jakhina, che ha vinto anche il Premio letterario Giuseppe Tomasi di Lampedusa, è stato adattato nel 2020 nell’omonima serie tv in 8 puntate. La trama si svolge nel villaggio siberiano di Semruk negli anni Trenta. Il set però è stato costruito vicino a Kazan. Comprende la casa del comandante, la caserma, una mensa e un locale sulle rive del fiume Kama.

10 / Faro nella regione di Rostov sul Don

Nel 2017, il set della serie tv “Smotritel Majakà” (ossia: “Il guardiano del faro”) è apparso nel villaggio di Merzhanovo. Questo villaggio appositamente costruito è composto da diverse case di legno e dall’alta torre del faro. La troupe ha deciso di lasciare il set per i turisti e ora il luogo vanta un cinema drive-in, una passerella panoramica, un caffè e un’altalena unica con una vista straordinaria sul Golfo di Taganrog del Mar d’Azov. A proposito, è considerato uno dei luoghi più instagrammabili della Russia!


LEGGI ANCHE: Sette location in Russia dove sono stati girati film stranieri 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie