I dieci posti più belli della Carelia

Getty Images
Questa piccola repubblica nel nord della Russia è famosa per i suoi laghi blu, per le cave di marmo e le sperdute isole sulle quali svettano antichi edifici in legno

1 / Petrozavodsk

La scultura
La via principale di Petrozavodsk, intitolata a Lenin

Con i suoi 300.000 abitanti, Petrozavodsk è una delle città più grandi della Repubblica di Carelia. È famosa per il suggestivo lungolago, dove si alternano varie installazioni di artisti contemporanei provenienti da ogni parte del mondo. I tramonti, qui, sono semplicemente incredibili! Gli appassionati di architettura si innamoreranno delle vecchie case in legno che caratterizzano il centro della città: un vero e proprio museo a cielo aperto! 

2 / Parco montano di Ruskeala

I canyon di marmo del parco di Ruskeala

Queste vecchie cave di marmo abbandonate sono state trasformate in un parco; qui, già dal XVIII secolo, si estraeva il marmo, utilizzato per decorare la Cattedrale di Sant'Isacco e il Castello di San Michele a San Pietroburgo, oltre alle stazioni della metropolitana di Primorskaya e Ladozhskaya. L'attrazione principale del parco è un grande canyon dall’acqua blu. È inoltre possibile visitare dei tunnel sotterranei. 

3 / Cascata di Kivach

La cascata di Kivach

Qualsiasi tour della Carelia vi suggerirà una visita alla Cascata di Kivach, che in finlandese significa “potente”, “impetuoso”: proprio come le acque che cadono a strapiombo sul fiume Suna. Con i suoi 10,7 metri, Kivach è la seconda cascata di pianura più grande d’Europa, dopo quelle del Reno in Svizzera.

4 / Vulcano spento Girvas

Il vulcano spento Girvas

Il Girvas è diverso dai vulcani ai quali siamo abituati: sembra infatti una foresta rocciosa, “tagliata” da numerosi laghi e bacini d’acqua. Secondo gli scienziati, si tratta di un paleovulcano, spentosi più di 2 miliardi di anni fa. È infatti uno dei più antichi del Pianeta.

5 / Kizhi

L’isola di Kizhi

Il lago Onega, in Carelia, conta più di 1.300 isole; e ce n’è una in particolare che merita una visita: l’isola di Kizhi, caratterizzata da un’insieme di chiese, cappelle e case in legno, dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità. 

Questi antichi edifici sono stati trasferiti qui, e poi restaurati, da vari villaggi abbandonati del nord della Russia. Il cuore del complesso si chiama Pogost Kizhi: la Chiesa della Trasfigurazione, alta 37 metri e coronata da 22 cupole, è stata costruita senza ricorrere all’uso di un solo chiodo. 

La Chiesa della Trasfigurazione, costruita nel 1714 sull'isola di Kizhi

L’altra chiesa di Kizhi, la Chiesa dell’Intercessione, è leggermente più piccola e più modesta. Il tocco finale al complesso architettonico è costituito dal campanile, risalente al XIX secolo.

6 / Monastero di Valaam

La baia dove si trova il Monastero di Valaam
Il Monastero di Valaam

Uno dei più antichi e famosi monasteri della Russia si trova sul lago Ladoga, nella parte occidentale della Carelia. Il Monastero della Trasfigurazione del Salvatore è stato fondato nell’XI-XII secolo nel remoto arcipelago di Valaam, costituito da 50 isole. Alcune di esse sono talmente vicine fra loro che visivamente sembrano un unico pezzo di terra, mentre le altre sono più lontane e per questo raggiungibili solo in barca. Su molte di queste isole sono state costruite anche delle abitazioni isolate riservate ai monaci. 

Ogni anno qui accorrono turisti e pellegrini, attratti non solo dalla storia religiosa del monastero, ma anche dai panorami straordinari delle isole, dove è possibile fare interessanti escursioni nella natura.  

7 / Parco nazionale Ladoga Skerries

Uno dei parchi nazionali più belli della Russia è costituito da centinaia di isole, baie e canali nascosti tra le fitte foreste della Carelia. È una delle destinazioni più popolari per la pesca e il kayak, frequentata sia dai turisti sia dalla la gente del posto. Qui, con un po’ di fortuna, si possono vedere anche le foche. 

8 / Incisioni rupestri del Mar Bianco 

Queste incisioni sulle rocce, dette anche petroglifi, sono state realizzate da persone che vivevano in questi luoghi la bellezza di 5.000-7.000 anni fa! E sono considerate, non a torto, uno dei misteri più curiosi della Carelia. Si trovano infatti in varie parti della regione, soprattutto vicino alla città di Belomorsk, nel nord della repubblica. Qui se ne contano più di 2.000, e se ne scoprono sempre di nuove! Rappresentano scene di vita quotidiana, dalla pesca ai momenti in famiglia, e ci sono addirittura dei disegni che sembrano raffigurare... persone sugli sci! 

9 / Rabocheostrovsk 

Uno scorcio del villaggio di Rabocheostrovsk

Negli anni '20, questo vecchio villaggio della Carelia, situato sulle rive del Mar Bianco, ospitava una prigione di transito per i detenuti del campo di Solovki. Oggi di quei vecchi edifici restano solo le fondamenta e un vecchio molo in rovina, e questo luogo serve come punto di partenza per le gite dei turisti alle Solovki.

10 / Villaggio di Kinerma

Casette in legno nel villaggio di Kinerma

Questo piccolo villaggio, composto da una popolazione di appena sei persone, fa parte dell'Associazione dei Villaggi più belli della Russia ed è considerato una delle principali attrazioni della Carelia. Kinerma ha conservato l'aspetto storico di un antico villaggio, con vere e proprie case in legno risalenti al XVII-XVIII secolo. Gli abitanti del luogo hanno allestito una mostra per i turisti che racconta la vita quotidiana nel villaggio. E, naturalmente, a tutti i visitatori vengono offerti deliziosi pasticcini locali, chiamati kalitki.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie