Sei cocktail dal gusto russo che potete facilmente preparare anche a casa

Alcuni sono legati alla Russia solo dal nome, ma in ogni caso bevendoli vi sentirete subito sulla Piazza Rossa

Cocktail classici: “Kvasja”, “White Russian”, “Bloody Mary”

(dal Rock’n’Roll Bar&Cafe di Mosca)

1 / Kvasja

La bevanda russa più antica è il kvas, la più famosa è la vodka. Mescolatele insieme, aggiungete il sapore della cannella e avrete il “kvasja”. Non a caso il verbo “kvasit” (“fermentare”) a livello gergale significa “bere”; “fare baldoria”. Anche se, in tutta onestà, notiamo che nel cocktail kvasja c’è più kvas che vodka.

Ingredienti per una porzione:

  • Kvas – 35 ml
  • Vodka – 10 ml
  • Sciroppo di cannella – 5 ml

Preparazione:

All’estero il kvas può essere acquistato in un negozio russo, vodka e sciroppo di cannella dovreste trovarli più facilmente. Per preparare il cocktail, dovete versare tutti gli ingredienti nelle proporzioni indicate in un bicchiere. Tutto qui!

2 / White Russian

Questo cocktail prende il nome dalle guardie bianche che fuggirono all’estero dopo la sconfitta nella Guerra civile del 1918-22. Nei Paesi di lingua inglese venivano chiamati “White Russians” (“russi bianchi”). Per un po’, il “White Russian” è stato considerato una bevanda da donne, ma tutto è cambiato alla fine degli anni Novanta, con l’uscita del film “Il grande Lebowski” dei fratelli Coen, dove questo cocktail era la bevanda preferita del protagonista. Dopo il successo della pellicola è diventato possibile ordinarlo in quasi tutti i bar del mondo. A proposito, in seguito il cocktail ha avuto ulteriore fama nel film “Catwoman” (2004), dove il personaggio principale lo ordina al bar, riducendo però bizzarramente l’elenco dei suoi ingredienti. Non importa se si tratta di un cocktail per uomini o donne: è facile farlo da soli.

Ingredienti:

  • Ghiaccio
  • Vodka
  • Liquore al caffè
  • Panna

Preparazione:

In un bicchiere dovete mettere il ghiaccio, versare tutti gli ingredienti in proporzioni uguali, quindi mescolare con un cucchiaio. Fatto! Quanto ai dettagli: è meglio scegliere la panna fresca e, prima di aggiungerla al bicchiere, agitarla. Questo darà una consistenza più piacevole.

LEGGI ANCHE: Sette cose che in tutto il mondo definiscono “russe”, tranne che in Russia 

3 / Bloody Mary alla russa

Questo “longdrink” a base di vodka e succo di pomodoro non è stato inventato in Russia, ma condivideremo con voi la versione del “Bloody Mary”, che è più vicina all’anima russa: con l’aggiunta di un cetriolo.

Ingredienti per una porzione:

  • Ghiaccio
  • Vodka – 50 ml
  • Succo di limone – 10 ml
  • Cetriolo fresco – 10 g
  • Cetriolo sottaceto
  • Sale, pepe
  • Succo di pomodoro – 150 ml
  • Tabasco – 1 ml
  • Senape

Preparazione:

Per prima cosa bisogna tagliare un cetriolo fresco, metterlo in un bicchiere e pestarlo un po’ con un pestello da mortaio. Aggiungete vodka, succo di pomodoro e limone, sale e pepe a piacere, 2 dash di tabasco, la senape (un paio di grammi). Mescolate accuratamente tutti gli ingredienti, aggiungete il ghiaccio. Per la decorazione, usate il cetriolo sottaceto.

LEGGI ANCHE: Tre Bloody Mary speciali per “curare” i postumi della sbornia 

***

Cocktail neoclassici: Borsch, Krasnaja ploshshad, Ukhvat

4 / Cocktail “Borsch”

(dal ristorante “Kuznja” di San Pietroburgo)

Se aggiungete dello sciroppo di barbabietola al gin, potreste pensare che questo sia già il cocktail borsch. Ma non è così semplice!

Ingredienti per una porzione:

  • Gin – 40 ml
  • Purea di ribes nero – 20 ml
  • Sciroppo di barbabietola – 15 ml
  • Succo di limone – 15 ml
  • Albume d’uovo - 20 ml 

Preparazione:

Versate tutti gli ingredienti in uno shaker e mescolate inizialmente senza ghiaccio per creare una schiuma rigogliosa. Quindi aggiungete il ghiaccio allo shaker e mescolate di nuovo. Filtrate in un bicchiere e servite senza ghiaccio. Andrebbe servito in una coppa da champagne.

Purea di ribes nero: lavorate le bacche in un frullatore con zucchero, o meglio con sciroppo di zucchero, in un rapporto 3:1. Filtrate.

Sciroppo di barbabietola: a fuoco basso, fate evaporare il succo di barbabietola in modo da ridurlo di volume di 3 volte. Mescolare con lo zucchero in rapporto 1:1 con il succo evaporato e sciogliete completamente lo zucchero. Lasciate raffreddare

5 / “Krasnaja ploshshad” (“Piazza rossa”)

(dal gastrobar “Russkij Pab” di Mosca)

Questo è un cocktail di bacche con un topping di meringhe a forma di cupole della famosa Cattedrale di San Basilio sulla Piazza Rossa. ha un aspetto che colpisce.

Ingredienti:

  • Liquore di ossicocco (kljukva) –  50 ml
  • Purea di mirtilli rossi (brusnika) – 30 g
  • Mors di ossicocco – 30 ml
  • Succo di limone – 10 ml
  • Fruttosio – 15 ml
  • Albume d’uovo – 1
  • Zucchero – 20 g

Preparazione:

Per prima cosa dovete mescolare il liquore di ossicocco, la purea di mirtillo rosso, il mors di ossicocco, il succo di limone e il fruttosio in uno shaker o in qualsiasi altro contenitore ermeticamente chiuso. Agitate bene lo shaker per almeno 30 secondi. Sbattete l’albume con lo zucchero per 5-10 minuti. Con una sac à poche formate delle “cupole” di albume montato, e mettetele in forno a una temperatura di 120 ºC per 20-40 minuti, per ottenere delle meringhe. Versate il cocktail nel bicchiere e decoratelo con le meringhe a forma di cupole della Cattedrale di San Basilio.

6 / Cocktail “Ukhvat”*

(dal ristorante Uhvat di Mosca)

Un villaggio di campagna, la stufa che scoppietta e una mucca sono le calde associazioni che evoca questo cocktail dall’aroma del miele.

Ingredienti:

  • Vino liquoroso – 50 ml
  • Panna (33% grassi) – 50 ml
  • Miele di grano saraceno – 25 g
  • Tuorlo d’uovo – 1
  • Cacao in polvere – 10 g

Preparazione:

Mettete tutti gli ingredienti in uno shaker, agitate bene per almeno 30 secondi. Versate il cocktail in un bicchiere da champagne ghiacciato, cospargete con cacao in polvere o cioccolato grattugiato.

* Ukhvat è la forcella usata per mettere le pentole nella stufa russa

Cinque ristoranti di Mosca dove bere ottimi cocktail

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie