Guida fotografica ai dieci luoghi più belli di Kazan, la capitale del Tatarstan

Komsomolskaya Pravda/Global Look Press
Punto di incontro tra cristianità ortodossa e islam, questa è una delle città più belle della Russia, con il suo Cremlino bianco, le chiese, le moschee e tanti altri edifici di grande interesse architettonico

1 / Cremlino di Kazan

Dopo che Ivan il Terribile (1530-1584) ebbe conquistato il Khanato di Kazan nel 1552, convocò due architetti che avevano progettato sulla Piazza Rossa di Mosca la Cattedrale di San Basilio (edificata tra il 1555 e il 1561 proprio per celebrare quel successo militare), e ordinò loro di costruire una cittadella sulle rovine dell’ex, ben più antico, castello dei Khan di Kazan.

Oggi il magnifico Cremlino di Kazan è una delle principali attrazioni cittadine. Affacciato sui fiumi Volga e Kazanka, ospita la residenza ufficiale del presidente del Tatarstan.

Questo monumento storico è stato dichiarato patrimonio dell’umanità dall’Unesco nel 2000.

2 / Moschea Qol-Şärif

Questa moschea, simbolo della città, fu distrutta durante l’assedio di Kazan e non fu ricostruita fino al 2005, quando divenne la più grande moschea della Russia (primato poi superato dalla moschea “Il cuore della Cecenia”, nota anche come Moschea “Akhmad Kadyrov”, a Groznyj, in Cecenia). 

Sebbene sia situata all’interno del territorio del Cremlino di Kazan, va considerata come qualcosa di unico, per il suo aspetto sorprendente.

3 / Cattedrale dell’Annunciazione

Questo è un altro “figlio” della vittoria di Ivan il Terribile sul Khanato di Kazan. Dopo che il suo esercito ebbe conquistato la città, il primo zar iniziò la costruzione del Cremlino. Naturalmente, aveva bisogno di una cattedrale che fungesse da fortezza del cristianesimo nella regione musulmana appena conquistata e immediatamente ne fu realizzata una in legno, poi sostituita.

I costruttori della Cattedrale di San Basilio a Mosca hanno contribuito a progettare anche la Cattedrale dell’Annunciazione di Kazan (in russo: Blagovéshchenskij sobór) che divenne il centro del cristianesimo non solo per le terre tatare, ma anche molto lontano, fino in Siberia.

Oggi la cattedrale è una delle principali attrazioni della città. Curiosamente, i suoi colori sono in tono con quelli della Moschea Qol-Şärif, all’interno del Cremlino di Kazan.

4 / Università federale di Kazan

Questa è una delle università più antiche della Russia, fondata nel 1804 con un apposito decreto dell’imperatore Alessandro I. Da allora, l’ateneo si è esteso ad altri edifici che ha acquisito o costruito. L’ultimo ingrandimento è del 2003.

Tuttavia, la principale perla architettonica è, probabilmente, l’edificio principale dell’università, progettato dall’architetto Pjotr Pjatnitskij e costruito nel 1820.

L’università è stata l’alma mater di molti studiosi celebri per le loro rivoluzionarie ricerche in discipline come la geometria, la matematica, la chimica e la fisica. Tuttavia, i suoi ex alunni più noti sono Lenin, che studiò qui nel 1887, prima di essere espulso nello stesso anno per aver partecipato a delle proteste contro il governo zarista, e Tolstoj.

5 / Most Millenium

Questo insolito ponte (in russo: “most”) è stato costruito nel 2005 per commemorare il millenario della fondazione di Kazan. Al ponte fu dato il nome di “Millenium” per segnare l’anniversario.

Dopo il completamento, il ponte è divenuto il più grande di Kazan. Nel mezzo ha una gigantesca lettera “M”, che sta appunto per “Millennio”. È alta 45 metri e larga 64 metri. Ha un aspetto impressionante da qualsiasi punto lo si guardi.

LEGGI ANCHE: I dieci ponti più belli e impressionanti della Russia  

6 / Il palazzo degli agricoltori

Sebbene questo edificio sia piuttosto nuovo (è stato costruito nel 2010) è rapidamente diventato uno dei luoghi simbolo in una città piena di siti antichi e dove la competizione architettonica è accanita. Combinando in modo eclettico stili classici e imperiali, il palazzo richiama in qualche modo il Petit Palais di Parigi.

Nonostante il suo ricco aspetto esteriore, il Palazzo degli agricoltori (in russo: “Dvoréts Zemledéltsev”), caratterizzato da una facciata con un grande albero di bronzo, ha degli interni piuttosto modesti e funge da quartier generale del Ministero dell’Agricoltura del Tatarstan.

7 / Tempio di tutte le religioni

Questo è probabilmente il sito più insolito nella nostra lista degli edifici più belli di Kazan. Il Tempio di tutte le religioni (in russo: “Khram vsekh religij”), nonostante quello che suggerisce il nome, non è un edificio religioso, ma una edificio residenziale costruito da un artista locale, Ildar Khanov (1940-2013). Si trova fuori dal centro città, sul fiume Volga.

Il design dell’edificio, che spiega il suo nome peculiare, sembra una raccolta di diversi tipi di architettura religiosa, tra cui una chiesa ortodossa, una moschea e una sinagoga. Nonostante il suo status di edificio residenziale, il sito attira visitatori e ospita conferenze, nonché altri eventi socio-educativi.

8 / Torre Sjujumbike o Moschea del Khan

La torre Sjujumbike (o Söyembikä) è uno dei monumenti architettonici più riconoscibili di Kazan. È una delle torri del Cremlino, ma ciò che la rende così insolita è che è pendente, come la famosa Torre di Pisa. Finora l’inclinazione è stimata in 1,98 metri.

LEGGI ANCHE: Altro che Pisa! Ecco cinque torri pendenti in Russia 

Gli storici non hanno un’opinione univoca su quando esattamente sia stata costruita questa torre e alcuni credono che sia antica quanto il Khanato di Kazan (uno Stato turco tataro medievale che occupò il territorio dell’ex Bulgaria del Volga, tra il 1438 e il 1552), ma altri la datano addirittura al XVIII secolo. La leggenda locale narra che la reggente del Khanato di Kazan, la bella Sjujumbike, saltò giù dalla torre, eretta in suo onore, suicidandosi per protestare contro la conquista di Ivan il Terribile e per evitare di doverlo sposare.

9 / Museo nazionale della Repubblica del Tatarstan

Questo è uno dei più grandi musei storici e culturali di tutta la regione del Volga e anche il più antico museo del Tatarstan. L’edificio in cui ha sede è l’ex Gostinyi dvor, un termine storico russo che indica un mercato coperto. Oggi contiene una raccolta di monete, manoscritti e i primi libri stampati, nonché altri oggetti di valore della cultura tatara.

10 / Centro della famiglia “Kazan”

Questo singolare edificio è un palazzo dei matrimoni di recente costruzione, inaugurato solo nel 2013, sulla riva del fiume Kazanka. Sul tetto, c’è una terrazza panoramica a due piani da cui si apre una magnifica vista sui due fiumi della città e sul Cremlino, nonché sulle parti vecchia e nuova di Kazan.

Gli “Zilant”, creature leggendarie, qualcosa tra un drago e una viverna e simbolo di Kazan e i leopardi (simbolo del Tatarstan) con i loro cuccioli custodiscono simbolicamente i valori della famiglia. Oggi il Centro della famiglia “Kazan” (in russo: “Tsentr semì ‘Kazan’”) è uno dei posti migliori per scattare una foto panoramica della città.


La guida ai dieci luoghi più belli di Sochi, la perla russa sul Mar Nero 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie