Arrivano i voli low cost per San Pietroburgo: la novità dal 2020

Maksim Blinov/Sputnik
L’aeroporto Pulkovo ha ottenuto la licenza. Ryanair e EasyJet già pronte a entrare nel mercato

Il 2020 sarà l’anno dei voli low cost per San Pietroburgo. La capitale culturale della Russia ha infatti aperto le porte alle compagnie aeree di 30 paesi europei, fra cui Belgio, Danimarca, Irlanda, Italia, Islanda, Polonia e Portogallo. L’elenco è stato approvato a inizio gennaio dal ministero russo dei Trasporti e potrebbe essere ampliato ulteriormente.

Stando a quanto riporta la stampa russa, alcune compagnie low cost come Wizz Air, Ryanair, EasyJet, Volotea, AirBaltic e FlyOne hanno già dimostrato il proprio interesse. La città fondata da Pietro il Grande potrebbe quindi accogliere molto presto nuovi collegamenti aerei a prezzi stracciati. 

L’aeroporto Pulkovo ha ottenuto la cosiddetta “settima libertà”, l’accordo sui servizi aerei che consente a una compagnia aerea di volare fra due paesi terzi, senza toccare il proprio: un sistema utilizzato soprattutto dalle compagnie a basso costo. I primi voli low cost potrebbero decollare già in primavera.

La novità, volta a incentivare il turismo nella Venezia del Nord, va di pari passo con la recente introduzione del regime di visti elettronici gratuiti, validi anche per i cittadini italiani. E a proposito di visti elettronici, scoprite quali sono gli errori più frequenti da evitare per entrare in Russia senza problemi! 

Continua a leggere:

Tutto quello che c’è da sapere sui visti elettronici e gratuiti per la Russia

Sette cose da fare a San Pietroburgo in inverno

Viaggiare da Mosca a San Pietroburgo: ecco le opzioni migliori

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie