I dieci laghi più profondi della Russia

Kristina Makeeva/LegionMedia
Queste meraviglie della natura lasciano a bocca aperta non solo per le loro dimensioni, ma anche per la bellezza e la storia e le leggende che spesso li contraddistinguono

Bajkal 

Profonditàmassima: 1.642 metri 

Profonditàmedia: 744 metri

Questo lago non a caso è incluso nella Lista dei Patrimoni dell’umanità dell’Unesco (dal 1996): il Baikal, infatti, è record quasi in tutto. È il lago più profondo del pianeta, e allo stesso tempo è il bacino che contiene il maggior volume di acqua dolce. 

La superficie totale del lago è di 31.722 km² (più di Piemonte e Liguria messe assieme). La flora e la fauna del Bajkal sono uniche: qui si possono trovare molte specie di animali, crostacei e piante. 

Il Bajkal si trova nella Siberia orientale, al confine tra la Regione di Irkutsk e la Repubblica di Buriazia.

***

Mar Caspio 

Profonditàmassima: 1.025 metri 

Profonditàmedia: 208 metri (la parte settentrionale è poco profonda; tra i 4 e i 25 metri)

Nonostante il Caspio sia chiamato “Mare” è di fatto un lago, ed il più grande del Pianeta: 371.000 km²; più di Italia (che si ferma a 301.338 km²), Svizzera e Slovenia messe assieme; come 1.008 laghi di Garda uno accanto all’altro.

Il Caspio non ha neppure un solo emissario e non ha non ha alcun collegamento con gli oceani del mondo. Tuttavia, qui si gettano diversi fiumi: il Volga, l’Uràl, il Tèrek e altri. A causa di questo gran flusso di acqua dolce, l’acqua del Caspio non è così salata come nei mari, ma salmastra. Per fare un confronto: nel Mediterraneo la salinità media è compresa tra il 3,6 e il l 3,9%, mentre qui è del 1,2% al sud e praticamente nulla al nord, vicino al delta del Volga.

Il Caspio ha il maggior numero di storioni al mondo, tanto che il 90% della produzione mondiale di caviale nero avviene qui.

Si trova nel sud della Russia, e le sue coste bagnano anche Kazakistan, Iran, Turkmenistan e Azerbaigian.

*** 

Lago Khantajskoe

Profonditàmassima: 420 metri 

Profonditàmedia: 74 metri

Questo lago, relativamente piccolo per i parametri russi, con una superficie di “soli” 822 km² (2,2 volte il Garda), non è particolarmente conosciuto nemmeno in Russia. Si trova nella Siberia settentrionale, al confine sud della Penisola di Taimyr, nel Territorio di Krasnoyarsk. Un territorio oltre il Circolo Polare Artico, nella zona del permafrost. Per metà il Lago Khantajskoe si alimenta con le acque dello scioglimento della neve. Vi si riversano diversi fiumi. 

Il lago è collegato con lo Enisej, il fiume principale del Territorio di Krasnojarsk: un suo affluente esce proprio dal Lago Maloe (Piccolo) Khantajskoe, collegato da un braccio fluviale al Khantajskoe. La fauna qui non è ricca, e le proprietà dell’acqua non sono studiate molto bene a causa della difficile accessibilità. Si può arrivare solo in elicottero, e solo poche spedizioni, principalmente di idrogeologi che studiavano il bacino tettonico-glaciale in cui il lago si trova, sono arrivate fin qui.

*** 

Lago Koltsevoe

Profonditàmassima: 369 metri 

Profonditàmedia: non nota 

Questo lago, il cui nome significa “Circolare” si trova sulle isole Curili, precisamente sull’isola disabitata di Onekotan e quindi a livello amministrativo appartiene alla regione di Sakhalìn. È il cratere di un vulcano estinto, e per questo ha una forma rotonda così precisa, da cui prende il nome. A proposito, il cono del vulcano che forma un’isola appuntita all’interno del lago, il Picco Krenitsyn, rende il tutto ancora più pittoresco. 

Per la prima volta è stato possibile misurare la profondità del lago solo negli anni Duemila, nel corso di una grande spedizione alle Curili di vulcanologi e geologi.

*** 

Lago Teletskoe 

Profonditàmassima: 325 metri 

Profonditàmedia: 174 metri 

Ecco un altro lago della lista Unesco di Patrimoni dell’Umanità (dal 1998; all’interno del comprensorio delle “Montagne d’Oro dell’Altaj”). Il Lago Teletskoe, un piccolo Bajkal è considerato uno dei luoghi turistici più popolari della zona degli Altaj. Sul lago ci sono numerose isolette, baie, grotte e cascate, e le sue coste sono punteggiate da pittoresche conifere: cedro, abete, abete rosso, pino. 

La superficie del lago è di 223 km². Da esso nasce il fiume Bija, affluente di destra dell’Ob (che a sua volta sfocia nel Mare di Kara). Un enorme numero di fiumi sfocia nel lago, il più grande dei quali, il Chulyshmàn, fornisce la maggior parte dell’acqua del lago.

*** 

Lago Kuril 

Profonditàmassima: 316 metri 

Profonditàmedia: 195 metri

Questo lago circondato da alte pareti rocciose, nella lontana Kamchatka, si è formato nella caldera di uno dei numerosi vulcani della penisola. L’intera area è protetta ed è sotto la tutela dell’Unesco. Dal lago nasce il fiume Ozjòrnaja, che sfocia nel mare di Okhotsk.

Sulla riva del lago ci sono fonti di acqua termale calda. Qui è facile incontrare orsi bruni a pesca. A proposito, il lago Kuril è ricchissimo di salmone rosso, che qui va in fregola.

*** 

Lago Lama 

Profonditàmassima: 208 metri 

Profonditàmedia: non nota 

Questo lago di origine tettonica (cioè originato nell’antichità dallo spostamento delle placche tettoniche) si trova a 70 km dalla città di Norilsk, oltre il Circolo Polare Artico, in un luogo unico e difficilmente accessibile, l’Altopiano Putorana

La profondità del Lama non è completamente certa. Secondo l’enciclopedia “Acque della Russia”, e altre fonti raggiunge i 208 metri (e noi a questa misura ci atteniamo), ma secondo altri supererebbe i 300 metri, e in alcuni punti, probabilmente, i 600). Ma la trasparenza dell’acqua arriva fino solo  a 7 metri! E farsi una nuotata qui non è una grande idea. Anche a luglio, l’acqua non si riscalda oltre i 6-7 ºC.

*** 

Laghi Golubye  

Profonditàmassima: 279 metri

Profonditàmedia: non nota 

Come risultato del cedimento della roccia calcarea, cinque laghi “carsici” apparvero contemporaneamente. Il più pittoresco e più profondo di loro è il Lago Nizhnee Goluboe (Lago Blu inferiore). 

Questo interessante fenomeno naturale si trova nella repubblica russa della Cabardino-Balcaria, tra le montagne del Caucaso. Il Lago Blu inferiore nella lingua locale si chiama Tserik-Köl, che si traduce come “Lago marcio”. È così soprannominato a causa dello sgradevole odore di acido solfidrico, che si sprigiona dalle acque. La sostanza chimica conferisce al lago il suo colore blu-verdastro e non permette ai pesci di vivere in questo habitat. 

Le profondità del lago e tutte le grotte sottomarine non sono state completamente esplorate, e la sua storia è piena di leggende, che vogliono che siano annegati qui un drago sconfitto, l’esercito di Alessandro Magno e la cavalleria di Tamerlano.

*** 

Lago Ladoga 

Profonditàmassima: 230 metri 

Profonditàmedia: 51 metri

Secondo più grande lago della Russia per estensione dopo il Lago Bajkal (con una superficie di 17.870 km²; più dell’intero Lazio), il Ladoga si trova tra la Repubblica russa della Carelia e la Regione di Arcangelo. Dal lago nasce il fiume più famoso di San Pietroburgo, la Neva, passando per il quale le acque del Ladoga sfociano nel Golfo di Finlandia. 

Sul Lago Ladoga c’è il famoso arcipelago di Valaam, un luogo sacro, ricco di monasteri, eremi e chiese. Secondo la leggenda, questi luoghi furono benedetti da uno degli apostoli di Gesù Cristo, Andrea. 

Nel XX secolo, il Ladoga divenne la “strada della vita”: le acque ghiacciate permisero di evacuare parte degli abitanti durante il lungo assedio nazista di Leningrado.

*** 

Nojon-Khol 

Profonditàmassima: 225 metri 

Profonditàmedia: non nota 

Il Nojon-Khol è un lago di origine glaciale e uno dei numerosi laghi del bacino di Todzha, una depressione tra le creste dei Monti Sajany. 

Il lago si trova nella Repubblica di Tuvà, la terra degli sciamani e della tundra. I tuvani chiamavano i principi “nojon”, quindi il nome del bacino si traduce come “Lago Principe”. 

Tra gli autoctoni fiorisce la leggenda di un locale “mostro di Loch Ness”; una specie di balena nera, che lascia orme sulla riva.Non capiamo come ciò sia possibile, ma una leggenda è una leggenda.

 

Carelia: 60 mila laghi da fotografare, tra natura meravigliosa e architettura in legno 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie