Cinque città russe sottovalutate che dovreste visitare

Legion Media
Perché invece di stare sempre in fila nella folla di turisti del centro di Mosca, non andate, da veri viaggiatori, alla scoperta di queste gemme storiche e architettoniche?

1. Vorònezh

Perché è sottovalutata?

Fino a poco tempo fa, Voronezh (poco più di un milione di abitanti) era solo il capoluogo di una  regione agricola della Russia. Situata a circa 500 chilometri a sudovest di Mosca, non fa parte del cosiddetto “Anello d’Oro”, ma si è recentemente trasformata in un centro vivace, con il suo prodotto interno lordo regionale in vertiginosa ascesa, dai 301 miliardi di rubli del 2009 ai 950 miliardi del 2017. Nel 2011 Voronezh ha festeggiato il suo 425° compleanno e la città è stata resa più piacevole per i turisti dai lavori svolti per celebrare l’anniversario.

Cose da fare e da vedere

1) La prima grande nave della Marina russa

La prima grande nave della Marina russa, la “Goto predestinatsija” (nome un po’ maccheronico che unisce tedesco e latino, e che voleva significare “Preveggenza di Dio”), è una corazzata di quarto rango (secondo la classificazione della Royal Navy), dotata di 58 cannoni. Fu costruita nei cantieri navali di Voronezh nel 1700. La nave originale fu venduta ai Turchi nel 1712, ma una copia fedelissima è stata recentemente ricostruita a Voronezh, usando i progetti originali, e ora è un museo galleggiante

2) Il più grande lago artificiale cittadino d’Europa

Nel 1972, il fiume Voronezh fu arginato per creare un lago artificiale all’interno dei confini della città. Copre un’area di 59,9 km quadrati ed è noto come “il Mare di Voronezh”. Potete ammirare il più grande bacino idrico d’Europa durante una passeggiata lungo la diga.

3) Le affascinanti colonne di gesso di Divnogorje

L’Altopiano di Divnogorje (la cui etimologia significa “montagne meravigliose”) si trova 140 km a sud di Voronezh. È una delle zone più pittoresche della Russia centrale ed è visitata da circa 60 mila turisti all’anno. Non perdete l’opportunità di vedere le chiese uniche costruite scavando la pietra calcarea locale.

Come arrivare a Voronezh

Da Mosca un biglietto del treno parte da 1.500 rubli (20,60 euro) in platskart (terza classe) e ci sono posti a sedere da 625 rubli (8,60 euro). A seconda del convoglio vi ci vorranno dalle 6 alle 13 ore, quindi è meglio prendervi due giorni di vacanza. Oppure potete volare lì in un’ora e dieci minuti a partire da circa 4.000 rubli, solo andata (55 euro).

***

2. Kostromà

Perché è sottovalutata?

Sebbene Kostroma (277 mila abitanti) sia stata fondata nel 1152 dal principe Jurij Dolgorukij (lo stesso che presumibilmente fondò Mosca), cadde in declino fino al XVII secolo, quando divenne famosa per i suoi mastri e i suoi artigiani. Di tutte le città dell’Anello d’Oro, è la più lontana da Mosca (340 chilometri), quindi passa spesso inosservata.

Cose da fare e da vedere

1) Gli edifici storici unici del centro cittadino

Si dice che Kostroma sia il luogo di nascita di Snegurochka (la Signorina Neve, l’aiutante del Babbo Natale russo), ma in estate avrete altre attrazioni. Kostroma è una delle città russe che meglio ha conservato il nucleo architettonico del XVIII secolo, e la sua struttura e gli edifici non sono cambiati molto da allora. Qui potrete vedere gallerie commerciali originali del XVIII secolo, edifici doganali originali, molte, molte chiese e altro ancora. È un bel posto per capire come vivevano i russi alcuni secoli fa.

2) Il Monastero Ipatiev

La leggenda vuole che il Monastero della Santa Trinità Ipatiev sia stato fondato all’inizio del XIV secolo da un nobile tataro che si era convertito al cristianesimo. Fu in questo monastero che il primo Romanov, lo zar Michele I, fu proclamato nuovo sovrano russo nel 1613, elezione al trono che pose fine al Periodo dei torbidi. Quindi, questo chiostro è una parte importante della storia della Russia. C’è anche un raro museo di architettura lignea all’interno del territorio del monastero.

Come arrivare a Kostroma

Il treno notturno Mosca-Kostroma parte dalla stazione Jaroslavskij della capitale. Ci mette circa 6 ore e in platskart costa circa 1.300 rubli (17,90 euro). Durante il giorno ci sono anche posti a sedere per 700 rubli (9,60 euro). È più veloce arrivare a Kostroma in auto: prendete l’autostrada M8 attraverso Korolev, Pereslavl-Zalesski, Rostov e Jaroslavl, quindi svoltate sulla A113 in direzione di Kostroma.

***

3. Sùzdal

Perché è sottovalutata?

Sebbene sia probabilmente il fulcro dell’Anello d’Oro, Suzdal (9.600 abitanti) non può essere raggiunta in treno direttamente da Mosca (da cui dista 220 chilometri), il che spesso spinge i turisti a non andarci. Ma per questo motivo, Suzdal è probabilmente la meno affollata di tutte le città menzionate in questo articolo, e se state cercando la Russia serena e assonnata, questo è il posto che fa per voi.

Cose da fare e da vedere

1) Il complesso architettonico medievale

Suzdal è così antica che gli storici russi non conoscono la data esatta in cui è stata fondata. Ma sicuramente esisteva prima del 1000 d.C. Durante il XII-XIII secolo, questa città fu la capitale di tre ducati (Rostov-Suzdal, Vladimir-Suzdal e Suzdal). Questo è il motivo per cui ci sono così tante chiese, cattedrali ed edifici storici perfettamente conservati: in totale ci sono oltre 200 monumenti architettonici, e i più vecchi risalgono al XIII secolo. Inoltre, Suzdal non è stata toccata dalla Seconda guerra mondiale e solo 15 chiese sono state demolite durante il periodo sovietico, quindi rimane congelata nel tempo ed è ancora meglio conservata di Kostroma. Inoltre, Suzdal non ha case moderne sviluppate in altezza: nessun edificio qui supera i tre piani.

2) Le delizie locali

Mangiare dolci è fantastico in ogni città, ma a Suzdal è davvero speciale. La piccola città si regge quasi interamente dal turismo. Non perdete l’opportunità di provare la medovukha (una bevanda leggermente alcolica a base di miele) gli yogurt locali (fatti con latte super fresco proveniente da mucche al pascolo nei prati circostanti). Assicuratevi di visitare uno dei ristoranti russi di Suzdal, anche se la scelta non è enorme, la città non ha neppure un solo fast food.

3) Le campane nel Monastero di Sant’Eutimio

Fondato nel 1352, il Monastero di Sant’Eutimio è un’imponente fortezza medievale che per lungo tempo è stata usata come prigione. Inoltre, il principe Dmitrij Pozharskij, una delle due personalità che salvò la Russia dall’invasione polacca, fu sepolto qui. Ma la caratteristica unica del monastero è il suo campanile con 17 campane storiche. Ogni domenica alle 13.30 c’è una visita guidata con un concerto di campane.

Come arrivare a Suzdal

Per arrivare a Suzdal, dovrete prima raggiungere Vladimir. Il viaggio in treno da Mosca (stazione Kurskij) dura circa 2 ore e i biglietti più economici partono da circa 300 rubli (4,10 euro). Da Vladimir, potete prendere un autobus per Suzdal, che ci mette tra 45 minuti e un’ora e costa sui 110 rubli (1,50 euro). Ci sono anche degli autobus diretti da Mosca (dalla stazione dei bus Shchelkovskij) per Suzdal: circa 4 ore di viaggio e 600 rubli (8,25 euro).

***

4. Samàra

Perché è sottovalutata?

Di tutte le città in questa lista, questa è la più lontana da Mosca (1.100 chilometri a sudest), motivo per cui è raramente inclusa negli itinerari turistici. Anche se Samara (1,1 milioni di abitanti) non è considerata una particolare perla architettonica o storica, vale davvero la pena visitarla, soprattutto in estate, quando la vita da spiaggia è animata sulle rive del Volga e sulle sue isole.

Cose da fare e da vedere

1) Le spiagge e le isole sul Volga

Ogni cittadino di Samara ama il “fiume madre” della città, il Volga. È bello venire qui in estate per godersi il tempo libero sul fiume. Fate una gita in barca sulle isole sparse lungo il gigante fiume. Potete anche campeggiare una notte su una di esse: è sicuro, e molti abitanti del posto vivono qui con le loro famiglie per tutta l’estate. O semplicemente, rilassatevi sulla spiaggia con un boccale di birra locale in mano.

2) La fantastica birra locale

Samara è famosa per la produzione di una delle birre più note del Paese, la Zhigulevskoe, che prende il nome dalle colline che circondano la città. Fondata nel 1881 dall’austriaco Alfred von Vakano, la birreria di Samara produce da allora senza sosta. Il cosiddetto “Dno” (“Il fondo”), un luogo in cui è possibile acquistare birra direttamente alla fabbrica, è molto popolare, quindi non perdete l’occasione di provare la cultura della birra locale al suo meglio!

3) Il vero bunker di Stalin

Questa è l’unica struttura sotterranea costruita per il leader sovietico fuori Mosca, nel caso in cui la capitale fosse stata presa dai nazisti. Dagli anni Novanta è aperto per visite guidate che devono essere prenotate in anticipo.

4) L’architettura Art Nouveau

Samara era uno dei più grandi centri commerciali della regione del Volga, e molti commercianti ricchi e influenti vivevano qui. Le loro dimore e gli edifici civici formano un insieme architettonico unico. Le case di Kurlina e Naumov, la Chiesa Cattolica del Sacro Cuore, la Sinagoga corale di Samara e la famosa Dacia di Golovkin, nota anche come “La casa degli elefanti”, sono solo alcune delle gemme che si possono ammirare qui.

Come arrivare a Samara

I treni per Samara partono ogni giorno dalla stazione Kazanskij di Mosca: ci vogliono tra le 14 e le 17 ore e i biglietti più economici partono da circa 2.500 rubli (34,40 euro). In alternativa, potete prendere un volo di un’ora e 45 minuti. Quelli low-cost (senza bagaglio) costano sui 2.200 rubli (30 euro) solo andata, gli altri partono da 3.900 rubli (53,60 euro). Tenete presente che l’aeroporto Kurumoch si trova abbastanza lontano dal centro della città.

***

5. Velìkij Nòvgorod

Perché è sottovalutata?

Situata a metà strada tra San Pietroburgo e Mosca, Velikij Novgorod (222 mila abitanti) viene solitamente saltata dai turisti che viaggiano in auto da una capitale all’altra. Oppure, i turisti trascorrono solo poche ore qui, mentre questa città merita almeno due giorni.

Cose da fare e da vedere

1) Il Cremlino di Novgorod

Questa imponente fortezza risale al 1044. Per molto tempo è stata la roccaforte di uno degli Stati più potenti del Nord Europa, la Repubblica di Novgorod. È in queste terre che lo Stato russo ha iniziato la sua storia mille anni fa. Il Cremlino offre un grande esempio di come erano costruite le fortezze medievali del nord e ospita un sacco di mostre uniche.

2) Gli scavi archeologici

Vicino al Cremlino di Novgorod sono in corso numerosi scavi archeologici: qui sono stati trovati vari manoscritti su corteccia di betulla. Potete camminare sulle antiche strade e conoscere la ricca storia della città. In estate, potrete anche vedere i più importanti archeologi e storici della Russia lavorare alla scoperta di antichi segreti.

3) Gli affreschi di Teofane il Greco

Nella Chiesa della Trasfigurazione di Velikij Novgorod, in via Iljina, gli originali affreschi del pittore bizantino Teofane il greco (1335 circa – 1410 circa) sono ancora intatti. Questo artista è stato il principale pittore di icone della Russia, maestro di Andrej Rubljov. Altre opere di Teofane si possono trovare solo a Mosca, dove sono molto più difficili da vedere, a causa della folla e degli orari del Cremlino di Mosca. Ma qui, nella Chiesa della Trasfigurazione di Velikij Novgorod, potrete godervi tranquillamente la sua arte per tutto il tempo che desiderate.

Come arrivare a Velikij Novgorod

Un treno da Mosca vi porterà a Velikij Novgorod (attenzione: la stazione ferroviaria si chiama Novgorod-na-Volkhove) in 8 ore. Il biglietto più economico costa sui 1.700 rubli (23 euro). In auto impiegherete dalle 5 alle 7 ore (sono 535 km).

Tre cittadine russe sottovalutate, ricche di monumenti e panorami mozzafiato 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie