Giganti di cemento abbandonati: cosa sono quelle enormi strutture che svettano tra le città russe?

Vladimir Smirnov/TASS
Per i russi rappresentano un panorama familiare. Costruiti in epoca sovietica, questi edifici sono oggi meta per blogger ed esploratori urbani in cerca di emozioni forti

Mostri di cemento armato che si alzano verso il cielo come giganti sonnecchianti. Svettano ai bordi delle strade, in mezzo ai campi o sulle rive dei fiumi. Per molti in Russia questi edifici abbandonati, fatiscenti e inquietanti, rappresentano un panorama familiare. 

No, non sono la scenografia di qualche nuovo blockbuster post-apocalittico, ma i resti dell’industria agricola sovietica: vecchi granai costruiti al tempo dei soviet e sopravvissuti fino a noi, oggi meta elettrizzante per esploratori urbani a caccia di selfie e instagrammer.

Sotto l’URSS questi elevatori di grano venivano utilizzati per immagazzinare grandi scorte di frumento, uno dei prodotti alimentari più importanti nel paese. Le strutture erano recintate e sorvegliate dalla sicurezza paramilitare controllata dallo Stato e la loro posizione precisa era spesso tenuta segreta.

Come abbiamo raccontato qui, la gente chiamava questi elevatori i “silos della patria”, perché contenevano riserve strategiche di grano capaci di sfamare l’intera Unione Sovietica in caso di guerra o altre necessità.

Uno dei più famosi e “frequentati” è quello di Yaroslavl. Queste torri alte 30 metri e chiamate “Elevatore alla base del grano #61” furono costruite nel 1938.

Oggi il sito è abbandonato e si narra che i visitatori che hanno cercato di addentrarvisi siano scomparsi misteriosamente. E anche se si tratta di una semplice leggenda, il sito continua a esercitare un fascino a dir poco inquietante.

“Vale la pena di fare un giro vicino [all'ascensore del grano di Yaroslavl], la vista è apocalittica. A volte, [l'ambiente è così inquietante] da far venire i brividi! Di notte è particolarmente suggestivo”, ha detto un blogger dopo aver visitato il sito.

Un altro iconico ascensore abbandonato si trova a Cheljabinskdal 1916 è tra i luoghi più riconoscibili della città e lo si può ammirare ancora oggi con le sue finestre in frantumi e le pareti sgretolate. Secondo molti, è il luogo più spettrale non solo di Cheljabinsk, ma di tutta la Russia. 

L'ascensore di Cheljabinsk

Ad ogni modo non tutti i granai del paese sono oggi abbandonati: questo insolito elevatore per il grano di Kaliningrad non assomiglia per niente alle inquietanti strutture abbandonate che vi abbiamo presentato poco fa. Costruito nel 1924, ricorda una casetta di pan di zenzero e viene utilizzato ancora oggi come deposito per il grano. 

L'elevatore per il grano di Kaliningrad

Tra gli elevatori abbandonati più conosciuti c'è quello di Novorossijsk, che si distingue per la sua forma più simile a un castello medievale che ai classici torrioni di epoca sovietica.

L'elevatore di Novorossijsk

Costruito in mattoni nel 1894, lungo 160 metri e largo 30, l'ascensore di Novorossijsk era il secondo più grande al mondo dopo quello di Chicago, negli Stati Uniti.

L'elevatore di Novorossijsk

Oggi questo elevatore abbandonato è circondato da moderni ascensori costruiti intorno alla struttura originale. Nonostante i suoi 127 anni, l’edificio è in buono stato di conservazione, soprattutto se paragonato agli altri elevatori sparsi lungo il territorio russo.

L'elevatore di Novorossijsk

L'ascensore di Samara assomiglia invece a due gigantesche lattine di birra. Questa struttura brutalista è stata costruita negli anni '70 e oggi è in stato di abbandono; a volte le sue facciate vengono coperte da enormi manifesti pubblicitari.  

L'ascensore sul Volga, Samara

Questo ascensore di grano a Naberezhnye Chelny è considerato un punto di riferimento importante della città ed è protetto dallo Stato come monumento di architettura industriale. È stato costruito tra il 1913 e il 1917.

L'ascensore a Naberezhnye Chelny

LEGGI ANCHE:Viaggio nella fabbrica di siluri di epoca sovietica abbandonata tra le acque del Daghestan

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie