Come venivano seppelliti i morti nella Russia precristiana?

Viktor Vasnetsov
Nel Paese sono rimasti dolmen, kurgan, case-tomba e anche testimonianze di sepolture fuori terra. Ecco tutto quello che hanno scoperto storici e archeologi

L’arrivo del cristianesimo nelle terre russe tra il X e l’XI secolo significò un profondo cambiamento o una completa cancellazione delle tradizioni pagane precedentemente attive tra i molti popoli che abitavano il territorio di quella che è la Russia moderna. Con lo sviluppo dello Stato russo, i russi cristiani conquistarono e sottomisero sempre più terre a est: prima gli Urali e poi la Siberia.

LEGGI ANCHE: In che anno la Russia si è davvero convertita al cristianesimo?

La cristianizzazione dei territori appena sottomessi era una parte inseparabile del processo di conquista. Così anche i riti funebri cristiani lentamente sostituirono quelli indigeni. Tuttavia, le fonti archeologiche e storiche sono riuscite a preservare una ricchezza di informazioni su come i vari popoli della Russia seppellivano i loro morti prima che iniziassero a prevalere i rituali di sepoltura cristiani. Diamo un breve sguardo ai vari riti funerari.

Le sepolture fuori terra

Una sepoltura fuori terra trovata in una foresta russa

Sembra che le sepolture fuori terra fossero praticate tra i popoli della Russia molto prima del cristianesimo. I racconti popolari russi hanno conservato menzioni echeggianti tali rituali. Baba Jagà, la strega cattiva, vive in una capanna su zampe di gallina nel profondo della foresta. Questa capanna non ha finestre o porte e Baba Jaga ha ossa al posto delle gambe. A quanto pare, qui il racconto popolare descrive una sepoltura fuori terra: uno scheletro sepolto in una bara di legno, posta su gambe di legno.

La

È noto che i Mokshi, un gruppo etnico che vive in Mordovia, nella Russia centrale (insieme agli Ersiani e ai Mari sono detti “i Finlandesi del Volga”), usavano seppellire i loro sciamani in questo modo. Più tardi, durante la cristianizzazione della Russia, la maggior parte di tali tombe furono distrutte, ma la stessa pratica funeraria rimase in uso in Siberia per secoli a venire, poiché lo Stato russo fu lento nel conquistare e controllare tutta la sterminata Siberia.

Donne Mokshi, un gruppo etnico che vive in Mordovia, con gli abiti tradizionali. Inizio del '900

LEGGI ANCHE:Ecco a voi Ermak, l’eroe russo che con un manipolo di uomini conquistò la Siberia

I Nenci (o Nenezi, o Nenets) sono il più grande gruppo etnico originario della Siberia. Nella loro visione dell’aldilà, l’anima di un umano dopo la morte va avanti con il modo di vivere che ha condotto quando era in vita. Quindi, era molto importante seppellire velocemente i morti. Il giorno successivo alla morte, il corpo veniva trasportato al luogo di sepoltura utilizzando renne.

LEGGI ANCHE: Come vivono e come vivevano cento anni fa i piccoli popoli indigeni della Russia?

I cimiteri dei Nenci erano solitamente situati sulle cime delle colline. Dopo che il corpo era stato portato lì, veniva posto all’interno di una bara di legno insieme a strumenti, armi e altre cose di cui il defunto avrebbe potuto aver bisogno nell’aldilà. Tutte queste cose venivano piegate o rotte in anticipo, in modo che potessero essere utilizzate nell’aldilà. La renna che trasportava la salma veniva sacrificata nel luogo della sepoltura. Ma non era una sepoltura in senso stretto, perché i Nenci non seppellivano i loro morti: la terra ghiacciata del nord non permetteva di scavare buche profonde, quindi la bara veniva ricoperta di sterpaglia e lasciata sul posto. Gli abitanti dei villaggi non curavano le tombe: i corpi  venivano lasciati a decomporsi naturalmente. Se morivano neonati o bambini, i loro corpi venivano appesi in sacchi di tela sui rami degli alberi, in una sorta di “sepoltura celeste”.

L'etnografo V. Vasiljev davanti a una tomba jakuta nella regione dello Enisej, Siberia, 1905

Anche il popolo buriato, che vive nella zona del Bajkal e nelle sue vicinanze, praticava sepolture fuori terra. I buriati vestivano i loro parenti morti con gli abiti più belli, li stendevano a terra con armi, strumenti e finimenti per i cavalli, e poi li ricoprivano di terra, pietre o sterpaglie. Cercavano di posizionare il corpo dove si trovano animali selvatici, in modo che l’anima potesse andare rapidamente dai suoi antenati.

Le case-tomba degli Altaj

Lo scavo di una sepoltura Pazyryk

Negli anni Novanta sull’altopiano di Ukok, nella Repubblica degli Altaj, in Russia, sono state scoperte dagli archeologi russi vaste necropoli. Le sepolture a tumulo, o kurgán, come vengono chiamate in Russia, appartengono alla cosiddetta Cultura di Pazyryk, l’antica società scita che abitava questo territorio nel V-IV secolo a.C.

La scoperta più notevole è stata la cosiddetta  “Principessa degli Altaj” (in italiano spesso detta anche “Mummia dell’Altaj”), una sciamana tatuata sepolta con sei cavalli sacrificati e molti tesori. Ma era solo una delle tante sepolture in cui il corpo era sorprendentemente ben conservato a causa delle acque che hanno inondato i luoghi di sepoltura e poi si sono congelate, preservando il contenuto delle tombe incastonato nel ghiaccio.

Raffigurazione della camera sepolcrale di Pazyryk quando fu scoperta (a sinistra) e la sua ricostruzione (a destra)

I kurgan di Pazyryk erano vere e proprie case fatte per i morti. Una capanna di tronchi veniva posta sottoterra, con una stanza separata all’interno per l’alloggiamento del corpo. Completamente vestito, il cadavere veniva posto in una bara di tronchi e intorno alla bara erano collocati gli effetti personali necessari per l’aldilà: cavalli, finimenti, tappeti, armi e persino carri. Naturalmente, solo i nobili e ricchi della società di Pazyryk venivano sepolti in un modo così costoso ed elaborato.

LEGGI ANCHE:Sei incredibili siti preistorici della Russia

I kurgan slavi

Un antico kurgan a Teplyj Stan, Mosca

Un kurgan è un tipo di tumulo funerario costruito sopra una sepoltura. Per lo più, i kurgan venivano costruiti per le persone ricche e nobili: guerrieri, principi e così via, e di solito erano solo piccole ripide colline formate sopra la tomba. I kurgan si diffusero in gran parte dell’Asia centrale e dell’Europa durante il III millennio a.C.

Ci sono ancora molti kurgan slavi nella Russia centrale, ma tutti ora sono solo collinette: durante la lunga storia della loro esistenza, tutti i kurgan visibili sono stati saccheggiati in cerca di tesori. Tuttavia, sappiamo come venivano eseguite le sepolture nei kurgan.

Un gruppo di kurgan vicino al lago Meglino, nella regione di Novgorod

Un kurgan doveva essere costruito rapidamente unendo una massa di terra e circondando le fondamenta con pietre o tronchi di legno. Il corpo del defunto era vestito con gli abiti migliori e si teneva una festa funebre, insieme alla cremazione del corpo. I resti venivano poi interrati all’interno del kurgan e ricoperti di terra e pietre. Insieme al corpo, potevano essere sepolti armi, armature, utensili domestici, denaro e altri oggetti. Nessuna lapide o altri segni venivano collocati sopra ai kurgan slavi.

LEGGI ANCHE:Cinque incredibili scoperte archeologiche russe

I dolmen

Un dolmen vicino al fiume Zhane, nella regione di Krasnodar

I dolmen, antiche tombe megalitiche, sono così antiche che non conosciamo nemmeno le culture da cui hanno avuto origine. I dolmen risalgono al 3000-2000 a.C. In Russia, la maggior parte di essi si trova nel Caucaso settentrionale.

Create con arenaria e pietre calcaree, le tombe dolmen hanno solitamente quattro pareti monolitiche e un tetto. Veniva praticato un foro in una delle pareti, molto probabilmente per posizionare il corpo all’interno della camera chiusa. Dei tappi di pietra erano probabilmente utilizzati per chiudere questi fori. E anche i dolmen potevano essere ricoperti di kurgan di terra.

Non sono state però trovate tracce di kurgan o resti umani all’interno dei dolmen, a causa dell’età molto antica delle strutture. Ma possiamo essere sicuri che furono usati come tombe: sono astronomicamente orientati, con alcuni chiaramente usati come cripte di famiglia, e altri come santuari.

LEGGI ANCHE: Scoperti rari petroglifi sui monti Altaj: serviranno per studiare gli antichi popoli della zona

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie