Scoperti rari petroglifi sui monti Altaj: serviranno per studiare gli antichi popoli della zona

Università statale di Gorno-Altajsk
Risalgono al II secolo a.C. e raffigurano prevalentemente scene di caccia e combattimento

Nella parte orientale dei monti dell'Altaj, non lontano dai kurgan Pazyryk (tumuli caratteristici dell'Asia centrale), gli archeologi hanno riportato alla luce antichi petroglifi risalenti al 500 d.C. circa. Lo riferisce l'agenzia TASS

Questi disegni del passato rappresentano le yurte, habitat dei popoli turchi che occuparono questi territori durante l'alto medioevo.

“L'archeologia moderna conosce solo pochi disegni di questo tipo”, spiega Nikita Konstantinov dell’Università statale di Gorno-Altajsk, aggiungendo che si tratta di un reperto unico.

Sono stati individuati petroglifi che mostrano, tra l'altro, scene di caccia e di combattimento, nonché un cacciatore a cavallo con lancia e bandiera. Tutti sono caratterizzati da un'abbondanza di dettagli che permettono di studiare l'aspetto dei popoli che abitavano l'Altaj diversi secoli fa. 

Infine, sulle pietre è stato scoperto un disegno risalente al II secolo a.C., e quindi all'età del bronzo: rappresenta un carro.



Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie