Mikhail Gorbachev compie 90 anni: storia fotografica dell’uomo che ha cambiato il mondo

AP
Il primo e unico “Presidente dell’Urss” nasceva il 2 marzo 1931 in un villaggio vicino a Stavropol. Con la Perestrojka portò l’Unione Sovietica al crollo e fece mutare gli equilibri geopolitici

Mikhail Gorbachev è nato nel 1931, proprio mentre Stalin, con la lotta contro i kulakì, cercava di imporre una volta per tutte la definitiva collettivizzazione delle terre. Nessuno allora avrebbe potuto immaginare che sei decenni dopo, non solo l’imprenditoria privata avrebbe riottenuto la libertà, ma anche una quindicina di popoli sarebbero andati ognuno per la propria strada, grazie al crollo dell’Urss e a questo ragazzo di un villaggio (Privólnoe; allora circa 5.500 abitanti, oggi 3.400) nel Territorio di Stàvropol, nel Caucaso settentrionale.

Mikhail Gorbachev a 4 anni

Gorbachev crebbe in una famiglia di contadini come tante, e durante l’infanzia e l’adolescenza lavorò nei campi su una mietitrebbia. Quindi sapeva bene cosa fosse la collettivizzazione di Stalin. Ma uno dei suoi nonni era a capo proprio del locale kolkhoz, la fattoria collettiva, e quindi gli orrori della collettivizzazione sotto forma di carestia, arresti ed esilio non colpirono la sua famiglia.

Mikhail e Raisa Gorbachev da giovani

Dopo la Seconda guerra mondiale (il villaggio natale fu occupato per quattro mesi dai nazisti) Gorbachev si diplomò a scuola (all’istituto agrario) con il massimo dei voti, divenne un attivista del Komsomol, la gioventù comunista, e ricevette persino l’Ordine della Bandiera rossa del lavoro per aver aiutato suo padre, operatore di mietitrebbia, a realizzare un raccolto da record.

Mikhail Gorbachev durante un discorso nel 1973

Successivamente, questa esperienza lo aiuterà. Ma prima di scalare la gerarchia del partito, entrerà nella migliore università del Paese, la Statale di Mosca, nella Facoltà di giurisprudenza, laureandosi nel 1955. E poi, a quanto ha raccontato lui stesso, inizierà “un processo, lungo anni, di ripensamento della storia del Paese”.

Mikhail Gorbachev e sua moglie Raisa Maksimovna mentre piantano un albero tradizionale indiano Ciampac

Nel 1950 conobbe la sua futura moglie, Raisa (1932-1999), che divenne la sua fedele compagna e migliore amica. Il matrimonio ebbe luogo nella mensa di un dormitorio studentesco nel 1953.

Il leader cubano Fidel Castro e il presidente sovietico Mikhail Gorbachev nel 1989

La carriera di partito di Gorbachev si sviluppò rapidamente. Si conquistò la fiducia dei due uomini più influenti del Paese subito dopo il segretario generale del Pcus Leonid Brezhnev, e anche con lui fu sempre in buoni rapporti. Alle spalle, la nomenklatura lo chiamava “il capo di Stavropol”.

Mikhail Gorbachev con il primo ministro britannico Margaret Thatcher

Gorbachev divenne il capo del Paese nel 1985. Era molto diverso dagli ultimi suoi predecessori alla carica di Segretario generale, che non potevano vantare né una buona salute né una mente lucida. Giovane (54 anni; per il Politburo era considerata un’età bassa), sano, di mentalità aperta, istruito, non aveva paura della comunicazione diretta con le persone per strada. Gorbachev era in sintonia con l’Occidente e il popolo sovietico assetato di cambiamento. Françoise Sagan disse di lui: “È una persona troppo inaspettatamente normale”.

Mikhail Gorbachev viene accompagnato all'aeroporto di Kiev, prima del suo rientro a Mosca, dal primo segretario del Partito Comunista d'Ucraina Vladimir Shcherbitsky

“Accettando la carica statale, di fatto suprema, di Segretario generale del Comitato centrale del Pcus, ho capito che era impossibile vivere come vivevamo ancora a lungo e che non mi sarei permesso di restare a ricoprire quella carica se non fossi stato supportato nell’attuazione di riforme profonde”, ha ricordato Gorbachev. E i cambiamenti seguirono rapidamente.

Mikhail Gorbachev nel 1986

Prima di tutto, dichiarò aperta una “battaglia per la sobrietà”, avviando una campagna proibizionista dell’alcol, visto che l’alcolismo rappresentava un grosso problema nel Paese.

L'ex presidente Ronald Reagan e l'ex presidente sovietico Mikhail Gorbachev nel 1992 nel

Poco dopo aver assunto la guida del Paese, incontrò il presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan. I leader delle due superpotenze si strinsero la mano per la prima volta in tanti anni. Questo fu l’inizio della fine della Guerra Fredda e del disarmo nucleare. La nuova realtà ebbe rapidi sviluppi.

Mikhail Gorbchev alla guida di una mietitrice

Gorbachev nel marzo del 1990 privò il Pcus dello status costituzionale di partito unico e organizzò una massiccia epurazione nei suoi ranghi. La censura venne eliminata per legge e altre pratiche sovietiche, come il monopolio statale sul commercio estero, vennero cancellate.

George H. Bush e Mikhail Gorbachev

Dopo Reagan, Gorbachev incontrò i leader americani più di una volta. “Guardate, questo ragazzo è la Perestrojka!”, disse di lui in una di quelle occasioni Bush padre.

Il 15 maggio 1988 Gorbachev iniziò il ritiro delle truppe sovietiche dall’Afghanistan

Mikhail Gorbachev ed Erich Honecker, 1987

Due anni dopo, svolse un ruolo chiave nella caduta del muro di Berlino e nella successiva riunificazione della Germania. Nel marzo 1990, dopo l’istituzione di questa carica, diventò il primo (sarebbe stato anche l’unico) Presidente dell’Urss (fu eletto dal Congresso dei deputati del popolo dell’Unione Sovietica).

Mikhail Gorbachev entra nell'aula magna per una conferenza sulla pace, a lungo rimandata

“Per il suo ruolo di primo piano nel processo di pace che oggi caratterizza parti importanti della comunità internazionale“, nel 1990 Gorbachev vinse il Premio Nobel per la Pace.

Mikhail Gorbachev e il presidente americano Ronald Reagan in Piazza Rossa nel 1988

Tuttavia, la politica di non violenza e democratizzazione all’interno del Paese ebbe le sue conseguenze: l’Unione Sovietica iniziò a essere travolta da una tempesta di conflitti etnici. Il rovinoso crollo dell’Urss è ancora il principale rimprovero mosso a Gorbachev.

Mikhail Gorbachev, ottobre 2006

Dopo il dicembre 1991 e le sue dimissioni lasciò la grande politica. Ha poi dato vita alla Fondazione Gorbachev e alla Green Cross, e si oppose nettamente al primo Presidente della Federazione Russa Boris Eltsin. Nel 2014, davanti agli studenti dell’Università Statale di Mosca, ha ammesso la propria responsabilità per il crollo dell’Unione Sovietica: “Ho cercato di salvarla, ma non ci sono riuscito. […] Di questo porto la responsabilità. Nessuno mi ha mandato via, ho lasciato io il mio posto, perché non riuscivo a spuntarla su chi mi si opponeva”.


I quattro principali successi di Mikhail Gorbachev in politica estera 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie