Come si festeggiavano i compleanni in Unione Sovietica? (FOTO)

Boris Babanov/Sputnik
Non c’erano certo le agenzie specializzate nell’organizzare party come nella Russia di oggi, ma, pur nella semplicità, si divertivano tutti, sia adulti che bambini

Gran parte della popolazione dell’Urss non viveva nel lusso. E non c’erano certo, a differenza di oggi, agenzie specializzate nell’organizzare feste di con i fiocchi. E così i sovietici, per il compleanno dei figli dovevano essere creativi.

Così appariva una tipica festa di compleanno nell’Urss

In occasione dei compleanni dei bambini, la mamma, di regola, o la nonna, portava a scuola o all’asilo una torta fatta in casa, in modo che il piccolo potesse festeggiare con i compagni e le compagne di classe.

Di solito si trattava di una festa modesta, con una torta semplice o dei dolcetti di pan di zenzero o dei waffle, quel tanto che bastava per rallegrare il festeggiato e i suoi amichetti.

Un tipico compleanno sovietico negli anni Sessanta

Al bambino che compiva gli anni venivano quindi tirate le orecchie in numero pari alla sua età, mentre tutti nella stanza contavano ad alta voce. A volte, la tirata d’orecchie veniva sostituita da un rituale meno comune, con i compagni che, da seduti, lanciavano in aria il bambino festeggiato e lo riprendevano. Poi tutti gridavano “Urrà!” e si proseguiva mangiando i dolcetti o la torta, con il tè.

A volte, un bambino che compiva gli anni poteva invitare i suoi migliori amici a una festicciola in casa. In questo caso, il menù era solitamente più elaborato e, oltre ai dolci, comprendeva anche un piatto principale come pollo o pesce con patate, insalate, frutta, kompot fatto in casa o tè.

L’interno dell’appartamento dove si festeggiava il compleanno era a volte decorato con festoni realizzati e colorati a mano, oppure con foto del festeggiato o palloncini.

Festoni per un compleanno realizzati e decorati a mano

Visto che organizzare una festa in casa richiedeva più impegno che portare qualche dolcetto a scuola, gli ospiti dovevano presentarsi con regali più sostanziosi e costosi. I genitori del bambino che compiva gli anni spesso optavano per regali utili: cose pratiche come vestiti nuovi o articoli per la scuola (uno zaino, un astuccio, ecc.), i compagni di solito donavano qualcosa di più divertente, anche se meno pratico, come giocattoli o altri oggetti di grande interesse per i bambini.

Una ragazzina mostra uno dei regali ricevuti

Dopo che tutti avevano mangiato a sufficienza, gli ospiti e il festeggiato riprendevano a giocare all’interno della casa o, più spesso, fuori, se la stagione lo consentiva. I bambini giocavano a nascondino o a guardie e ladri, gioco, quest’ultimo, noto nell’Urss nella variante “Cosacchi e banditi”

Il sesto compleanno, nel gennaio 1972, del futuro regista e attore Egor Konchalovskij

A volte, gli ospiti rimanevano più a lungo a casa del festeggiato e si dedicavano a una variante del gioco della pentolaccia: un mucchio di giocattoli e altri oggetti erano appesi a corde. Ai bambini venivano bendati gli occhi e, forbici alla mano, dovevano cercare di tagliare le corde per guadagnarsi i giochi.

Ragazze celebrano un compleanno tra amiche; settembre 1979

Tuttavia, non tutti coloro che sono cresciuti in Unione Sovietica hanno ricordi di particolari festeggiamenti per i compleanni. Secondo i ricercatori russi che hanno studiato la tradizione delle feste di compleanno in Unione Sovietica, il 20% dei bambini cresciuti nelle zone rurali dell’Urss dalla fine degli anni Sessanta alla fine degli anni Ottanta non festeggiavano per niente il proprio compleanno.

Donne celebrano il compleanno di una loro collega nella fabbrica di abbigliamento “40 anni del Komsomol” a Tiraspol, RSS Moldava, nel 1964
Donne donano fiori per il compleanno di una collega nella fabbrica di abbigliamento “40 anni del Komsomol” a Tiraspol, RSS Moldava, nel 1964

Gli adulti invece sì, al lavoro con i colleghi o a casa con gli amici. Se, nel giorno del loro compleanno, andavano in fabbrica o in ufficio, dovevano portare cibo e bevande da offrire ai colleghi.

A turno i colleghi facevano gli auguri al festeggiato o alla festeggiata e consegnavano loro il regalo.

Donne incartano il regalo per il compleanno di una collega nella fabbrica di abbigliamento “40 anni del Komsomol” a Tiraspol, RSS Moldava, nel 1964

Alcuni uomini sovietici potevano permettersi di organizzare una festa più in grande stile. L’artista e attore sovietico Anatolij Eliseev (1930-) portò i suoi amici alla celebre banja Sanduny per il suo compleanno nel 1971.

Uomini bevono birra e mangiano pesce essiccato al compleanno di Anatolij Eliseev

…e si divertono a modo loro

…e si divertono a modo loro

I politici più potenti adoravano feste di compleanno sontuose.

Foto del settantesimo compleanno del segretario generale del Pcus Leonid Brezhnev nel 1977

E party scatenati potevano essere organizzati da artisti e celebrity.

Foto scattata alla festa per il 31º compleanno dell’artista, attore e musicista German Vinogradov nel 1988


Come erano le discoteche in Unione Sovietica? Guardate queste foto e lo capirete 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie