Le stravaganze di Khrushchev in quei viaggi all’estero che divennero leggenda

Getty Images
Il leader sovietico non nascondeva le sue umili origini e in molte occasioni ufficiali sfoggiò la sua eccentrica spontaneità, che divenne oggetto di scherno da parte del popolo. Eccolo, sorridente e bonaccione, durante le sue visite all’estero

L’URSS vantava buone relazioni con Cuba, che si riflettevano anche nei rapporti tra Khrushchev e Fidel Castro.

In una foto del 20 settembre 1960, il leader cubano Fidel Castro, a sinistra, incontra il leader sovietico Nikita Khrushchev alle Nazioni Unite

Nikita Khrushchev era talmente contento di poter accogliere l’amico Fidel a Mosca, che in un’occasione lo fece salire in cima al mausoleo di Lenin: un vero onore per un leader straniero!

In questa foto del 1° maggio 1963, il leader cubano Fidel Castro, a sinistra, e il premier sovietico Nikita Khrushchev si stringono la mano al mausoleo di Lenin in Piazza Rossa a Mosca

Avrà retto bene, Fidel, l’espansiva accoglienza russa? 

Un momento della visita di Fidel Castro a Mosca

Nel 1959 sarà Khrushchev a far visita agli Stati Uniti, dove divenne amico dell’agricoltore americano Roswell Garst. Lì Khrushchev rimase impressionato dalle tecniche di coltivazione del grano e dai risultati della raccolta.

Il leader sovietico Nikita Khrushchev con Roswell Garst, 23 settembre 1959

Non stiamo scherzando! Esistono decine di foto che ritraggono Khrushchev tra le pannocchie americane! 

Un momento della prima visita di Khrushchev negli Stati Uniti

Alla fine, nel 1960, avviò la campagna del grano in URSS, con l’intenzione di aumentare la produzione di mais. Ma il piano non andò come sperato...

Khrushchev con una pannocchia in mano

Ed ecco Khrushchev in un momento di sport...

Nikita Khrushchev durante la sua visita negli Stati Uniti, 23 settembre 1959

Nel 1960 tenne un famoso discorso all’ONU, durante il quale, si dice, avrebbe sbattuto una scarpa sul tavolo; in realtà, come abbiamo raccontato qui, in quella infuocata Assemblea generale maneggiò sì una scarpa, ma non la sbatté di certo sulla tribuna dell’oratore!

Nikita Khrushchev e Jacqueline Kennedy

Egli ebbe anche l’onore di incontrare Jacqueline Kennedy. E in questa foto il timido Khrushchev sembra quasi vacillare, indeciso se stringerle la mano o baciargliela come forma di galanteria...

Nel 1955, Khrushchev si reca in India: eccolo con l’abito della tradizione locale! 

Khrushchev con il primo ministro del Kashmir

Ed ecco un’altra storica foto scattata in India: Khrushchev e il primo ministro del Kashmir che si imboccano a vicenda, come vuole la tradizione locale. 

Khrushchev pianta un albero durante la sua visita ufficiale in India nel 1955

Eccolo, invece, in compagnia del leader cinese Mao Zedong durante una visita nel 1958. 

La cerimonia di accoglienza di Khrushchev in Ungheria

Nel 1960, Khrushchev fece visita all’Ungheria, un paese che faceva parte del blocco orientale...

...e lì si sentì come a casa: non per niente, anche lui era cresciuto in un villaggio.

Partita a shuffleboard con il leader ungherese János Kádár

Khrushchev durante una partita a shuffleboard con il leader ungherese János Kádár. 

Khrushchev e Brezhnev accolgono Walter Ulbricht, leader della Germania Est

Un altro capo comunista che meritava un abbraccio fu Walter Ulbricht, storico leader della Germania Est. Il suo successore, Erich Honecker, fu immortalato sul muro di Berlino durante quel famoso bacio in bocca con Brezhnev che fece il giro del mondo.

Il leader sovietico Nikita Khrushchev con Charles E Bohlen, ambasciatore degli Stati Uniti in Unione Sovietica, 1955 circa
Khrushchev a pesca con il presidente jugoslavo Josip Broz Tito
Il premier sovietico Nikita Khrushchev (a sinistra) visita la Fattoria Collettiva
Nikita Khrushchev con il leader cinese Mao Zedong durante la sua visita in Cina dell'agosto del 1958
Nikita Khrushchev a New York, USA, nel settembre del 1960

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie